Nvidia lancia GPU dedicate al mining
Novità e trendVideogiochi

Nvidia lancia GPU dedicate al mining

Kevin Hofer
Zurigo, il 19.02.2021
Traduzione: Leandra Amato
Le schede grafiche sono attualmente una merce rara. Il boom delle criptovalute non aiuta. Nvidia vuole contrastare il fenomeno e lancia schede grafiche dedicate al mining.

Nvidia presenta la nuova famiglia di prodotti CMP (Crypto Mining Processor). Si suppone che in futuro offra agli operatori di mining farm un'alternativa alle schede GeForce RTX per i gamer.

Come lo immagina Nvidia

Le prime schede CMP sono chiamate CMP-HX. Nvidia ne ha annunciate quattro: 30HX, 40HX, 50HX e 90 HX. Nvidia distribuisce le schede attraverso i suoi partner come Asus, Colorful, Evga, Gigabyte, Msi e Palit.

Le schede non hanno uscite per il display e sono quindi inadatte al gioco. Nvidia non ha rivelato su quale silicio sono basate le schede. Non ci sono ancora immagini. È noto che il sistema di raffreddamento deve essere progettato per le condizioni di spazio ristretto nei rack. Le GPU girano a tensioni più basse e quindi a frequenze di clock inferiori. Secondo Nvidia, è più efficiente: quando si estrae Ethereum e altro, soprattutto la larghezza di banda della memoria è cruciale.

In termini di prestazioni, la top di gamma 90HX si dice che raggiunga un tasso di hash su Ethereum di 86 MH/s. Questo è leggermente inferiore alle prestazioni di una RTX 3080, che gestisce 98 MH/s. Il modello più debole, la 30HX raggiunge un tasso di hash di 26 MH/s. Per gli altri due modelli, il tasso aumenta di circa 10 MH/s ciascuno.

Particolarmente lucrativo per i minatori dovrebbe essere l'alta efficienza, il design di raffreddamento più economico e l'eliminazione dell'imballaggio al dettaglio, del commercio intermedio e della garanzia. Quindi fondamentalmente il prezzo. Così facendo, Nvidia spera che la serie GeForce diventi meno interessante per i minatori in futuro e che ci siano meno ristrettezze per i gamer.

Nvidia rallenta la RTX 3060 durante il mining

Con la RTX 3060 annunciata per il 25 febbraio, Nvidia sta cercando di ridurre il tasso di hash sulla blockchain di Ethereum del 50% attraverso il driver in combinazione con il silicio RTX 3060 e il BIOS della scheda. Questa combinazione di driver, silicio e BIOS dovrebbe anche permettere a Nvidia di dimezzare il tasso di hash di tutte le schede grafiche rilasciate fino ad oggi, indipendentemente dal driver.

Una trovata pubblicitaria?

Personalmente, vedo il tutto più come una pubblicità positiva di Nvidia per se stessa. Se le schede provengono dalla stessa produzione della serie GeForce RTX, il silicio sarà poco disponibile. Al momento ci sono colli di bottiglia per tutti i componenti del PC. Forse, agli occhi dei minatori, i vantaggi della serie CMP-HX semplicemente non ripagano. Rimane solo il freno, che potrebbe avere un impatto – se non può essere bypassato.

Cosa ne pensi? Fammelo sapere nei commenti.

A 154 persone piace questo articolo


Kevin Hofer
Kevin Hofer
Editor, Zurigo
Tecnologia e società mi affascinano. Combinarle entrambe e osservarle da punti di vista differenti sono la mia passione.

Potrebbero interessarti anche questi articoli