Test di confronto: DJI Mini 3 Pro vs. Autel Evo Nano+
RecensioneDroni

Test di confronto: DJI Mini 3 Pro vs. Autel Evo Nano+

David Lee
Zurigo, il 07.06.2022
Traduzione: Leandra Amato

Il DJI Mini 3 Pro è dotato di rilevamento degli ostacoli e di una fotocamera avanzata. Il mini drone Autel Evo Nano+ offre questa possibilità da qualche tempo. Questo test mette a confronto i migliori droni sotto i 250 grammi.

Il nuovo DJI Mini 3 Pro è ora di nuovo disponibile. Come si colloca rispetto ad altri mini droni? Non è necessario un test per scoprire che è migliore del Mini 2. Il nome «Pro» indica che non si tratta solo del successore, ma di un drone che si posiziona al di sopra del precedente Mini. E anche il prezzo lo esprime in modo inequivocabile.

Ma c'è un altro drone, meno conosciuto, che si colloca nella gamma del Mini 3 Pro: l'Autel Evo Nano+. Ha funzioni e prezzo simili – in Svizzera è attualmente leggermente più economico, in Germania più costoso del DJI Mini 3 Pro. L'Autel Evo Nano+ è uscito già nel 2021, ma è stato poco disponibile per molto tempo. Ora ne ho uno e posso confrontarlo con il nuovo, piccolo DJI.

Mini 3 Pro (34 min, 249 g, 48 Mpx)
899.–
DJI Mini 3 Pro (34 min, 249 g, 48 Mpx)
33
EVO Nano+ Standard (249 g)
829.–
Autel EVO Nano+ Standard (249 g)

Similitudini e differenze

Entrambi i droni pesano 249 grammi. Inoltre, a differenza del DJI Mini 2, entrambi sono dotati di rilevamento automatico degli ostacoli e degli oggetti per il tracciamento automatico o il circolo. Il sensore della fotocamera è più o meno della stessa dimensione su entrambi, e significativamente più grande di quello del DJI Mini 2. DJI specifica la dimensione di 1/1,3 pollici, Autel di 1/1,28 pollici.

Esternamente, l'Evo Nano+ ricorda più il Mini 2 che il Mini 3 Pro. Come la maggior parte dei droni, le gambe sono collegate ai bracci dell'elica. Il Mini 3 Pro, invece, atterra praticamente a pancia in giù, con dei piccoli piedi sul corpo.

Classico: piedi d'atterraggio sulle braccia.
Classico: piedi d'atterraggio sulle braccia.
Bizzarro: piedi sul corpo.
Bizzarro: piedi sul corpo.

La prima cosa che si nota nelle immagini è l'arancione acceso del drone Autel. Ma è disponibile anche in grigio, bianco e rosso.

È possibile scegliere tra due diversi controller per il drone DJI: con schermo incorporato e la variante classica, più economica, in cui lo smartphone si fissa in un supporto. Uso la versione con lo schermo e non vorrei mai controllare un drone con qualcos'altro. Basta accendere entrambi i dispositivi e tutto è pronto per l'uso. Non è necessario armeggiare con i cavi e non ci sono problemi dovuti all'esaurimento della batteria dello smartphone.

Con Autel, c'è un solo controller per lo smartphone. Ma anche quando confronto i due controller per smartphone, per me vince nettamente DJI. Grazie al suo design, il controller DJI richiede molto meno spazio nella borsa di trasporto. Entrambe le borse hanno circa le stesse dimensioni. Mentre Autel è molto stretto nella borsa, DJI ha ancora spazio per altri accessori, come una piccola scatola di filtri ND. Il cavo di collegamento e le leve svitabili possono essere conservati nel telecomando stesso, mentre con l'Autel devo metterli in tasca.

Il controller del drone Autel (a destra) occupa più spazio e non offre spazio per il cavo e le leve.
Il controller del drone Autel (a destra) occupa più spazio e non offre spazio per il cavo e le leve.

Un piccolo punto a favore di Autel: il telecomando è più maneggevole e comodo. Ma poiché non si tratta di un drone da corsa, non credo che questo sia importante.

Il controller Autel non ha un proprio interruttore per le modalità di velocità come DJI. Tuttavia, esiste un tasto Fn liberamente configurabile a cui posso assegnare questa funzione. Con un doppio clic, offre un'altra funzione liberamente selezionabile.

Ricarica

Entrambi i droni possono essere caricati con qualsiasi dispositivo USB-C. Per entrambi è disponibile un caricatore multiplo opzionale che può contenere tre batterie. Il meccanismo è praticamente identico. Il caricabatterie riconosce quale batteria ha ancora più energia e la carica per prima. La capacità di carica è segnalata da entrambi i produttori con quattro punti lampeggianti o sempre accesi.

Il caricabatterie Autel non ha un alloggiamento per le batterie. Queste vengono infatti attaccate a un'asta e non si tengono molto bene. Non fa risparmiare spazio rispetto a DJI, dove le batterie possono essere riposte nel caricatore per il trasporto.

Nessun alloggiamento, solo un'asta: caricatore multiplo di Autel.
Nessun alloggiamento, solo un'asta: caricatore multiplo di Autel.

Caratteristiche di volo

Il rilevamento degli ostacoli funziona perfettamente su entrambi i droni del test. Può essere attivato o disattivato per ogni modalità di volo, tranne che per la modalità più veloce, chiamata Sport per DJI e Ludicrous per Autel: in questo caso il riconoscimento viene disattivato. Non perché questa modalità sia particolarmente sicura, anzi, ma perché il drone vola troppo velocemente per poter rilevare gli ostacoli.

Con il Mini 3 Pro, è possibile impostare se il drone deve frenare o evitare un ostacolo. Non ho trovato questa opzione nell'Autel Evo Nano+, il quale frena e basta.

Entrambi i droni rilevano con i loro sensori solo gli ostacoli che si trovano davanti e sotto di loro. Il rilevamento degli ostacoli non funziona verso l'alto o lateralmente. Con il DJI Mini 3 Pro, è quindi possibile vietare il volo laterale nelle impostazioni. In ogni caso, il rilevamento degli ostacoli non è una garanzia priva di preoccupazioni: è necessario prestare attenzione e volare a vista.

Entrambi i droni sono facili da pilotare anche in condizioni di vento, nonostante il loro peso ridotto. Sono traballanti, ma le riprese sono stabili: il gimbal compensa tutto.

Non ho volato in condizioni estreme e quindi non posso dire a che punto i droni non sono più controllabili. Tuttavia, secondo questo video di prova, il drone DJI sembra non temere nemmeno i venti tempestosi. Anche il drone Autel sembra essere in grado di far fronte ai venti forti dopo un aggiornamento del firmware.

La mia impressione: il comportamento di volo dell'Autel Evo Nano+ è buono, ma il DJI Mini 3 Pro batte tutti. Vola come se viaggiasse su rotaie. La distanza di sicurezza fornita dal rilevamento degli ostacoli è minore rispetto al Nano+, quindi posso volare più vicino a un campo di grano, ad esempio, e ho piena fiducia che il drone non si schianterà a questa breve distanza.

Il Mini 3 Pro mi sembra sicuro anche al chiuso, cioè senza GPS. Il Nano+ è volato da solo contro il muro quando ho provato a misurare il volume; sterzare all'indietro non ha portato a nulla. Entrambi i droni sono rumorosi allo stesso modo, ma il rumore del motore del DJI Mini 3 Pro è più basso e quindi più piacevole.

Riprese

In generale, entrambe le fotocamere offrono immagini molto buone per i mini droni, entrambe sono chiaramente migliori del DJI Mini 2.

L'Autel Evo Nano+ non ha memoria interna, il DJI Mini 3 Pro solo 1,25 GB – quindi almeno per i video hai sicuramente bisogno di una scheda microSD. Con il DJI Mini 3, posso inserire facilmente la scheda, ma è difficile estrarla di nuovo. Funziona meglio con Autel.

Ho iniziato il test della fotocamera del DJI Mini 3 Pro con uno scatto sfocato. Per me era una novità poter scattare foto sfocate con un piccolo drone. A causa del sensore di grandi dimensioni e dell'ampia apertura di f/1,7, la gamma di messa a fuoco è inferiore a quella abituale per i droni da hobby. Sullo schermo è presente un campo per la messa a fuoco automatica: la telecamera mette a fuoco. Tuttavia, ciò non avviene automaticamente o solo molto lentamente.

Per andare sul sicuro e assicurarmi che le riprese fossero nitide, sono passato alla messa a fuoco manuale con lunga distanza. Per la normale fotografia di paesaggio non è serve altro. L'Autel Evo Nano+ sembra funzionare esclusivamente in questo modo; non sono riuscito a impostare una messa a fuoco.

Foto JPEG

La risoluzione fotografica dei due droni è molto simile: 4032 × 3024 pixel per DJI e 4096 × 3072 pixel per Autel. Entrambi possono scattare in JPEG e DNG, anche contemporaneamente. Il DNG è un formato raw standardizzato, quindi offre maggiori possibilità di post-elaborazione rispetto al JPEG.

Ecco due JPEG a confronto:

Autel Evo Nano+
Autel Evo Nano+
DJI Mini 3 Pro
DJI Mini 3 Pro

Il fatto che i campi siano più scuri nell'Autel non è dovuto tanto alla fotocamera, ma al fatto che la situazione della luce non è la stessa a causa dell'angolazione. Entrambe le fotocamere scattano immagini JPEG nitide con colori vivaci. Quando vengono ingrandite, le due foto sono più o meno uguali.

Autel Evo Nano+
Autel Evo Nano+
DJI Mini 3 Pro
DJI Mini 3 Pro

Foto RAW

Quando elaboro i dati grezzi, ho un'esperienza simile con entrambi i droni. Riesco a far emergere un po' più di dettagli rispetto ai JPEG. La correzione del colore è più difficile che con una fotocamera «convenzionale». Se passo il bilanciamento del bianco a un'impostazione più calda, il paesaggio appare più naturale, ma il cielo si attenua. Il campo marrone in questa immagine ha una forte tendenza al viola. Il margine è ridotto rispetto ai file RAW di una fotocamera di grandi dimensioni.

Autel Evo Nano+
Autel Evo Nano+
DJI Mini 3 Pro
DJI Mini 3 Pro

Foto ad alta risoluzione

Entrambe le fotocamere possono produrre immagini con una risoluzione quattro volte superiore, il che significa 48 megapixel per DJI e 50 per Autel. Ma ciò che a prima vista sembra la stessa cosa è molto diverso per i due droni.

Con DJI, la differenza di dinamica è evidente. Con una risoluzione ridotta, quattro pixel vengono combinati in uno per simulare pixel grandi e sensibili alla luce. Pertanto, le immagini da 12 megapixel diventano molto migliori di quelle da 48 megapixel in presenza di forti differenze di luminosità. Con Autel, questa differenza è appena visibile. Il drone Autel gestisce molto bene i forti contrasti, indipendentemente dalla risoluzione.

Autel, sinistra normale, destra ad alta risoluzione
Autel, sinistra normale, destra ad alta risoluzione
DJI, sinistra normale, destra ad alta risoluzione
DJI, sinistra normale, destra ad alta risoluzione

Il problema, tuttavia, è che l'immagine ad alta risoluzione di Autel non è affatto tale. In effetti, i 50 megapixel sono inutili. Quando si ingrandiscono le immagini, non sono visibili più dettagli rispetto ai 12 megapixel. Con DJI è diverso.

Autel
Autel
DJI
DJI

Inoltre, DJI fornisce anche il formato ad alta risoluzione in formato RAW, Autel solo come JPEG. La mancanza di dinamica può quindi essere compensata in una certa misura.

Insomma, con Autel, non è chiaro a cosa dovrebbero servire le foto ad alta risoluzione. Hanno praticamente lo stesso aspetto di quelli normali. Con DJI, invece, è chiaro: si sacrifica la dinamica a favore della risoluzione.

Formato verticale

Il DJI Mini 3 Pro consente di scattare ritratti a piena risoluzione: il gimbal ruota di 90 gradi. Questo può essere utile per i video sui social media, ad esempio, se si imposta il drone in modo che ti segua.

Video

La cosa migliore è dare un'occhiata di persona. Ecco un breve filmato di una ripresa dell'Autel Evo Nano+ a 4K e 30 fotogrammi al secondo.

Ed ecco il tutto con il DJI Mini 3 Pro.

Entrambi i video sono molto belli. Autel mantiene i contorni un po' più nitidi e i colori ancora più brillanti: mi piace molto. Ma non so se questa preparazione sia migliore in ogni situazione. Entrambe le telecamere offrono impostazioni manuali in caso di dubbio e persino la registrazione con un profilo log – simile al formato DNG per le foto, questo offre maggiori possibilità di post-elaborazione.

Quando riprendo con il drone Autel, la fotocamera esegue una panoramica molto più veloce, motivo per cui si notano degli scatti evidenti. Un modo per attenuare queste oscillazioni è l'uso di filtri ND. Un altro: aumentare la frequenza dei fotogrammi.

E qui arriva un punto importante in cui il DJI Mini 3 Pro è superiore all'Autel Evo Nano+: solo DJI offre 4K a 60 fps. Con Autel, si deve ricorrere al Full HD. Ancora peggio: le registrazioni Full HD a 60 fps mostrano una sezione dell'immagine fortemente ristretta e sono meno nitide di quanto potrebbe essere il Full HD.

Conclusione

Il DJI Mini 3 Pro vince il confronto diretto con l'Autel Evo Nano+, e non perché il drone Autel sia cattivo, ma perché il Mini 3 Pro è davvero eccellente. Le ottime caratteristiche di volo, il funzionamento sofisticato e le avanzate capacità di ripresa ne fanno un drone quasi perfetto. Chi utilizza i droni per hobby, si chiede perché mai abbia bisogno di un drone più grande.

Gli unici punti deboli del DJI Mini 3 Pro sono la lentezza dell'autofocus, che l'Autel non ha, e il complicato slot per la scheda SD.

Anche l'Autel Evo Nano+ è molto buono. Le sue riprese paesaggistiche sembrano ancora più vivide di quelle di DJI e al momento è anche un po' più economico, ma solo in Svizzera. È disponibile anche in diversi colori. A parte questo, però, non riesce a battere il DJI in nessun punto. A confronto diretto, manca una funzione video utilizzabile a 50 o 60 fps e un telecomando con schermo.

A 45 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Il mio interesse per il mondo IT e lo scrivere mi hanno portato molto presto a lavorare nel giornalismo tecnologico (2000). Mi interessa come possiamo usare la tecnologia senza essere usati a nostra volta. Fuori dall'ufficio sono un musicista che combina un talento mediocre con un entusiamso eccessivo. 


Droni
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader