«Il Signore degli Anelli»: cosa possiamo aspettarci dalla serie TV?
Novità e trend

«Il Signore degli Anelli»: cosa possiamo aspettarci dalla serie TV?

Luca Fontana
Zurigo, il 05.07.2019
Traduzione: Leandra Amato
Nel 2017 Amazon Prime Video acquista i diritti della serie TV «Il Signore degli Anelli». Due anni dopo, sappiamo il nome del regista. Un buon momento per dare un'occhiata ai fatti e sbarazzarsi delle voci.

La serie TV ancora senza nome de «Il Signore degli Anelli» ha il suo primo regista. Secondo Deadline si tratta dello spagnolo Juan Antonio Bayona, famoso per «Jurassic World 2» o il dramma dello tsunami «The Impossible». Bayona deve dirigere almeno i primi due episodi della prima stagione e gettare così le basi per il tono cinematografico della serie.

In un'intervista con la rivista, Bayona dichiara: «Da fan, è un onore per me unirmi a questa grande squadra. Non vedo l'ora di trasportare spettatori di tutto il mondo nella Terra di Mezzo, con una storia mai vista prima».

Il regista Juan Antonio Bayona
Il regista Juan Antonio Bayona
Flickr/Moritz Barcelona, CC BY 4.0

Così la serie assume forme sempre più concrete. Nel novembre 2017, Amazon si è assicurata i diritti per l'adattamento in serie per 250 milioni di dollari – l’importo più alto mai pagato per i diritti di un film e adattamento in serie. Per fare un confronto: Dan Brown, l'autore del successo mondiale «Il Codice Da Vinci», ha ricevuto per l’adattamento del suo romanzo «solo» 6 milioni di dollari.

Uscita, budget e showrunner

La serie è prodotta da Amazon Studios in collaborazione con la Tolkien Estate, proprietaria dei diritti dell'intero franchise de «Il Signore degli Anelli», e New Line Cinema, lo studio di produzione dei film di Peter Jackson.

Quindi è chiaro: la serie si svolge all'interno dell'universo cinematografico del regista neozelandese. Ma a Bayona dovrebbe essere permesso di realizzare la propria visione, come ha raccontato Jennifer Salke, Head of Amazon Studios, a Deadline: «Lo stile di Bayona nel realizzare grandi mondi cinematografici è adatto alle nostre ambizioni».

Head of Amazon Studios Jennifer Salke
Head of Amazon Studios Jennifer Salke
Chris Frawley/Amazon

Amazon sta pianificando cinque stagioni, per un budget totale di 750 milioni di dollari. Per fare un confronto: tutte le otto stagioni de «Il Trono di Spade» insieme sono costate poco meno di 600 milioni di dollari. Questo renderebbe la serie «Il Signore degli Anelli» la produzione televisiva più costosa di tutti i tempi.

Gli autori JD Payne e Patrick McKay sono già stati confermati come showrunner nel luglio 2018 – su raccomandazione del regista di «Star Trek» J. J. Abrams. Insieme a lui hanno scritto la sceneggiatura di «Star Trek 4». Come D. B. Weiss e David Benioff in «Game of Thrones», Payne e McKay assumeranno la direzione creativa e amministrativa dello spettacolo de «Il Signore degli Anelli».

Le riprese dovrebbero iniziare quest'anno. Infine, l'accordo tra Amazon e la Tolkien Estate prevede che la produzione abbia inizio al più tardi due anni dopo la firma del contratto. La serie potrebbe quindi essere vista su Prime Video già nel 2021 – il 2020 è improbabile, come ha confermato Salke a The Hollywood Reporter.

Senza Aragorn, Gandalf e Peter Jackson

Si sa poco degli attori coinvolti e persino del contenuto della serie. Le voci sulla presenza di un giovane Aragorn – nei film interpretato dall'attore Viggo Mortensen – o sul ritorno di Sir Ian McKellen nei panni di Gandalf sono state smentite. Aragorn e Gandalf non saranno presenti nella serie.

Sir Ian McKellen, Gandalf
Sir Ian McKellen, Gandalf
New Line Cinema

È noto da quando il canale Twitter ufficiale di Prime su «Il Signore degli Anelli» ha pubblicato diverse versioni della mappa della Terra di Mezzo all'inizio dell'anno. L’ultima versione mostra l'isola «Numénor» e la descrizione dell'immagine: «Welcome to the Second Age».

Quindi è chiaro: la serie TV si svolge nella Seconda Era.

La mappa della Terra di Mezzo all'inizio della Seconda Era
La mappa della Terra di Mezzo all'inizio della Seconda Era
Lord of the Rings on Prime, Twitter

In questo periodo Aragorn non è ancora nato e Gandalf non è mai stato nella Terra di Mezzo. Entrambi appaiono solo nella Terza Era. Devi sapere che ne «Il Signore degli Anelli» ci sono quattro ere. La trilogia cinematografica si svolge nella Terza Era, con l'incoronazione di Aragorn che segna l'inizio della Quarta Era.

Con o senza Aragorn: la boss di Amazon Studios Jennifer Salke ha confermato a Deadline che i personaggi dei film compariranno nella serie. Non si sa se allude ad esempio a Elrond (Hugo Weaving) – cosa che storicamente ha senso.

Una terza voce che si è rivelata falsa: il regista e sceneggiatore Peter Jackson è di nuovo a bordo come autore. Nel maggio 2018, il neozelandese ha smentito tutto in un’intervista con Observer: «Non sono coinvolto nel progetto. Va bene così. Comunque, dove possibile, potrei farmi spedire dei copioni per consigliare».

Ecco di cosa si tratta: l'ascesa di Sauron e la caduta di Númenor

Allora, di cosa potrebbe trattarsi? La Seconda Era come quadro storico fornisce la trama approssimativa. All'inizio, dopo una devastante guerra contro il malvagio Morgoth, gli Elfi sono stati costretti a lasciare la Terra di Mezzo e tornare in Occidente – a «Valinor», la terra dei divini «Valar». Alcuni seguono la chiamata, ma molti rimangono.

L'isola di Númenor, invece, è la patria di una razza umana creata dal Valar, dotata di una vita estremamente lunga e di grande saggezza. Dall'isola conquistano gran parte della Terra di Mezzo e in seguito costruiscono le loro città – con dispiacere degli Elfi, il cui potere si riduce sempre più. Allo stesso tempo, le persone si sforzano di tornare a Valinor dove raggiungerebbero l'immortalità.

Aragorn, discendente di Númenor
Aragorn, discendente di Númenor
New Line Cinema

La seconda metà della Seconda Era, durata 3441 anni, è plasmata dal discepolo di Morgoth, Sauron, che diventa il nuovo signore oscuro. Con ciò che resta degli eserciti degli orchi e dei folletti, costruisce una fortezza a Mordor: Barad-dûr.

Sauron vuole corrompere i popoli della Terra di Mezzo. Egli crea gli anelli del potere, promettendo che l'equilibrio della Terra di Mezzo sarebbe stato preservato e che il continente stesso avrebbe potuto essere modellato prendendo come esempio Valinor. Segretamente, però, Sauron crea l'unico anello per domarli.

Tuttavia, gli abitanti di Númenor sconfiggono Sauron e lo fanno prigioniero sulla sua isola natale – uno stratagemma del signore oscuro. Infatti da lì riesce a corrompere la gente. Sauron ritorna a Mordor, e i Númenor attaccano Valinor. I Valar inondano Númenor e cancellano il proprio Valinor dalla mappa. Da allora solo le navi speciali possono raggiungere Valinor dai «Grey Havens» (rifugi oscuri) attraverso la «Strada Dritta».

I rifugi oscuri in «Il Signore degli Anelli»]
I rifugi oscuri in «Il Signore degli Anelli»]
New Line Cinema

La caduta di Númenor potrebbe essere il brillante finale della serie. Oppure la serie termina nel prologo all'inizio della saga cinematografica «Il Signore degli Anelli» di Jackson, che mostra come i sopravvissuti di Númenor, che non hanno mai smesso di rispettare i Valar, creano un'alleanza finale con gli Elfi. In una battaglia disperata ai piedi del Monte Fato, Isildur, principe ereditario degli umani, toglie l'anello dal dito di Sauron, concludendo la Seconda Era.

Voilà! È tempo per un po’ di erba pipa. O preferisci la Foglia del Vecchio Tobia?

Ti è piaciuto? Non vuoi perderti notizie e curiosità sull'abbagliante mondo del cinema e delle serie TV in futuro? Allora segui il mio profilo cliccando su «Segui l’autore» in basso.

A 38 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana
Editor, Zurigo
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Potrebbero interessarti anche questi articoli