Microsoft Teams vs. privacy: la spada di Damocle è ora viola

Microsoft Teams vs. privacy: la spada di Damocle è ora viola

Dominik Bärlocher
Zurigo, il 07.12.2020
Traduzione: Leandra Amato
Microsoft Teams è un ottimo software, ma ha un lato negativo: raccoglie dati che violano la tua privacy. Microsoft fa marcia indietro, mentre i dati vengono ancora raccolti, ma spesi in modo diverso.

A quanto pare esistono ancora i capi che vivono nel XVII secolo, che insistono su periodi di presenza fissi in ufficio e che amano sentirsi dare del «lei». Altrimenti rimangono sbalorditi e hanno un disperato bisogno di un incontro faccia a faccia per rimettere il collaboratore – spesso chiamato «il dipendente» – in riga.

Proprio a queste persone meravigliose è stato dato un potente strumento: Microsoft Teams. Non fraintendermi: Microsoft Teams è un software incredibilmente buono che è molto di più di un semplice «Skype ma viola». Il problema non è Microsoft – ok, a volte la società non aiuta – ma il tuo capo.

Ecco perché stiamo rivendicando un po' di libertà nella nostra vita quotidiana in ufficio. Questo sullo sfondo del «Microsoft Productivity Score», introdotto con molta ingenuità, abbattuto dagli attivisti e ora presente come soluzione di compromesso. Ma lo spettro della sorveglianza totale di «Skype viola» aleggerà per sempre come una spada di Damocle sulla testa dei dipendenti – scusami, collaboratori.

Microsoft Productivity Score: la distopia della vita in ufficio in cifre

Novembre 2020. Lo sviluppo di Microsoft Team in questi tempi di telelavoro si afferma come nuova normalità – la pandemia di Coronavirus e i suoi slogan di marketing, che di solito iniziano con «In questi tempi difficili...». Si vive attivamente l'Agile Development. Gli aggiornamenti arrivano spesso, presto, e molte volte senza che ci si chieda se siano effettivamente utili.

Una di queste cose era, o meglio è, il Microsoft Productivity Score.

Il Microsoft Productivity Score è stato concepito da Microsoft come «strumento, che misura l'adozione di prodotti Microsoft 365». Questo perché l'azienda crede fortemente nella proliferazione dei propri prodotti basata sui dati e nelle risorse spese per lo sviluppo di questi prodotti.

Naturalmente, Microsoft raccoglie i dati degli utenti quando si utilizza Office 365. Cosa pensavi? Altrimenti perché Microsoft avrebbe pronunciato la frase «Prendiamo molto sul serio la privacy» o qualcosa di analogo?

Teams funziona come i social media. I dati vanno al produttore.
Teams funziona come i social media. I dati vanno al produttore.
Illustrazione: Oliver Widder

Tutto questo va benissimo. Ma il problema è che il tuo capo può meravigliosamente vedere in una dashboard quanto spesso interagisci con quale prodotto Microsoft. Poi Microsoft calcola e rilascia un punteggio. Quindi non dice solo una cosa del genere:

Stephanie Tresch

Microsoft Teams: 3 ore
Microsoft Word: 2 ore
Microsoft Outlook: 4 ore

Bensì qualcosa del tipo:

Stephanie Tresch: 655

Se il punteggio di Stephanie scende sotto i 500... riunione faccia a faccia. O qualcosa di simile. Capisci il sistema che c'è dietro.

Questo, naturalmente, ha portato a delle critiche. Perché se il reparto IT della tua azienda può già vedere quanto tempo Stephanie ha trascorso con Teams, allora può farlo anche un capo. E ognuno di noi conosce un capo che userebbe queste conoscenze per danneggiare Stephanie o te.

L'attivista austriaco per i diritti digitali Wolfie Christl è considerato il portavoce di questo episodio. È lui che ha inviato i tweet che hanno avvertito il mondo che questi dati venivano raccolti e analizzati. Mi piacerebbe inserire questi tweet qui, ma non posso.

Microsoft fa marcia indietro, ma tu non hai nessuna possibilità

«Non è quello che volevamo dire», Microsoft ha poi parafrasato e ha corretto il punteggio. I dati vengono ancora raccolti, ma non più suddivisi per singoli utenti. Così il tuo reparto IT o il tuo capo vedrà solo record come «Collaboratore/Collaboratrice Marketing: 91% di tutte le riunioni con videocamera» o simili.

Attualmente, Microsoft raccoglie tre tipi di dati:

  • Statistiche personali
  • Dati di utilizzo
  • Dati di errore

Ben 19 record di questi dati possono essere visualizzati dal tuo reparto IT e/o dal tuo capo.

Tuttavia, solo perché Microsoft non darà più i dati al tuo capo, non significa che sarà per sempre così. Sicurezza e privacy sono un processo, non uno stato. Non possiamo sfuggire alla raccolta di dati. Il rapporto viene generato in background. Microsoft ci lavora. Anche il tuo reparto IT e/o il tuo capo.

Non c'è scampo.

A 132 persone piace questo articolo


Dominik Bärlocher
Dominik Bärlocher

Senior Editor, Zurigo

Giornalista. Autore. Hacker. Sono un contastorie e mi piace scovare segreti, tabù, limiti e documentare il mondo, scrivendo nero su bianco. Non perché sappia farlo, ma perché non so fare altro.

Informatica

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Smartphone

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


B2B

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli