Questo articolo è stato tradotto automaticamente.
Novità e trendSport

Lo sloveno vince la classica Milano-San Remo con un reggisella abbassabile

Patrick Bardelli
Zurigo, il 21.03.2022

La Milano-San Remo è stata vinta sabato da Matej Mohoric, che ha usato un reggisella telescopico. Un cosiddetto dropper post non è mai stato usato nelle corse su strada professionali, per quanto ne sappiamo.

In una gara emozionante, il 27enne sloveno Matej Mohoric del Team Bahrain Victorious è stato in grado di tenere il passo dei suoi più grandi rivali sulla salita finale del Poggio. Poi li ha lasciati tutti alle spalle in discesa e ha celebrato una delle sue più grandi vittorie nella classica di primavera Milano-San Remo.

La Milano-Sanremo è uno dei cinque monumenti del ciclismo su strada: cinque corse dure che si svolgono tutte da oltre un secolo. Con una lunghezza di 293 chilometri, la Milano-Sanremo è la più lunga corsa di un giorno nel calendario del World Tour. Che un'invenzione delle corse di mountain bike si riveli un fattore decisivo in questo caso dice molto su quanto la tecnologia sia diventata matura nel frattempo.

Nella sua intervista vincente, Mohoric ha spiegato il suo piano a Eurosport:

"Ho pensato a questa gara per tutto l'inverno. La squadra ha avuto l'idea di usare un reggisella abbassabile perché questa gara mi si addice molto e ha una discesa alla fine. Sapevo che se mi fossi allenato bene durante l'inverno e fossi stato in buona forma, avrei avuto la possibilità di vincere qui. La squadra mi ha preparato la bici con il dropper post perché avevamo questo piano da molto, molto tempo. All'inizio non pensavo che avrebbe fatto molta differenza nelle discese, ma quando l'ho provato per la prima volta in allenamento sono rimasto stupito da quanto fosse più sicuro. Ti dà molto più controllo sulla moto e quando vai a tutto gas puoi naturalmente andare un po' più veloce ed è più facile evitare gli errori o correggerli quando accadono".

Sieg dank versenkbarer Sattelstütze?
Sieg dank versenkbarer Sattelstütze?

I vantaggi di un reggisella abbassabile possono sembrare minimi a prima vista. Tuttavia, per mezzo di una leva sul manubrio, l'altezza della sella può essere regolata individualmente senza attrezzi durante la guida. Questo dà all'atleta la migliore posizione possibile per la trasmissione della potenza in salita e la massima libertà di movimento in discesa.

E cosa dice l'UCI?

Dopo la prima vittoria di Matej Mohoric in Coppa del Mondo alla Milano-San Remo, l'UCI, l'organo di governo del ciclismo mondiale, ha confermato che non vieterà i pali contagocce per le gare di ciclismo su strada. In una dichiarazione, l'UCI ha confermato che i reggisella retrattili sono consentiti purché rispettino i regolamenti:

Nel 2014, la commissione attrezzature dell'UCI ha approvato l'uso di reggisella retrattili nelle gare di ciclismo su strada. Il loro uso è soggetto all'articolo 1.3.013 del regolamento UCI per una distanza minima di 5 cm, vale a dire quando il reggisella abbassabile è impostato sulla sua regolazione più alta o più bassa. L'ambientazione deve rispettare pienamente l'articolo 1.3.013.

Bilder: Tim de Waele/Getty Images

A 32 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

What matters isn’t how well you play when you’re playing well. What matters is how well you play when you’re playing badly.


Sport
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader