«The Mandalorian», stagione 2 – «Capitolo 13: La Jedi»

«The Mandalorian», stagione 2 – «Capitolo 13: La Jedi»

Luca Fontana
Zurigo, il 27.11.2020
Traduzione: Leandra Amato
È l'episodio che aspettavamo da tempo: Mando e il bambino incontrano Ahsoka Tano. Finalmente. L'episodio offre esattamente tutto quello che vogliamo.

Prima di iniziare: questa è la recensione di un episodio e contiene spoiler. Quindi guarda prima l'episodio «The Mandalorian – Capitolo 13: La Jedi» e poi continua a leggere.


Din Djarin, il mandaloriano, viaggia ancora attraverso la galassia per riportare il bambino dai Jedi. Finora ha solo trovato l'armatura di Boba Fett su Tatooine, Bo-Katan Kryze su Trask e un misterioso laboratorio (di cloni?) su Navarro. La sua prossima tappa: il pianeta foresta Corvus. Se è fortunato, lì troverà Ahsoka Tano, una Jedi.

E il mandaloriano ha fortuna. Questi sono i momenti migliori e gli Easter egg dell'episodio.

Ahsoka motherf*cking Tano!

Dank Farrik! Personalmente non vedevo l'ora di vedere Ahsoka Tano. In carne e ossa. Le mie aspettative erano alla fine dell'episodio ancora appese a un filo. Un po' come Boba Fett nel «Capitolo 9: Lo sceriffo». Ci fanno felici per un breve periodo, ma poi dobbiamo aspettare un'altra settimana.

E invece no.

Scena uno. Location: Calodan, una città su Corvus. Un misto tra Giappone feudale e Birmingham industrializzata degli anni Venti. Fantastico. Delle mura proteggono la città. Da cosa? E chi lo sa.

Una delle ambientazioni più interessanti che abbia mai visto in «Star Wars», anche se non sembra nemmeno troppo esotico.
Una delle ambientazioni più interessanti che abbia mai visto in «Star Wars», anche se non sembra nemmeno troppo esotico.
Disney+

Fuori dalle mura c'è una foresta bruciata. Piovono ancora ceneri. È notte. È buio. Frammenti di luce rossa indicano una battaglia laser. Ma tra le nebbie c'è un altro colore. Due strisce luminose. Bianche? Argento?

Close-up.

Ahsoka Tano (Rosario Dawson) in tutto il suo splendore.
Ahsoka Tano (Rosario Dawson) in tutto il suo splendore.
Disney+

Spalanco gli occhi. Non posso reprimere la gioia nel vedere una Jedi che si fa strada tra le orde nemiche, con due spade laser bianco-argento proprio come nella serie animata «Rebels». Snella e acrobatica come sempre. Silenzio, il mio cuore che batte.

Fine della scena. Solo un'altra battaglia di parole. Viene lanciato un ultimatum. Ora sappiamo chi proteggono le mura della città. Non il popolo, ma le autorità. Le autorità, che non si preoccupano della vita dei loro cittadini, ma apparentemente mantengono un segreto che gli Jedi vogliono rivelare.

Ahsoka Tano lancia l'ultimatum.

Tempo di storia: chi è Ahsoka Tano?

Non conosci Ahsoka Tano? Allora è giunto il momento di conoscere l'ex allieva di Anakin Skywalker.

La sua storia inizia nella serie animata «The Clone Wars». Ahsoka, una femmina Togruta, scoperta dal Maestro Jedi Plo Koon per la sua straordinaria sensibilità alla Forza, viene assegnata al Cavaliere Jedi Anakin Skywalker come Padawan durante le Guerre dei Cloni all'età di 14 anni.

Ahsoka è selvaggia, ribelle e molto schietta. Ma la guerra è implacabile. Per tre lunghi anni. Grazie alla profonda amicizia che si sviluppa tra Anakin e Ahsoka – tra maestro e allieva – si evolve e lo supera. Fino a quell'attentato nel Tempio Jedi che avrebbe fatto crollare il mondo di Ahsoka così come lo conosceva.

C'è Ahsoka dietro l'attacco.

Ahsoka, ora Cavaliere Jedi, è devastata. Ha dedicato tutta la sua vita ai Jedi. Ora non solo mettono in dubbio la sua lealtà, ma la escludono addirittura dall'Ordine. Anche il suo ex maestro, Anakin, vacilla. Alla fine, è lui, alimentato dai suoi stessi dubbi sulla saggezza del consiglio, che indaga e prova l'innocenza di Ahsoka.

Ahsoka sarebbe stata libera di tornare all'Ordine Jedi. Ma la sua fiducia nell'Ordine è così scossa che si rifiuta. Ahsoka d'ora in poi va per la sua strada. Forse la via dei Jedi grigi.

Anni dopo. Un piccolo equipaggio di cinque persone combatte su Lothal contro l'Impero Galattico. Tra questi Sabine Wren, mandaloriana, l'ex Cavaliere Jedi Kanan Jarrus e il suo Padawan Ezra Bridger. Senza saperlo, formano la piccola cellula di una ribellione molto più grande, estesa a tutta la galassia. A capo dei servizi segreti c'è la misteriosa figura di Fulcrum). Solo quando la vera identità di Fulcrum viene rivelata, la piccola cellula ribelle si rende conto di lottare per un obiettivo molto più grande di quello che aveva previsto.

Fulcrum è Ahsoka Tano.

Ahsoka Tano continua a combattere per il bene della galassia molto tempo dopo l'eliminazione dell'Ordine Jedi.
Ahsoka Tano continua a combattere per il bene della galassia molto tempo dopo l'eliminazione dell'Ordine Jedi.
Disney+

Ahsoka ha lasciato l'Ordine Jedi, ma non ha mai abbandonato la lotta per il bene. Si è invece unita all'alleanza ribelle fondata da Bail Organa – padre adottivo di Leia.

La battaglia di Ahsoka conduce lei, Kanan e Esdra a Malachor, un antico pianeta Sith. Lì Ahsoka incontra la figura oscura e probabilmente più temuta della galassia che da anni dà la caccia ai Jedi: Darth Vader.

Quello che scopre solo ora è che Vader è Anakin, il suo ex maestro.

Scoppia una rissa e Ahsoka viene uccisa. Più tardi, però, è Ezra che riesce ad aprire l'accesso al mondo tra i mondi, un livello mistico all'interno della Forza che funge da collezione di porte e percorsi tra il tempo e lo spazio. Attraverso questa porta, Ezra riesce a liberare Ahsoka dalle grinfie di Vader e a salvarla.

Nel frattempo l'Impero Galattico è all'apice della sua potenza ed è guidato dall'imperatore. I fili militari, tuttavia, sono nelle mani del genio tattico Grande Ammiraglio Thrawn. In un atto di abnegazione, Ezra riesce a catapultarsi e a trascinarsi nell'iperspazio, scomparendo senza lasciare traccia. Cinque anni dopo, quando l'Impero sembra essere caduto e la galassia sembra salva, Ahsoka e Sabine Wren si mettono a cercare Ezra Bridger per la galassia per riportarlo a casa.

Questa era la storia di Ahsoka Tano. Fino ad ora.

Il bambino ha un nome!

Grogu. Questo è il nome del bambino, che in realtà ha 50 anni e, insieme a Yoda, è l'unica figura realmente conosciuta della stessa specie senza nome.

Ok.

Poiché Ahsoka e Grogu – devo davvero chiamare il «piccolo Yoda» Grogu? – percepiscono l'uno i pensieri dell'altro, scopriamo qualcosa sul passato di Grogu. Grogu è stato addestrato nel Tempio Jedi durante le Guerre dei Cloni su Coruscant. Ma uno Jedi lo ha salvato prima che l'Ordine 66 potesse essere eseguito. Da allora, Grogu ha dovuto sopprimere le sue capacità per sopravvivere.

Un emozionante... intrattenimento.
Un emozionante... intrattenimento.
Disney+

Fino all'arrivo di Din Djarin.

Tython, la prossima destinazione

L'accordo era che Din Djarin avrebbe aiutato Ahsoka Tano a sconfiggere le guardie di Calodan e a ottenere le informazioni da una certa Morgan Elsbeth. In cambio, Ahsoka avrebbe preso sotto la sua ala il bambino per addestrarlo – non posso chiamare il dolce piccoletto Grogu. Come si scopre alla fine dell'episodio, l'informazione che Ahsoka sta cercando di ottenere è la posizione attuale del Grande Ammiraglio Thrawn.

Dopo Ahsoka Tano, noi fan di «Rebels» vedremo davvero Thrawn in «The Mandalorian»? Per quanto ne sappiamo, Thrawn è nello stesso luogo dove si trova Ezra Bridger.

Quindi Ahsoka sta ancora cercando Ezra? E dov'è Sabine Wren in tutto questo?

Sto impazzendo.

Ahsoka e Mando: dream team.
Ahsoka e Mando: dream team.
Disney+

Ad ogni modo, Ahsoka rompe l'accordo. Vede paura nel bambino. Troppa paura. Ahsoka sa cosa fa la paura ai Jedi, lo ha già visto in quelli che definisce «i migliori tra noi». Ma in cambio, rimanda Mando al suo viaggio. Questa volta a Tython, secondo il MMORPG «The Old Republic» dei pianeti, si tratta del pianeta su cui è stato fondato l'Ordine Jedi.

Lì, il bambino dovrà essere posto sulla «pietra che vede», e un altro Jedi potrebbe sentire la sua presenza. Chi potrebbe essere?

Un pensiero sul setting

Come fanno i creatori a progettare mondi come Calodan? Perché questo Giappone feudalisticamente industrializzato? Potrebbe essere una coincidenza. Un capriccio del regista. Oppure dello sceneggiatore.

Giappone o Calodan? Non ne sono sicuro.
Giappone o Calodan? Non ne sono sicuro.
Disney+

O forse è stato pensato con molta attenzione. Un omaggio a quello che doveva essere «Star Wars» di George Lucas, come lo aveva immaginato nei primi anni Settanta. Per quanto riguarda gli Jedi, ad esempio, si è ispirato ai film sui samurai di Akira Kurosawa. Per lui i Jedi sono come i samurai dello spazio. Guerrieri modesti, vestiti con abiti semplici, con lame lunghe e affilate, di solito tenute con entrambe le mani.

Sì, questo è il prototipo dei Cavalieri Jedi.
Sì, questo è il prototipo dei Cavalieri Jedi.
Da «Seven Samurai» di Akira Kurosawa

Immagino le discussioni dietro: ehi, se è la prima volta che mostriamo uno Jedi in questo show, perché non farlo sullo sfondo dei vecchi film sui samurai che una volta ispiravano George Lucas?

Nella mente di George Lucas, gli Jedi sono come samurai nello spazio.
Nella mente di George Lucas, gli Jedi sono come samurai nello spazio.
Disney+

Et voilà, abbiamo già Ahsoka Tano, vestita di pezze, e in quelle pose eroiche tipiche dei film sui samurai. Non sarebbe nemmeno la prima volta che un regista rende omaggio alle origini creative degli Jedi di George Lucas.

Ricordi «Gli ultimi Jedi»? L'epica performance finale di Luke, un esercito di un solo uomo per affrontare l'intero Primo Ordine?

Odiami se vuoi, ma io amo «Gli ultimi Jedi».
Odiami se vuoi, ma io amo «Gli ultimi Jedi».
Disney+

Eccola di nuovo, la posa del samurai.

Conclusione: il miglior episodio di sempre

Cavolo, mi è venuta la pelle d'oca quando ho sentito il tema musicale di Ahsoka Tano realizzato da Kevin Kiner. Un meraviglioso inchino del compositore islandese Ludwig Göransson, che ha scritto la musica per «The Mandalorian».

In generale, l'intero episodio è perfetto sotto ogni aspetto. Ahsoka Tano è interpretata da Rosario Dawson con lo stesso calore e la stessa disinvoltura – proprio come l'Ahsoka che noi fan di «Clone Wars» e «Rebels» abbiamo conosciuto e amato nel corso degli anni. Poi le pose. Le mosse. Tutto si basa sulla serie di animazione. Anche le parole che pronuncia Ahsoka sembrano autentiche.

Non c'è da stupirsi: per questo episodio, non è stato il creatore di «The Mandalorian» Jon Favreau a scrivere la sceneggiatura, ma il creatore di «Clone Wars» e «Rebels» Dave Filoni, che ha anche diretto il «Capitolo 13: La Jedi» Ottima scelta.

Ahsoka sembra presa direttamente dalla serie animata.
Ahsoka sembra presa direttamente dalla serie animata.
Disney+

Ora sono curioso di vedere cosa succede dopo. Vedremo Thrawn? Oppure Sabine? Ezra? E in qualche modo Moff Gideon con le sue truppe Sith geneticamente manipolate e la Darksaber deve avere qualcosa a che fare con tutto questo.


Ti è piaciuto l'episodio? Ho tralasciato altri Easter egg? Fammelo sapere nei commenti. Venerdì prossimo continueremo con il «Capitolo 14».

A 42 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana

Editor, Zurigo

La mia zona di comfort consiste in avventure nella natura e sport che mi spingono al limite. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono un appassionato di colonne sonore dei film e ciò si sposa perfettamente con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Audio + Home cinema

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli