La guerra cinematografica: Netflix distruggerà il cinema come lo conosciamo?
Retroscena

La guerra cinematografica: Netflix distruggerà il cinema come lo conosciamo?

Luca Fontana
Zurigo, il 13.03.2019
Traduzione: Leandra Amato
Netflix & Co. sono considerati la grande concorrenza del cinema. Ironia della sorte, uno dei film del servizio di streaming è stato recentemente premiato con tre Oscar. Ma la nuova passione di Netflix per i film sta distruggendo il cinema tradizionale?

«Roma» di Alfonso Cuarón è sulla bocca di tutti. Il film racconta la storia turbolenta di una governante nel Messico politicamente instabile degli anni Settanta. Quest’anno ha vinto tre Oscar, di cui uno nella categoria «Miglior regia». È stato anche premiato in precedenza con il Leone d'Oro alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia.

«Roma» non è solo un capolavoro pluripremiato, ma anche un originale Netflix.

È straordinario. È solo la seconda produzione cinematografica dopo «Manchester by the Sea» di Prime ad aver vinto un Oscar sotto l'etichetta di un provider di streaming o ad essere almeno considerata per una statuetta d'oro. Nulla di nuovo: Netflix, Prime e compagnia bella hanno maggiori probabilità di essere concorrenti del cinema tradizionale rispetto ai potenziali candidati al premio più prestigioso di Hollywood.

Si pone la domanda: cosa sta cercando di fare Netflix? Una guerra contro l'industria cinematografica?

Netflix scopre il film

Netflix è nota soprattutto per un'offerta di serie che coniuga quantità e qualità sorprendentemente bene. Anche se inizialmente i film hanno avuto un ruolo minore, ora il provider di streaming si sta facendo conoscere anche con i propri lungometraggi e documentari.

A confronto: nel 2018, il numero di film e documentari è stato poco più del doppio di quello che gli studi Warner Bros. e Disney hanno portato al cinema. Questo dimostra da solo quanto l'offerta di Netflix sia in crescita. L'anno scorso, gli «Originali» dello streamer – serie e marketing inclusi – sono costati circa 13 miliardi di dollari. Quest'anno si festeggiano addirittura 15 miliardi di dollari.

Placeholder image
placeholder

placeholder

Tuttavia, investire più soldi che mai in produzioni cinematografiche e documentaristiche interne è solo una parte della strategia per conquistare nuovi abbonati. Almeno altrettanto importante è l'attenzione. E questa si ottiene sui tappeti rossi di questo mondo.

Lo streamer fa sul serio.

C'era una volta a Cannes

Netflix muove i suoi primi passi alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2015, dove il direttore della Mostra Alberto Barbera include nel programma la produzione propria di Netflix «Beast of No Nation». Due anni dopo, il provider di streaming è presente al Festival di Cannes, dove si può vincere la palma d'oro, il più importante premio cinematografico dopo gli Oscar di Hollywood. Vengono mostrati i film «Okja» di Bong Joon-ho e «The Meyerowitz Stories» del regista tedesco Noah Baumbach.

Gli operatori cinematografici infuriano.

Il problema: il modello di business di Netflix non include la distribuzione cinematografica. I film che possono vincere premi prestigiosi e quindi attirare l'attenzione del pubblico non vengono proiettati nelle sale cinematografiche, ma vengono trasmessi direttamente nei salotti degli abbonati. Se si acquistano nuovi abbonamenti Netflix invece dei biglietti per il cinema, gli operatori cinematografici temono per le loro entrate. Secondo l'accusa degli operatori cinematografici al Festival, prendere in considerazione tali film è un tradimento contro il cinema. Qualche mese dopo Steven Spielberg dirà che i film Netflix dovrebbero essere visti per quello che sono: film televisivi. Pertanto, non avrebbero perso nulla nelle cerimonie di premiazione cinematografiche.

Quando le polemiche a Cannes degenerano al punto da interrompere il film «Okja» dopo cinque minuti, poiché il logo Netflix all'inizio del film provoca fischi da parte del pubblico, il direttore Thierry Frémaux si vede costretto ad agire e cambia le regole: i film che non vengono proiettati nelle sale cinematografiche francesi potranno d'ora in poi partecipare al Festival solo al di fuori della competizione.

Thierry Frémaux è il direttore generale del Festival di Cannes
Thierry Frémaux è il direttore generale del Festival di Cannes

Ted Sarandos, Content Manager di Netflix, sente odore di opportunità. Infatti, se proietta uno dei suoi film per un breve periodo di tempo in un paio di sale cinematografiche – per qualificarsi agli Oscar – Sarandos insiste sul Day-and-Date release (uscita simultanea) – quindi contemporaneamente sia al cinema che sulla propria piattaforma Internet.

Impossibile per gli operatori cinematografici, soprattutto in Francia. Lì un film proiettato al cinema può essere offerto in streaming per legge al più presto tre anni dopo. Comprensibile per proteggere gli operatori cinematografici francesi, ma non un'opzione per Sarandos e il modello di business di Netflix. Poco dopo, Netflix annuncia di rimanere lontano da Cannes in futuro.

Ted Sarandos è Chief Content Officer di Netflix
Ted Sarandos è Chief Content Officer di Netflix

«Ciò che Cannes celebra non è l'arte cinematografica, bensì la distribuzione cinematografica», inveisce Sarandos.

«Netflix ha così tanti film che potrebbero semplicemente fare un'eccezione per Cannes», risponde Frémaux.

La guerra tra Netflix e Cannes non fa apparire nessun lato particolarmente bello. A meno che qualcuno non si apra al dialogo. Il dibattito che ne è alla base, tuttavia, è intricato: il cinema del futuro è un'esperienza sociale sul grande schermo, o è qualcosa che condividiamo come esperienza istantanea dal divano attraverso altre piattaforme? Ciò che Netflix vuole è ancora cinema, oppure Cannes e i gestori cinematografici sono semplicemente bloccati nel passato?

Netflix con un enorme star power e il suo cinema

Netflix fa comunque pressione. E il direttore del festival Frémaux difficilmente potrà mantenere il suo atteggiamento in futuro. A meno che, non voglia rinunciare a illustri registi e attori a Cannes; il gigante dello streaming non risparmia alcuno sforzo finanziario per portare il glamour hollywoodiano e i vincitori di Oscar sulla propria piattaforma Internet.

Tilda Swinton e Jake Gyllenhaal hanno già recitato in «Okja». Netflix si è recentemente assicurata i diritti di distribuzione internazionale di «Mowgli» di Andy Serki – tra l’altro con Benedict Cumberbatch e Christian Bale – per 100 milioni di dollari. Un anno prima era «Annihilation» di Alex Garland con Natalie Portman nel ruolo principale. Ma anche se è Netflix a produrre, non mancano i nomi celebri: ad esempio Will Smith nel thriller fantasy «Bright», o Brad Pitt e Topher Grace nella satira bellica «War Machine».

Poi è arrivato «Roma». Per poter partecipare alla corsa agli Oscar, Netflix ha dovuto mostrare il film al cinema. Quello che sembra un piccolo passo verso gli operatori cinematografici sono in realtà le regole dell’Academy, che ogni anno seleziona i vincitori dell'Oscar.

Ma, a differenza della Francia, negli Stati Uniti non esiste una legge che vieta il rilascio simultaneo. Ecco perché non è stato difficile per Netflix trovare alcuni gestori cinematografici che mostrassero «Roma» sul grande schermo – tre settimane prima che il film fosse pronto per lo streaming. Non sono di certo i 90 giorni o giù di lì che stanno di solito tra il cinema e l'uscita di DVD/Blu-ray, ma almeno.

E «Roma» non dovrebbe essere l'ultimo film Netlix premiato dall’Academy: in autunno segue il prossimo pretendente con il thriller di mafia «The Irishman». La sedia del regista è occupata dal leggendario Martin Scorsese e il cast include Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci. La collaborazione è iniziata quando l'allora attuale film di Scorsese «Silence» ha fatto fiasco al botteghino. Poiché lo studio cinematografico Paramount Pictures non voleva correre il rischio di un altro flop, Netflix si è buttata nella breccia con un budget di 140 milioni di dollari.

Come già con «Roma», Netflix proietterà il film due o tre settimane prima in alcune sale cinematografiche. Forse anche nella propria catena cinematografica, se si può credere alle voci secondo cui lo streamer sta seriamente pensando di comprare catene cinematografiche.

Questo non sembra impossibile: niente ostacolerebbe un’uscita simultanea. La vendita di bevande e popcorn genererebbe entrate supplementari. Netflix potrebbe persino ospitare eventi in cui serie fantascientifiche di grande impatto visivo come «Star Trek: Discovery» o «Lost in Space» possono essere viste al cinema. Ci sono certamente persone che pagherebbero per questo, anche se hanno la serie inclusa nel loro abbonamento a casa.

L'unico punto preoccupante è che le sale cinematografiche Netflix sarebbero un ulteriore passo avanti verso la monopolizzazione del paesaggio cinematografico e di serie, dove lo streamer può giocare secondo le proprie regole.

Sale cinematografiche vuote a causa di Netflix?

Il corso glamour di Netflix assicura la collaborazione dello streamer con registi e attori di fama internazionale. Questo a sua volta aumenta l'interesse del pubblico e quindi il numero di abbonamenti. Dopo tutto, Netflix deve armarsi: il servizio di streaming Disney Disney+ sarà lanciato alla fine dell'anno. Anche la Warner Brothers ha annunciato che vuole ottenere un pezzo di torta con il proprio portale di streaming.

Netflix si assicura quindi il suo futuro a spese del cinema? La mia risposta è chiaramente no.

Certo, Netflix è comodo. Un abbonamento Netflix Basic che consente l'accesso illimitato all'intero portfolio di film e serie al prezzo di 11.90 franchi al mese vale la pena se l'alternativa è un biglietto unico per il cinema al prezzo di circa 20 franchi. Se, tuttavia, i contenuti prodotti dal provider di streaming non fossero così buoni, anche l'azienda californiana non avrebbe lo stesso successo – convenience avanti e indietro.

In realtà, si potrebbe anche sostenere che Netflix contribuisca alla cultura cinematografica. Per anni, gli studi cinematografici si sono affidati quasi esclusivamente a film di supereroi o sequel di marchi affermati. Nel 2018 solo «Bohemian Rhapsody» è entrato nella Top 10 dei film indipendenti di maggior successo al mondo – supportato dall'attrazione della leggendaria band che sta dietro il biopic musicale.

Quindi senza Netflix, non ci sarebbe stato nessun «The Irishman». E forse vale anche per «Roma». Il realizzatore di «Ex Machina» Alex Garland avrebbe potuto mostrare il suo «Annihilation» solo negli Stati Uniti. E «Mowgli» di Andy Serki era destinato a fallire presto dopo l’adattamento reale Disney di «The Jungle Book». Quindi, quando Ted Sarandos afferma che il Festival di Cannes sostiene la distribuzione del film in Francia piuttosto che il film stesso, non si sbaglia del tutto.

Il futuro del cinema

Il futuro del cinema sta per cambiare. Soprattutto i piccoli operatori, i cinema multisala con sale eleganti, comode poltrone ed eventi 4DX temono per la loro esistenza. Alla fine, sta a noi spettatori decidere dove preferiamo guardare un film. Non c'è niente di male nel guardare Netflix la sera, andare al cinema nei fine settimana e visitare un festival o un cinema all'aperto in estate.

Alberto Barbera, il direttore del Festival di Venezia, lo riassume in poche parole. È stato colui che ha già incluso un film Netflix nel suo programma del 2015 con «Beast of no Nation» ed è stato criticato per questo:

Non ha senso discriminare i film per il modo in cui vengono realizzati. Scelgo i film in base al loro valore artistico. Non importa da dove vengono, fanno parte del cinema odierno.

Amen.

A 21 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana
Editor, Zurigo
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Potrebbero interessarti anche questi articoli