Opinione

Bici sporca, testa pulita: come lo sport aiuta a ripulire la mente

Traduzione: Leandra Amato

Lo sport è salutare: non solo per il corpo, ma anche per la mente. Mi aiuta molto con la mia «igiene mentale». Ecco un esempio.

Prima di passare all'aspetto sportivo di questa storia, devo fare un piccolo passo indietro. Spero vada bene. E cosa più importante: qui non vengono elogiati né criticati prodotti. Se vuoi acquistare caschi da bici o scarpe da trekking, clicca i link. Grazie.

Ora siamo pronti a partire. Viviamo in tempi difficili. Probabilmente ogni momento è difficile a modo suo. Penso ai miei nonni, per esempio, che hanno vissuto due guerre mondiali, non nella neutrale Svizzera, bensì nei paesi belligeranti Austria e Francia.

Alla serata dei genitori della scuola secondaria di mia figlia, qualche giorno fa, i mediatori e le mediatrici facevano il loro lavoro in sottofondo, spiegando ai genitori ucraini quello che veniva detto. Guerra allora, guerra oggi.

Di recente, il mio capo mi ha inviato un articolo dello ZEIT Magazin e mi ha detto che avrei dovuto leggerlo. L’ho fatto.

Chi vuoi essere?

Cinque anni fa, l’autore ha deciso di diventare vegano. Nell'articolo, descrive cosa significa non accettare più la normalità fatta di grigliate, voli e auto. Spoiler: a quanto pare è stata una delle migliori decisioni della sua vita. Perché alla fine si trattava di scegliere chi si vuole essere, indipendentemente da ciò che farebbero le persone che ti stanno intorno.

Poco dopo aver letto l'articolo, mi trovavo a un barbecue con ex colleghi e colleghe. Tra le altre cose, si mangiava carne. Anche io, visto che non sono vegano o vegetariano. E, naturalmente, si è parlato anche della crisi climatica. Altrettanto naturalmente, è saltato fuori l'argomento che si ripropone sempre in questo contesto, ovvero che qualsiasi misura da parte nostra non sarebbe servita a nulla finché «i cinesi» avessero fatto quello che hanno fatto in termini di protezione del clima: ovvero nulla. Tra l’altro, è provato che tale informazione è falsa.

È stato proposto anche il secondo argomento killer utilizzato con grande regolarità nel dibattito sulla protezione del clima e sulla questione di quanto costerà e chi pagherà per tutto questo: i posti di lavoro. Molti di questi, infatti, andrebbero persi se ci mettessimo in una posizione di svantaggio competitivo rispetto alla Cina attraverso misure di protezione del clima. Questo era il tenore generale della grigliata.

Quella stessa notte si è abbattuto un violento temporale, con pioggia e grandine alternate a venti fortissimi. Pensavo che doveva essere così che qualcuno immaginava l’apocalisse mentre stavo a bocca aperta alla finestra a guardare lo spettacolo.

Pedalare e pensare

Chi voglio essere? Nella crisi. Nelle crisi. Questa domanda non mi dava pace. Ho fatto quello che faccio spesso in questi momenti: sono salito sulla mia gravel bike (sì, viene da Taiwan) e sono partito. Era la mattina dopo la presunta fine del mondo. Ho pedalato intorno a casa, cosa che faccio regolarmente da un anno e mezzo. Già qualche giorno prima avevo iniziato a farmi certi pensieri:

  • Opinione

    Quando una nuova maglietta da ciclismo solleva domande esistenziali

    di Patrick Bardelli

Ormai conosco bene il percorso intorno a casa mia, so dove sono i punti pericolosi, dove devo andare a destra o a sinistra, dove posso accelerare o frenare. In parole povere: ho tempo per riflettere.

E poi il pensiero mi ha colpito, come uno dei fulmini della sera prima. Cosa mi importa della Cina? Se si butteranno tutti nel fiume Yangtze – se non si prosciuga prima – mi butterò dopo di loro? Ma no. Cosa mi importa del mio vicino che brucia i suoi rifiuti nel caminetto con una certa regolarità? Devo bruciare i miei rifiuti in giardino per questo motivo?

Sono arrabbiato con il vicino e con i cinesi? Ovviamente. Ma non è ipocrita da parte di noi occidentali aver esternalizzato la produzione in Cina negli ultimi 20 o 30 anni, e con essa le emissioni di CO₂? Ci vuole un bel po' di arroganza per alzarsi e puntare il dito contro l'Est. Ad essere sincero, sono più infastidito dal mio vicino di casa.

E i posti di lavoro? Potrebbero subire pressioni in caso di costi ambientali aggiuntivi che rendano più costosi prodotti e servizi. Sì, lavoro per un rivenditore online che spesso ha una sola risposta a tutte le domande: di più. Cos'altro potrebbe dire? Tranne un maggior fatturato, un maggior profitto, un maggior numero di prodotti. È così che funziona il nostro sistema. Più consumo. Ci uccide, ma mantiene in vita i posti di lavoro. Forse è vero che prima serve un posto di lavoro e solo dopo un pianeta funzionante. Tuttavia, sospetto che sia il contrario.

L'effetto Pippi Calzelunghe

Facciamo il mondo come piace a noi... Noi esseri umani abbiamo la capacità di piegare mentalmente la realtà per adattarla al nostro comportamento. Al contrario, sembriamo avere più difficoltà. E io non sono un’eccezione. Non guido l'auto, non ho la patente. Negli ultimi 20 anni sono salito su un aereo esattamente tre volte. Non è quindi difficile per me puntare il dito contro gli automobilisti e i frequent flyer e chiedere loro di farne a meno. Così come è facile per i «griglietariani» puntare il dito contro la Cina e mettere un'altra bistecca sul fuoco.

D'altro canto, mangio regolarmente carne e ho un debole per i profumi costosi, i cappellini da baseball e le scarpe da ginnastica. E mi piace comprare magliette da ciclismo di cui, in realtà, non ho bisogno. Mi giustifico dicendo che non guido un'auto o non volo da A a B con Easyjet per 2 franchi e 50. Anch'io faccio il mondo come piace a me. Siamo tutti favorevoli alla protezione ambientale, purché non si debba fare nulla per ottenerla. Nel frattempo, però, credo che solo la rinuncia ci salverà da noi stessi.

Questo chiude il cerchio dell'articolo di ZEIT Magazin. Qui Bernd Ulrich scrive, tra l'altro:

Ma questo eterno sermone della rinuncia non è comunque del tutto strano? Nella nostra normale vita da adulti, sappiamo tutti che senza la rinuncia non è possibile ottenere nulla di rilevante: niente amore, niente figli, niente corpo sano e niente successo professionale. Solo l'autosalvezza dell'umanità dalla propria distruzione dovrebbe essere possibile senza rinunce? Che sciocchezza.

Nel frattempo, durante il mio giro in bicicletta, mi muovo a fatica nel fango. La pioggia della notte ha ammorbidito il terreno e il fango si attacca alla mia bicicletta come una colla. Non riesco quasi a muovermi. La sensazione diffusa che ancora mi attanagliava al mattino, tuttavia, ha lasciato il posto alla chiarezza della mia mente.

Chi voglio essere? Ognuno può rispondere a questa domanda da solo. Indipendentemente da ciò che accade in Cina o nella casa del vicino. E non importa affatto che il mio comportamento non cambi oggettivamente nulla nel mondo. Perché mi cambia. Questa consapevolezza è un buon inizio.

Sembra quasi che i miei pensieri oscuri si siano manifestati come fango e si siano attaccati alla mia bicicletta.
Sembra quasi che i miei pensieri oscuri si siano manifestati come fango e si siano attaccati alla mia bicicletta.

A 51 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

What matters isn’t how well you play when you’re playing well. What matters is how well you play when you’re playing badly.


Sostenibilità
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Sport
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader