Retroscena

Nostalgia del passato: quale prodotto è stato usato per questa lampada?

Pia Seidel
12.10.2022
Immagini: Pia Seidel
Traduzione: Sanela Dragulovic

Lo stilista Gilles Werbrouck ha sviluppato una lampada realizzata in parte con un prodotto di scarto. Indovinerai sicuramente di quale si tratta leggendo le prime righe.

Mi sbaglio spesso quando cerco di indovinare di cosa è fatto un determinato pezzo di design durante le mie visite alle fiere. A volte perché non posso toccare le cose. Più frequentemente perché ci sono sempre più materiali che non conosco o che non ho mai visto in questa forma prima. Di recente mi ha fatto riflettere la lampada di Gilles Werbrouck al Salone del Mobile di Milano, con la quale si è aggiudicato il secondo posto del SaloneSatellite Award. Per la sua realizzazione, il designer ha trasformato un tessuto apparentemente inutile in un prodotto nuovo. Forse le seguenti caratteristiche ti aiuteranno a capire di cosa si tratta.

Indovinello

Il progetto di Gilles «Lamp, 2021» è costituito essenzialmente da due componenti. Un paralume all'uncinetto e un piede cilindrico. Quest'ultimo consiste di un materiale a base di gesso in resina acrilica chiamata Jesmonite, che viene versato su una rete nera – e non dico altro.

«Lamp, 2021» (50 cm x 8 cm) dello Studio Gilles Werbrouck e dello Studio Hugues Loinard.
«Lamp, 2021» (50 cm x 8 cm) dello Studio Gilles Werbrouck e dello Studio Hugues Loinard.

La rete stessa è fatta di un materiale che oggi è considerato un rifiuto. Negli anni Novanta non era così. All'epoca era considerato un vettore di messaggi d'amore e non solo. Questo prodotto di scarto si presentava sotto forma di una pellicola lunga e stretta che aveva un effetto attrattivo e che era arrotolata. Quando era in movimento, mi piaceva cantare e ballare al suo ritmo. A volte rimanevo anche in totale silenzio. Dopo aver letto i miei indizi prova a risolvere l'indovinello.

Sondaggio

Di cosa è fatto questo paralume?

  • Reggette dei pacchi
    10%
  • CD
    13%
  • Nastro magnetico
    75%

Il concorso è terminato.

Soluzione

Il design della lampada non solo combina due tecniche diverse, ma anche due materiali. La base in gesso è stata creata in collaborazione con l'artista Hugues Loinard ed è stata colata. Il paralume, invece, è stato realizzato all'uncinetto da Gilles con vecchi nastri magnetici di videocassette (VHS).

Il designer ha voluto utilizzare i nastri VHS perché gli ricordano i vecchi tempi. In un'intervista ha rivelato che questi gli ricordano i film visti in famiglia e le infinite discussioni su quale film noleggiare in videoteca. Ma ora che non dobbiamo più riavvolgere i nastri per rivedere una scena e che molti nastri magnetici finiscono semplicemente nella spazzatura, il designer vuole dargli un nuovo significato.

Riciclaggio di nastri VHS: le lampade sono composte da un gesso speciale e da un tessuto all'uncinetto fatto di nastro magnetico.
Riciclaggio di nastri VHS: le lampade sono composte da un gesso speciale e da un tessuto all'uncinetto fatto di nastro magnetico.

La scelta del filato è stata centrale per lo stilista fin dalla nascita del suo marchio. Dopo aver conseguito due master in moda, con particolare attenzione al design della maglieria, Gilles Werbrouck ha avviato il proprio studio nel 2018 per applicare le conoscenze apprese al design degli interni. Ha osservato che i tessuti lavorati a maglia si trovano raramente in questo ambito. Eppure, ai suoi occhi, hanno un grande potenziale in termini di texture, scelte di filati e colori, elasticità e tecniche di finitura. «Lamp, 2021» mostra come i tessuti a maglia possano essere integrati nello spazio, senza che siano coinvolti gli indumenti. Il lavoro a maglia permette a Gilles di produrre meno scarti possibili, aggiungendo valore alle scorte in disuso come le videocassette.

Un altro marchio di fabbrica dello studio di design è che tutti gli oggetti sono realizzati interamente a mano. La lampada da tavolo è stata realizzata in 36 esemplari. Ogni pezzo è diverso, a differenza di molti capi d'abbigliamento e lampade di produzione industriale.

Questo è il primo articolo della serie «Indovina indovinello» in cui non ti svelo subito di cosa sono fatte le cose, in modo che tu possa risolvere l'indovinello. Seguimi per non perdere il prossimo articolo della serie.

A 25 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

«Ci sono due modi di vivere la vita. Uno è pensare che niente è un miracolo. L'altro è pensare che ogni cosa è un miracolo.»
– Albert Einstein


Illuminazione
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

14 commenti

Avatar