Macbook Pro M1 nel test degli esperti: «16 GB di RAM in realtà sono un no-go assoluto»

Macbook Pro M1 nel test degli esperti: «16 GB di RAM in realtà sono un no-go assoluto»

Philipp Rüegg
Zurigo, il 12.03.2021
Traduzione: Leandra Amato
Secondo Apple, il nuovo Macbook è una vera meraviglia di prestazioni grazie al chip M1. Per scoprire se può essere effettivamente utilizzato per un lavoro serio, abbiamo prestato il dispositivo a una società di sviluppo software per testarlo.

Il chip M1 del Macbook Pro è due volte più veloce della CPU e della GPU più veloce attualmente disponibile della concorrenza. Almeno questo è quello che pensa Apple. Il nuovo SoC (system-on-a-chip), che combina scheda grafica, processore e RAM su una sola scheda, è un pezzo di tecnologia impressionante se si guardano le specifiche tecniche. Apple volta quindi le spalle a Intel, affidandosi d'ora in poi completamente ad ARM. Mentre i chip ARM erano precedentemente noti più per la loro efficienza energetica che per le prestazioni, si dice che l'M1 sia buono per entrambe le cose.

Per verificare le affermazioni di Apple, ho prestato un nuovo Macbook Pro ad amici sviluppatori di applicazioni. Tra i clienti di Smoca ci sono, per esempio, SBB, BMW, Swiss Life Select e Teletext. Per lo sviluppo di applicazioni, database, server e altro, l'azienda si affida principalmente ai Macbook Pro. Non si sono lasciati pregare quando ho chiesto se volevano testare un Macbook M1.

Ho notato un certo scetticismo. «Noi lavoriamo con Macbook "maxed up", cioè Intel i9 con 32 o meglio ancora 64 GB di RAM. I 16 GB del nuovo M1 sono quindi un no-go assoluto», spiega Benjamin Arnold durante la mia visita al Technopark di Winterthur. Tutta quella RAM è necessaria per tutti gli strumenti di sviluppo, le soluzioni di backend e gli ambienti di sviluppo. «Ogni devkit divora facilmente da tre a quattro gigabyte di RAM». Lo sviluppatore iOS e web dovrebbe saperlo. «E non dimenticare il browser, Slack, Spotify, ecc. Ho bisogno anche di macchine virtuali (VM). Si accumula tutto rapidamente», aggiunge David Gunzinger, CTO e co-fondatore di Smoca.

Benjamin Arnold (s.) e David Gunzinger hanno passato un mese a testare intensamente il nuovo Macbook.
Benjamin Arnold (s.) e David Gunzinger hanno passato un mese a testare intensamente il nuovo Macbook.

Oltre allo scetticismo sulla RAM, Benjamin ha anche pensato che le promesse di prestazioni di Apple fossero un po' alte prima del test: «Ho pensato che, mentre la maggior parte delle cose avrebbero funzionato, non mi aspettavo più di un aumento del 25% delle prestazioni». Per funzionare, Benjamin intende il fatto che i nuovi Macbook hanno detto addio all'architettura x86 con il processore ARM. Questo significa che tutte le applicazioni devono essere portate sul nuovo sistema. Ma poiché questo non accade dall'oggi al domani, Apple ha integrato un emulatore in macOS con Rosetta 2, con il quale il 99% delle applicazioni dovrebbe funzionare automaticamente anche sui Macbook M1.

Lo fanno davvero? «Il browser Vivaldi funziona come se fosse su un vecchio portatile», ma questa è l'eccezione. A parte questo, Benjamin non ha notato quasi nessuna limitazione. Al contrario. Tre quarti di tutte le applicazioni utilizzate quotidianamente da Smoca sono già in esecuzione nativa, cioè sono state trasferite. Alcuni strumenti di sviluppo causano ancora problemi. O manca il trasferimento, o si basano su applicazioni che non sono ancora state aggiornate, o solo l'ultima versione è stata trasferita per ARM. «Ma questo non serve a nulla se il tuo software non è compatibile con l'ultima versione», spiega Benjamin mentre inizia un nuovo benchmark.

Gli espedienti come la touchbar non sono importanti per Smoca, dove sono molto più felici di vedere il ritorno di una tastiera decente.
Gli espedienti come la touchbar non sono importanti per Smoca, dove sono molto più felici di vedere il ritorno di una tastiera decente.

Con poche eccezioni, i due sono impressionati da ciò che Apple ha creato con Rosetta 2. «Questa emulazione di CPU è la più performante disponibile. Rosetta è da un lato dannatamente ben programmata e dall'altro offre prestazioni impareggiabili», loda David. Quasi tutti i programmi funzionano «out of the box», conferma Benjamin, «ma per certe applicazioni abbiamo bisogno di driver speciali, quindi dovremo aspettare e vedere. E ci sono stati problemi con il software audio su Big Sur. Certi utenti non apprezzeranno l'M1», dice David con un sorriso consapevole.

La RAM è sufficiente?

E l'uso della RAM? 16 GB sono davvero troppo pochi? Benjamin dà il via libera: «Dato che non abbiamo ancora usato il dispositivo per mesi, non abbiamo molte applicazioni in esecuzione su di esso allo stesso tempo. Attualmente, ho 25 GB di RAM occupati e non noto alcuna perdita di velocità». Se viene utilizzata più RAM di quella fisicamente disponibile nel dispositivo, il sistema operativo scambia i dati non importanti con l'SSD. Il tutto si chiama RAM Swapping. L'accesso all'SSD è di solito più lento rispetto a quando i dati possono essere memorizzati nella RAM. Apple apparentemente ha fatto qualche magia lì, anche se forse a spese della durata. «È pura speculazione, ma ho letto che i dispositivi M1 hanno un'usura dell'SSD molto elevata, che potrebbe essere dovuta allo swapping intensivo della RAM». Sul Macbook con Intel, Benjamin non ha mai raggiunto il limite della RAM per cui sarebbe stato necessario lo swapping.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Velocità di compilazione

RAM o no, il chip M1 fornisce così tanta potenza come sostiene Apple, e a cosa serve questa potenza? «La differenza più evidente è quando si compila. Questo è il processo di conversione del codice scritto, nel caso delle app iOS che utilizzano il linguaggio di programmazione Swift, in linguaggio macchina. A seconda dell'applicazione, l'intera app viene ricompilata ogni volta che viene salvata, o altrimenti si limita a girare in background», Benjamin mi spiega il pane quotidiano di uno sviluppatore di software. A seconda del progetto, il Macbook deve fare un'enorme quantità di calcoli in background. Quando si sviluppano applicazioni iOS, ogni grammo di prestazioni conta. «Ogni volta che vuoi simulare brevemente ciò che fa il tuo codice, sei felice se ci vogliono solo 30 secondi invece di un minuto», spiega Benjamin. «Potrebbe non sembrare molto, ma quando devi farlo da 50 a 100 volte al giorno, è una differenza gigantesca». In tutti i progetti testati da Smoca, il tempo di compilazione è stato dimezzato quasi su tutta la linea.

Decisione ovvia

Per David e Benjamin, la conclusione dopo circa un mese con l'M1 è chiara: «Peccato, abbiamo appena comprato nuovi computer portatili, altrimenti lo sceglierei sicuramente», dice il CTO. Non solo per le prestazioni, ma anche per il prezzo: «Un Macbook Pro completamente equipaggiato con Intel ci costa molto di più di uno con M1. E otteniamo meno prestazioni». Per David sarebbe una decisione ovvia. Inoltre, il dispositivo impiega più tempo per accendere la ventola, «ma il suono è molto più fastidioso», dice Beni con il volto contorto dal dolore. E dovrebbe avere più collegamenti, dicono i due all'unanimità, «e non solo sul lato sinistro, per favore», aggiunge Benjamin. Vorrebbero anche vedere una diagonale di schermo più grande di 13 pollici.

Apple dovrebbe aumentare un po' le porte la prossima volta e per favore distribuirle su entrambi i lati.
Apple dovrebbe aumentare un po' le porte la prossima volta e per favore distribuirle su entrambi i lati.

«Gli utenti privati non devono pensarci affatto, a meno che non stiano usando un software speciale o musicale. Ci sono ancora alcune barriere per gli sviluppatori, ma verranno eliminate», è convinto David. Mi sento quasi un po' in colpa quando devo togliere loro di nuovo il Macbook. Ma mentre raccolgo frasi mentre esco, come: «E se mi cade per terra?» o «Con i bambini piccoli nell'ufficio domestico, questo succede comunque tutto il tempo», potrebbero non dover aspettare fino al prossimo upgrade aziendale, dopo tutto.

MacBook Pro 13 – Late 2020 (13.30", M1, 16GB, 1000GB)
1969.–
Apple MacBook Pro 13 – Late 2020 (13.30", M1, 16GB, 1000GB)
MacBook Pro 13 – Late 2020 (13.30", M1, 16GB, 512GB)
1716.–
Apple MacBook Pro 13 – Late 2020 (13.30", M1, 16GB, 512GB)
MacBook Pro 13 – Late 2020 (13.30", M1, 16GB, 2000GB)
2429.–
Apple MacBook Pro 13 – Late 2020 (13.30", M1, 16GB, 2000GB)

A 136 persone piace questo articolo


Philipp Rüegg
Philipp Rüegg

Senior Editor, Zurigo

Vado matto per il gaming e i gadget vari, perciò da digitec e Galaxus mi sento come nel paese della cuccagna – solo che, purtroppo, non mi viene regalato nulla. E se non sono indaffarato a svitare e riavvitare il mio PC à la Tim Taylor, per stimolarlo un po' e fargli tirare fuori gli artigli, allora mi trovi in sella del mio velocipede supermolleggiato in cerca di sentieri e adrenalina pura. La mia sete culturale la soddisfo con della cervogia fresca e con le profonde conversazioni che nascono durante le partite più frustranti dell'FC Winterthur.

Informatica

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


B2B

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli