Corona ruba il trono a «LEGO»
Novità aziendali

Corona ruba il trono a «LEGO»

Rico Schüpbach
Zurigo, il 06.10.2020
Traduzione: Sanela Dragulovic

Cosa cercano i clienti su Galaxus? E in quale fascia oraria fanno le loro ricerche? Uno sguardo alle statistiche di ricerca dimostra che la pandemia ha lasciato tracce profonde. Per un breve periodo di tempo addirittura «LEGO» ha perso la sua prima posizione tra i prodotti ricercati. Poco prima di Natale o nel bel mezzo delle vacanze estive, «Lego» è stato da tempo il termine più ricercato su Galaxus.

Con l’arrivo della pandemia di coronavirus il comportamento di acquisto delle persone ha subito importanti cambiamenti. Infatti, sia in primavera che in estate i mattoncini di plastica hanno perso il trono tra i prodotti più ricercati. Improvvisamente tutti volevano solo mascherine e disinfettanti. Tuttavia, il desiderio di giocare dei clienti Galaxus non è svanito: i LEGO hanno recuperato terreno e hanno raggiunto nuovamente la prima posizione.

Il 25 febbraio, un settantenne ticinese è risultato positivo al coronavirus. I termini di ricerca «mascherine protettive» e «disinfettante» hanno subito fatto boom. Dopo il notevole aumento dei casi accertati, il 16 marzo il governo ha deciso di imporre il lockdown. Alla fine di aprile abbiamo avuto il primo allentamento delle misure: i negozi di bricolage, i centri di giardinaggio e i parrucchieri hanno potuto riaprire. Le mascherine protettive erano sempre tra i prodotti più richiesti. Il terzo picco è arrivato a luglio, quando è stato introdotto l’obbligo della mascherina sui trasporti pubblici. Un quadro simile è emerso anche nella Svizzera romanda. A proposito, la ricerca delle mascherine è stata purtroppo spesso vana, soprattutto all'inizio della pandemia: per un determinato periodo erano completamente esaurite da Galaxus.

Termini di ricerca, da gennaio a settembre 2020
Termini di ricerca, da gennaio a settembre 2020

Anche in Ticino la ricerca di mascherine è stata una vera e propria sfida. Non c'è da stupirsi, visto che il Ticino è considerato il cantone più colpito. La ricerca delle mascherine ha avuto diversi picchi. Tuttavia, i ticinesi non hanno rinunciato completamente all'estate: da maggio in poi, la «piscina» ha preso il posto sul podio sostituendo la tanto ambita mascherina. Nel frattempo, gli anglofoni cercavano «mask», «face mask» e «dettol».

Le principali 10 parole chiave

Nello stesso periodo dello scorso anno (da gennaio ad agosto 2019) la crisi di coronavirus era ancora lontana. Infatti, i termini di ricerca «Lego», «Dyson» e «Pampers» echeggiano giocosi e spensierati. Per dirla senza mezzi termini, nel 2019 l'unica preoccupazione della Svizzera, a parte il divertimento e i giochi, erano i pannolini sporchi. Tuttavia, un anno dopo, si presenta un quadro completamente diverso:

I principali 10 termini di ricerca per la Svizzera tedesca

I principali 10 termini di ricerca per la Svizzera tedesca, da gennaio a settembre 2019 vs. da gennaio a settembre 2020
I principali 10 termini di ricerca per la Svizzera tedesca, da gennaio a settembre 2019 vs. da gennaio a settembre 2020

I principali 10 termini di ricerca per la Svizzera romanda

I principali 10 termini di ricerca per la Svizzera romanda, da gennaio a settembre 2019 vs. da gennaio a settembre 2020
I principali 10 termini di ricerca per la Svizzera romanda, da gennaio a settembre 2019 vs. da gennaio a settembre 2020

Comportamento di ricerca stagionale

Non appena la crisi tende ad alleviarsi, le ricerche vengono principalmente influenzate da fattori stagionali come il tempo e le attività del tempo libero. In estate i clienti cercano barbecue, piscine e stand-up-paddle, in inverno bollitori e tutto ciò che riguarda gli sport sulla neve. Ma anche l'ora del giorno gioca un ruolo significativo. Più tarda è l'ora, più attiva è la ricerca, almeno fino a quando non chiama Morfeo: le ore di punta per le ricerche sono le 13 e le 21. Tra l'una e le sei del mattino, Galaxus registra un basso numero di ricerche. I nostri clienti avviano il motore di ricerca Galaxus a partire più o meno dalle sei del mattino.

A 71 persone piace questo articolo


Rico Schüpbach
Rico Schüpbach

Public Relations Manager, Zurigo

Professionalmente, mi piace creare storie per le pubbliche relazioni. Sono sempre stato affascinato dalla pubblicità, dalle riviste e dai prodotti mediatici di ogni tipo – da trashy Britney all'«highly intellectual» Judith Butler. Nel tempo libero affilo la mia visione critica sugli sviluppi sociali e smantello i luoghi comuni. Non c'è niente di più inutile che ruminare continuamente modelli obsoleti.

Potrebbero interessarti anche questi articoli