Trucchi senza gag con Windows: la roulette della scheda grafica

Trucchi senza gag con Windows: la roulette della scheda grafica

Martin Jud
Zurigo, il 01.07.2020
Traduzione: Leandra Amato
Se Windows fa i capricci o lo schermo appare blu, allora è tempo di smettere di scherzare e tirare fuori qualche trucchetto per aiutare il sistema operativo a tornare in riga. Oggi parliamo di schede grafiche nei computer portatili.

In questo momento sto testando due notebook. Uno di questi, un Microsoft Surface Book 3 da 15 pollici, ha una scheda grafica dedicata. Voglio scoprire come i due portatili se la cavano con rendimento massimo. Che frequenza di clock raggiunge il loro processore durante i test e quanto dura la batteria? Ma mi sono messo i bastoni tra le ruote da solo. Perché solo verso la fine del test, noto che uno dei miei programmi di test, Furmark, utilizza il System-on-a-Chip (SoC) integrato al posto della scheda grafica dedicata. Fantastico, ora posso ricominciare da capo. Ma bisogna assicurarsi in anticipo che Furmark utilizzi definitivamente la scheda grafica dedicata dopo aver ricaricato il notebook nella seconda prova.

Integrata e dedicata – entrambe hanno il loro diritto

Una scheda grafica o un'unità grafica integrata nel SoC può essere disabilitata sia in Windows che nel Bios. Su un sistema desktop ha senso. Questo assicura che vengano sempre richiamate le massime prestazioni. Tuttavia, se voglio risparmiare consapevolmente batteria, non è una buona idea. Quindi è meglio che io tenga d'occhio l'impostazione del rispettivo programma. Se Photoshop non si avvia con la scheda grafica dedicata come desiderato, lo farà dopo aver attivato una volta l'opzione corrispondente. Word, Excel, YouTube... Tutto questo può essere eseguito con un'unità grafica integrata. Questo non riduce sensibilmente le prestazioni e viene consumata un po' meno corrente.

Nel caso di un computer portatile a batteria con una scheda grafica aggiuntiva, ha sempre senso gestire un'unità grafica dedicata e integrata. Ciò consente di prolungare il tempo di esecuzione del notebook. Oppure no, se, come nel mio stress test, si deve richiamare il massimo delle prestazioni.

Un esempio della differenza tra dedicata e integrata? Bene, prendiamo il Surface Book 3. Ha una Iris Plus Graphics G7 integrato sul SoC e una nVidia GeForce GTX 1660 Ti Max-Q dedicata, che finora non è stata testata. Con l'uso completo del processore, della RAM e di tutto ciò che non sia la scheda grafica dedicata, il Microsoft Surface Book 3 raggiunge un tempo di esecuzione di due ore e 33 minuti. Rimangono ancora un'ora e 43 minuti nel test successivo con una GTX 1660 Ti Max-Q attivata. Risulta meno 50 minuti o meno 33 percento.

Strade che portano a Roma

Anche se la maggior parte dei lettori lo sa, ecco come si imposta la scheda grafica per un programma specifico.

Possibilità numero 1

Clicca con il tasto destro del mouse sull'icona del programma corrispondente e modifica la tua impostazione preferita nel menu contestuale alla voce «Esegui con il processore grafico».

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Possibilità numero 2

In Windows, vai alla voce «Impostazioni grafiche» sotto «Impostazioni» e aggiungi il programma e l'opzione desiderati, come mostrato nell'immagine sottostante.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Bene, per oggi è tutto. Forse è tutto anche per i trucchetti senza gag. Ma prima puoi votare e stabilire se questo formato di recensione ti piace o meno:

Votazione

Ecco quanto mi piacciono i consigli senza gag

A 38 persone piace questo articolo


Martin Jud
Martin Jud
Editor, Zurigo
La mia musa ispiratrice si trova ovunque. Quando non la trovo, mi lascio ispirare dai miei sogni. La vita può essere vissuta anche sognando a occhi aperti.

Potrebbero interessarti anche questi articoli