Il clone di Hulu «Star» su Disney+ dal 23 febbraio

Il clone di Hulu «Star» su Disney+ dal 23 febbraio

Luca Fontana
Zurigo, il 16.02.2021
Traduzione: Nerea Buttacavoli
Per il lancio di Star il 23 febbraio, Disney invita a una conferenza stampa virtuale. Contenuto: un sacco di autoelogi e niente che non si sappia già da dicembre 2020.

Certo, quando il presentatore di Pro Sieben Steven Gätjen parla delle novità Disney, la Casa del Topo guadagna punti simpatia. Mi piace questo tipo. È simpatico. Informale. È tutto ciò che l’azienda, nota per attenersi rigorosamente all’idoneità per famiglie, non rappresenta normalmente.

Star, il nuovo mondo a tema e sesta tessera di Disney+, è diverso.

Star su Disney+ dal 23 febbraio

Che Star sia in arrivo per Disney+ non è un segreto rivelato oggi, tantomeno i contenuti indicativi. Ho già riferito su questo lo scorso dicembre; ma quell’«indicativi» è rimasto tale anche dopo la presentazione di oggi.

Per rinfrescarti la memoria: Star è il sostituto europeo di Hulu. Hulu, d'altra parte, è il servizio di streaming Disney per contenuti per adulti e meno adatti alle famiglie. Ad esempio «Deadpool». In fin dei conti, la Walt Disney Company possiede anche studi che producono più di semplici cartoni animati o film di supereroi. Tra questi gli ABC Studios – responsabili di «Lost» e «Scandal» – o i FX Studios – dietro «Sons of Anarchy» e «Atlanta».

E ovviamente Fox.

Nel maggio 2019, infatti, Disney ha acquistato l'intera divisione film e serie della società di media controllata da Rupert Murdoch. Quindi lo studio cinematografico 20th Century Fox, lo studio di film d'essai Searchlight Pictures e lo studio di animazione Blue Sky, che tra poco cesserà di esistere.

Lo studio responsabile di «L’era glaciale» *Blue Sky** chiude i battenti
Novità e trendAudio + Home cinema

Lo studio responsabile di «L’era glaciale» Blue Sky chiude i battenti

Secondo il conduttore Steven Gätjen, Star al lancio offrirà serie come «24», «Legion» o «Prison Break» e film come «Terminator», «Pretty Woman», «The Grand Budapest Hotel» e «Nomadland». Saranno affiancati da numerosi Star Originals come «Love, Victor», «Big Sky» e «American Horror Stories».

Quindi un sacco di contenuti vietati ai minori di 16 o anche 18 anni.

Per la Svizzera, tuttavia, c'è ancora questa infelice dicitura: «Ci possono essere variazioni regionali nell’offerta». Dettagli? Zero.

Guardare al futuro

Nel corso dei 45 minuti di presentazione, ci sono state alcune nuove cifre interessanti da sentire. Disney+ ha attualmente 94,9 milioni di abbonati in tutto il mondo – quindi l'obiettivo di 60-90 milioni di abbonati entro il 2024 è già stato raggiunto e superato. Quindi, un piccolo arrotondamento per eccesso: la nuova cifra dovrebbe essere di circa 230-260 milioni di abbonati entro la fine del 2024.

In confronto, Netflix ha attualmente circa 203 milioni di abbonati.

In futuro, alcuni film selezionati come il recente «Mulan» o il prossimo «Raya» usciranno contemporaneamente al cinema e tramite accesso VIP al prezzo di 29.90 franchi su Disney+. Un modello di business particolarmente vantaggioso per le famiglie che altrimenti spenderebbero molto di più per una visita al cinema.

Anche gli abbonati a Disney+ dovranno spendere di più in futuro: con il lancio di Star, il servizio di streaming aumenta il suo prezzo a 12.90 franchi al mese o 129 franchi all'anno. Tuttavia, coloro che hanno già un abbonamento non vedranno un aumento della loro quota di abbonamento per almeno i prossimi sei mesi.

A 26 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana
Editor, Zurigo
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Potrebbero interessarti anche questi articoli