Questo articolo è stato tradotto automaticamente.
Novità e trend

Venduto per 2 milioni di sterline: il "pallone" di Maradona del 1986 rende ricco l'arbitro

Michael Restin
16.11.2022

La "Mano di Dio" è una delle più grandi leggende del calcio mondiale. L'uomo che non riconobbe la mano di Maradona nel quarto di finale del 1986 contro l'Inghilterra ora conosce il valore del suo ricordo: l'asta del pallone da gioco gli frutterà 2 milioni di sterline inglesi.

Immagina di commettere un errore e di diventare ricco come risultato. Questa è, molto in breve, la storia di Ali Ben Nasser dalla Tunisia. L'ormai 78enne ha arbitrato quella che probabilmente è stata la partita di calcio più famosa della storia della Coppa del Mondo e da allora possiede il pallone della partita. Un jackpot che ha incassato 36 anni dopo. Il pallone ingiallito è stato messo all'asta da Graham Budd Auctions (tra tutti i posti!) in Inghilterra - per 2 milioni di sterline inglesi. Il tutto grazie alla storia di fondo, in cui lo stesso Ben Nasser ha avuto un ruolo fondamentale.

Un gioco per i tempi che furono

Quando Argentina e Inghilterra si affrontarono nei quarti di finale del 1986, tutto fu straordinario: l'epica cornice di 115.000 tifosi allo Stadio Azteca di Città del Messico, le tensioni tra le due nazioni quattro anni dopo la guerra delle Falkland e i momenti iconici di un piccolo argentino che molti considerano ancora oggi il più grande . Quando Diego Armando Maradona ha spinto il pallone con la mano oltre il portiere dell'Inghilterra Peter Shilton al 51° minuto della partita, l'arbitro Ali Ben Nasser non ha visto bene la scena. "Ho visto la schiena di Maradona e il portiere", ha dichiarato alla BBC. Ha detto di avere dei dubbi e, come indicato dalla FIFA, ha guardato il suo guardalinee, che non ha obiettato.

Al contrario, il guardalinee Bogdan Dochev, morto nel 2017, ha affermato per tutta la vita che la FIFA non permetteva agli assistenti di discutere le decisioni con l'arbitro. E così sia.

L'azione fu resa leggendaria da Maradona, che non solo fece la sua famosa dichiarazione ("Era un po' di testa di Maradona e un po' di mano di Dio") ma segnò anche il "gol del secolo" nella stessa partita. La sua maglia di allora è stata venduta all'asta quest'anno per quasi 8 milioni di franchi. E toccata dalla sua mano magica al momento giusto, questa palla vale anche una fortuna.

Tutto corretto, tranne la decisione

Ali Ben Nasser non ha nulla da rimproverarsi. Il pallone della partita gli spetta di diritto perché la FIFA ha permesso agli arbitri di portare con sé un ricordo delle partite che hanno arbitrato. Nel corso degli anni, la leggenda di Maradona è cresciuta, oscillando sempre tra il genio e la follia fino alla sua prematura scomparsa nel novembre 2020.

  • Novità e trend

    D10S mio, was für ein Leben!

    di Michael Restin

E la sua storia è stata per sempre legata all'uomo che ha preso la decisione sbagliata in quel momento, regalando al mondo del calcio una grande storia. Nel 2015, Maradona ha fatto visita all'arbitro Ben Nasser in Tunisia e gli ha regalato una maglia con la dedica: "Per Ali, il mio eterno amico". Così gli rimane qualcosa da toccare ora che l'Adidas Azteca ingiallita è sparita e il suo conto in banca è pieno. Grazie a Maradona. Non per niente lo chiamavano "El Pibe de Oro". Il ragazzo d'oro che sembrava avere sempre un piccolo angelo e un piccolo diavolo sulle spalle.

Copa Football Maglia Maradona "Mano di Dio" della Coppa del Mondo 1986
59.–

Copa Football Maglia Maradona "Mano di Dio" della Coppa del Mondo 1986

Titelbild: Screenshot Youtube/Graham Budd Auctions

A 10 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Scienziato sportivo, padre di alto livello e ufficiale di casa al servizio di Sua Maestà la Tartaruga.


Sport
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

Commenti

Avatar