Apple iOS 14.5: privacy per l'Internet moderno
RetroscenaSmartphone

Apple iOS 14.5: privacy per l'Internet moderno

Dominik Bärlocher
Zurigo, il 07.04.2021
Traduzione: Leandra Amato
L'ultima versione del sistema operativo di Apple per iPhone e iPad elimina i tracker pubblicitari. Questa è una buona notizia per l’Internet.

Mercoledì 7 aprile, Apple ha pubblicato un aggiornamento sulla privacy online. Questo come conseguenza della disputa con i gestori di piattaforme di social media e con quelli che Apple chiama «broker di dati» su Internet. Il motivo del litigio: a partire dalla versione 14, Apple blocca tutti i tracker di terze parti nel suo browser Safari.

Sembra abbastanza astratto, ma i tracker di terze parti, tra cui i cookie, sono essenziali per una delle principali fonti di reddito di Internet. Infatti, questi permettono i cosiddetti annunci mirati, cioè la pubblicità mirata agli utenti i cui interessi sono conosciuti.

Ma non è tutto. Dato che Apple ha preso molto sul serio la protezione della privacy, l'azienda di Cupertino ha fatto un passo avanti. A partire da Apple iOS 14.5, un'app deve chiederti specificamente il permesso se vuole tracciare la tua attività oltre i confini dell'app.

Annunci mirati: la migliore pubblicità su Internet

Ti sei mai chiesto perché Facebook o Instagram ti mostrano annunci per cose che hai precedentemente visto su un altro sito web? Oppure leggi notizie sul nuovo iPhone e puff, Instagram ti mostra un affare per un iPhone scontato.

Come fa Instagram a saperlo? E perché lo stesso annuncio spunta all'improvviso su Facebook? Persino sul sito che stai leggendo?

Una risposta molto semplificata: tracker. Ci sono cose che ti tracciano attraverso Internet, imparano i tuoi interessi e li trasmettono a chiunque paghi. In altre parole: Digitec Galaxus potrebbe, se volessimo, fare una pubblicità su Instagram mostrando a tutte le donne dei Cantoni Argovia e Vallese un iPhone nella variante di colore oro rosa. Questo perché in questo scenario puramente teorico abbiamo scoperto che alle donne piacciono gli iPhone oro-rosa e che in Argovia, come in Vallese, vengono venduti relativamente pochi iPhone in relazione al numero di volte che l'offerta viene richiamata nel negozio. Quello che vedi allora è un «Targeted Ad», un annuncio mirato che corrisponde ai tuoi presunti interessi.

Vecchia scuola, ma ovunque: manifesti.
Vecchia scuola, ma ovunque: manifesti.
Thomas Kunz

Come inserzionista, naturalmente, questo è interessante. Dove una campagna di cartelloni pubblicitari semplicemente asseconda le masse e spera che le persone giuste la vedano, gli annunci mirati possono essere applicati molto più accuratamente. Gli uomini di San Gallo vedono la nuova PlayStation, le donne di Argovia l'iPhone. In questo modo, l'industria pubblicitaria assicura che il budget pubblicitario non venga sprecato o che gli sprechi siano ridotti al minimo.

Ogni volta che la pubblicità viene visualizzata e vista, si parla di «impressione». Per un'impressione, tu come utente non devi nemmeno cliccarci sopra. Altrimenti sarebbe un «clic». Alla fine, se qualcuno compra qualcosa grazie all'annuncio, si ha una «conversione». Su un manifesto, potresti avere un milione di impressioni al giorno, ma quante di queste diventano effettivamente conversioni?

Le conversioni sono l'obiettivo, le impressioni un mezzo per raggiungerlo. Le conversioni sono piuttosto difficili da controllare, ma le impressioni possono essere controllate in modo abbastanza preciso. Pertanto, se un inserzionista vuole risparmiare, compra un milione di impressioni per un pubblico specifico, non per chiunque. Nella maggior parte dei casi, però, una pubblicità sul web non ha bisogno di un numero così grande di impressioni, perché grazie alla pubblicità mirata funziona con meno. È più economico. E anche più attraente per l'utente finale, perché da appassionato di iPhone non ti verrà mostrata la pubblicità della nuova Ford Kuga con un'offerta di leasing, che non ti interessa affatto.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Ma il problema sono i tracker. Almeno questo è quello che pensa Apple – più o meno tutti quelli che si preoccupano della privacy su Internet sono d'accordo. Un «broker di dati», per scoprire che le donne in Argovia sono interessate agli iPhone, deve prima avere un database, che crea tramite i cookie di tracciamento. Ogni volta che una donna argoviese guarda un iPhone, un cookie lo sa. E non stiamo nemmeno parlando di cose come Facebook che vende ogni tuo like e i tuoi interessi agli inserzionisti.

I *social media** ti ingannano
Opinione

I social media ti ingannano

Ogni brandello di dati che un broker di dati può registrare viene registrato e squartato per scopi di marketing.

In breve: se non paghi qualcosa su Internet, non sei il cliente. Tu sei il prodotto che viene venduto.

Questo è esattamente ciò di cui Apple è stanca, perciò cerca di soffocare questo meccanismo il più possibile in Safari 14 e iOS 14.5. All'industria pubblicitaria, e a Facebook in particolare, questo non piace. Infatti, Facebook teme per 86 miliardi di dollari di entrate all'anno, nonché per il loro modello di business.

Apple ti dà la scelta

Apple sostiene e difende la privacy da secoli. Al CES di Las Vegas, un poster blasonato sul muro di un hotel ha ricordato a tutti che l'iPhone è la quintessenza del dispositivo per la privacy.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Infatti, la privacy è così importante per Apple, che l'azienda ha fatto gli onori di casa al CES di Las Vegas e ha partecipato a una tavola rotonda. Anche Facebook era presente a tale discussione.

*CES Privacy Keynote**: Facebook, Apple, Procter & Gamble und die Regierung geben sich die Ehrevideo
News & TrendsComputing

CES Privacy Keynote: Facebook, Apple, Procter & Gamble und die Regierung geben sich die Ehre

Apple non vuole che app e siti web possano raccogliere dati. Tuttavia, Apple ritiene che questi dati non debbano essere facilmente condivisi con terze parti. Soprattutto non se questi dati sono necessari e utilizzati anche per creare un profilo della tua identità.

Ma Apple non vuole distruggere l'industria pubblicitaria. App e siti web hanno ancora la possibilità di vendere i tuoi dati a un broker di dati – ma solo se sei d'accordo in modo esplicito, non solo scaricando un'app o andando su un sito web.

Il tracciamento delle app non deve più avvenire in modo invisibile.

Ecco perché la proteziona della privacy di Apple ora include la visualizzazione di un messaggio che chiede se si desidera condividere i propri dati.

Il messaggio su Apple iOS.
Il messaggio su Apple iOS.

Almeno per ora.

Perché Apple ha dei piani. La «App Tracking Transparency», come la chiama Apple, è solo l'inizio.

App Tracking Transparency per gli utenti finali

Con l'impostazione di tracciamento in iOS 14.5, gli utenti hanno uno strumento potente che è sorprendentemente facile da usare. Puoi fare due cose: o clicchi su «Ask App not to Track» nella domanda, o selezioni l’opt-out nelle impostazioni.

Con una mossa piuttosto audace, Apple ha messo un'impostazione sul tuo iPhone e iPad che risponde alla domanda in generale. In altre parole: quando un'applicazione chiede, il tuo iPhone risponde alla domanda senza che tu veda il dialogo. E la risposta è «no».

  1. Vai nelle impostazioni del tuo iPhone dopo l'aggiornamento alla versione 14.5
  2. Vai a «Privacy»
  3. Tocca «Tracciamento»
  4. Sposta il cursore alla domanda «Richiesta tracciamento attività» su «Off»

Nello stesso menu, puoi anche vedere quali app vogliono tracciarti e a quali hai dato il permesso.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Quando dai a un'app il permesso di tracciare i tuoi dati e anche di condividerli, questi vengono condivisi sotto forma di IDFA (Identity for Advertisers).

IDFA e SKAdNetwork: la pubblicità ridefinita per gli inserzionisti

Apple non vuole ostacolare o addirittura eliminare il mercato pubblicitario. Questo era importante per i rappresentanti dell'azienda nella chiamata con i giornalisti selezionati. Piuttosto, Apple vuole che gli inserzionisti sappiano che possono ancora mettere le mani su quei dati tanto ambiti, ma non è più così facile come una volta. La cosa più importante: non ci sono più tanti dati come prima.

Appena un'app vuole condividere il tuo IDFA, deve chiederlo. Oppure no, se hai selezionato l'opt-out permanente. L'opt-out, tra l'altro, ha un effetto molto maggiore che proteggere l'IDFA dall'accesso dell'industria pubblicitaria. L'opzione «Ask App not to Track» vieta anche all'app di utilizzare qualsiasi altro meccanismo di tracciamento. O si suppone che lo impedisca. Infatti, ammette liberamente Apple, gli inserzionisti sono creativi e i dati sono preziosi. Ecco perché Apple terrà d'occhio gli inserzionisti e modererà pesantemente le app in questo senso.

Se gli inserzionisti vogliono ancora ottenere dati da Apple, possono farlo con Apple SKAdNetwork. Questo, in parole povere, non fa altro che passare impressioni e clic a livello di app agli inserzionisti, ma senza passare alcun dato relativo a persone o dispositivi. Mentre Apple ammette che possono conoscere questi dati, non è di grande importanza per l'azienda.

Nuovo rischio in agguato

Con il miglioramento di IDFA, lo SKAdNetwork e le impostazioni che puoi impostare come utente, Apple sta facendo un vero favore al mondo. Raramente ti è stato dato così tanto potere e così tante informazioni su una parte altrimenti invisibile di Internet che ti riguarda direttamente.

Naturalmente non possono mancare i «ma». Per quanto io voglia credere ad Apple, che non solo fa hardware e software dannatamente buoni, ma è anche composta da persone dannatamente gentili, in qualche modo non ci riesco. Questo non ha niente a che fare con «buu, stupida Apple». Al contrario: ha a che fare con il fatto che la manovra di Apple sembri troppo bella per essere vera per riuscire da sola a salvare la privacy.

Certo, Apple è il marchio di maggior valore del mondo e ha molto potere di mercato con una posizione dominante. Ecco perché la società può semplicemente abbattere i cookie di terze parti e mostrare a Facebook il dito medio virtuale. Certo, questo è facile, perché Facebook si è permesso con successo di diventare il cattivo di Internet negli ultimi anni senza alcuna opposizione.

Tuttavia, Apple è e rimane un'azienda che vuole fare profitti. E attualmente guadagna anche molto. Pertanto è bello quando un'azienda vuole essere gentile e fare un favore al mondo. Ma cosa succede quando i profitti non sono più giusti? Cosa succede allora ai dati che lo SKAdNetwork ha raccolto e continua a raccogliere giorno dopo giorno? Allora invece di tot aziende che usano cookie di terze parti per prendere i nostri dati, abbiamo una sola azienda che possiede e vende tutti i nostri dati tramite SKAdNetwork. Dove prima eravamo il prodotto di molti broker di dati, ora siamo il prodotto di una sola azienda.

Apple è tutt'altro che sola in questo, sia chiaro. Da Google stanno sperimentando con FLoC, che è diverso da SKAdNetwork a livello tecnologico, ma equivale più o meno alla stessa cosa.

Oggi, tuttavia, è chiaro che Apple è l'eroe. Sono «buone notizie» da Cupertino. Che io sia cupo e tenebroso beh, non posso farci niente.

A 94 persone piace questo articolo


Dominik Bärlocher
Dominik Bärlocher
Senior Editor, Zurigo
Giornalista. Autore. Hacker. Sono un contastorie e mi piace scovare segreti, tabù, limiti e documentare il mondo, scrivendo nero su bianco. Non perché sappia farlo, ma perché non so fare altro.

Potrebbero interessarti anche questi articoli