Non sei connesso a internet.
Galaxus Logo
Novità e trend Home cinemaVideogiochi518

«I Simpson»: Bart vola in Corea e diventa un atleta di e-Sport

Nella 30° stagione de «I Simpson» Bart diventa un atleta di e-Sport e vola con suo padre Homer in Corea del Sud per guadagnare milioni. Gli sviluppatori del gioco «League of Legends», Riot Games, sono rimasti al fianco dei produttori come consiglieri.

Nella 30° stagione della serie più trasmessa nella storia della televisione americana, Bart diventa un videogiocatore professionista. Il 17° episodio della stagione dal titolo «E My Sports» – allusione alla frase «eat my shorts» di Bart (in italiano «ciucciati il calzino») – è stato mostrato su Fox il 17 marzo. Nell’episodio, l'ascesa di Bart a stella degli sport elettronici è la conseguenza di un folle metodo di punizione di Homer: la mente di Bart deve essere talmente bombardata con i videogiochi fino a quando la responsabilità per lui non sarà più a carico della famiglia.

Ma Bart è così bravo a giocare che viene invitato in Corea del Sud come atleta e-Sport professionista per partecipare ad un torneo con in palio un milione di dollari. Quando Homer si rende conto di quanto denaro si può effettivamente guadagnare negli sport elettronici, diventa l’allenatore personale appassionato e super motivato del figlio. Come sempre sarà Lisa a riportare il padre e il fratello su un piano più pratico e terreno.

Purtroppo non si sa ancora quando potremo vedere questa particolare puntata dei Simpsons nella nostra lingua.

Riot Games mette a disposizione la sua esperienza

Bart Simpson ha vissuto molte avventure memorabili. Come nella sesta stagione de «I Simpson», quando scopre una cometa mortale e le dà il suo nome. Oppure nella dodicesima stagione, dove Bart entra a far parte di una boy band gareggiando con «NSync» grazie ad Auto-Tune. Ora il famigerato mascalzone si sta gettando nel bel mezzo dell'industria degli sport elettronici, che secondo Forbes potrebbe presto valere più di un miliardo di dollari.

«L'episodio dovrebbe rappresentare un punto di svolta culturale», dice alla CNBC Rob LaZebnik, co-produttore dei Simpson, «e poiché i videogiochi sono in circolazione da così tanto tempo, insieme al fatto che siamo tutti costantemente online, lo sviluppo dell’e-Sport negli ultimi anni sembra inevitabile».

Con 27 milioni di giocatori, «League of Legends» è uno dei giochi più popolari del settore. Per realizzare un adeguato livello di autenticità nell'episodio dei Simpson, i creatori della serie hanno consultato i creatori del gioco: Riot Games. A bordo c'erano i due responsabili e-Sport Whalen Rozelle e Jarred Kennedy e come commentatore David «Phreak» Turkey – le partite di e-Sport vengono commentate in diretta come le partite di calcio. Turkey è abbastanza noto da avere la sua voce personale su League of Legens Wiki, compresa la colonna Trivia.

Secondo un comunicato stampa del canale Fox: «Tutti hanno messo a disposizione la loro esperienza per garantire che i giocatori, i tifosi e gli allenatori ritratti, che praticano professionalmente sport elettronici, siano autentici».

Bart compete nel gioco fittizio «Conflict of Enemies»

In realtà Bart chiama cose come «get recked, noob» o grida diabolicamente «GG», un'abbreviazione inglese per «good game». Poi il membro della squadra e attaccabrighe Nelson si sintonizza e trasforma gli avversari sconfitti in polli che esplodono, dopodiché Homer loda i ragazzi per lo «sterminio civile» degli avversari. Infine, tutti eseguono una ridicola danza virtuale di vittoria tipica dei giochi online. Ma: nell'episodio Bart non gioca a «League of Legends», bensì ad una copia tipica Simpson chiamata «Conflict of Enemies».

Per la gioia del settore e-Sport

L'episodio dei Simpson è probabilmente un'unica, grande finestra pubblicitaria per l'industria degli e-Sport, a beneficio dell'industria stessa nel suo complesso. Ma soprattutto Riot Games. Questo è ciò che fa trapelare la dichiarazione rilasciata da un rappresentante di Riot Games alla CNBC: «Speriamo che questo episodio, oltre a tutto il lavoro che facciamo nel mondo, abbia un impatto reale su come la gente percepisce gli e-Sport e “League of Legends” a lungo termine».

Gli eventi di e-Sport attirano più spettatori al mondo rispetto a una finale di tennis

In effetti, l'industria è in piena espansione da anni. Soprattutto nei paesi asiatici. La finale del Campionato del Mondo di League of Legends nel 2017 è stata guardata in diretta da più di 100 milioni di spettatori in tutto il mondo per la prima volta nella storia di una competizione di e-Sport. Un record che è stato battuto di nuovo nella finale dell'anno successivo con 200 milioni di spettatori in diretta da tutto il mondo .

A confronto: secondo Sport Insider, la finale annuale di Wimbledon nel tennis è seguita da circa 30 milioni di spettatori, mentre il Gran Premio di Monaco di Formula 1 è seguito ogni anno da circa 50-70 milioni di spettatori. Solo la UEFA Champions League nel calcio raggiunge un pubblico superiore a quello della League of Legends, con un pubblico globale medio di circa 400 milioni di persone.

Allora, cosa fa l'episodio dei Simpson per gli sport elettronici? Per Riot Games aumenta l'attenzione in Occidente. Infatti, questo è ciò di cui l'industria del gioco e quella degli e-Sport hanno bisogno in egual misura se vogliono raggiungere un'autentica rilevanza mondiale: senza gli spettatori asiatici, la portata di un evento di e-Sport come la finale di League of Legends sarebbe di soli due milioni di spettatori.

A proposito. «League of Legends» deriva dal genere Multiplayer Online Battle Arena – in breve: MOBA. Ci sono due squadre che si sfidano su una mappa simile ad un'arena. L'obiettivo è distruggere la base avversaria o spazzare via la squadra nemica. Ogni giocatore controlla un eroe unico con abilità speciali. Di solito solo un numero limitato di vie d'attacco – chiamate in inglese «Lanes» – portano alla base nemica. Queste vie sono sorvegliate da ulteriori torri di difesa, che di solito devono essere distrutte.

Giocare sotto la doccia. Conosciamo tutti la situazione, tranne Homer

Ebbene sì, Homer: la gente viene pagata per giocare ai videogiochi. Anche in dollari.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

<strong>Fatto a pezzi</strong>: «Suicide Squad», il più grande fallimento DC
RetroscenaHome cinema

Fatto a pezzi: «Suicide Squad», il più grande fallimento DC

«<strong>John Wick: Chapter 3 – Parabellum</strong>»: guarda il nuovo trailer, che non è ancora online
Novità e trendHome cinema

«John Wick: Chapter 3 – Parabellum»: guarda il nuovo trailer, che non è ancora online

«<strong>Game of Thrones</strong>»: gli Estranei e la lunga notte
RetroscenaHome cinema

«Game of Thrones»: gli Estranei e la lunga notte

Avatar

Luca Fontana, Zurigo

  • Editor
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

5 Commenti

3000 / 3000 caratteri

User Anonymous

Simpsons forever!

20.03.2019
User Christian Walker

Willie: "Brüder und Schwestern sind von Natur aus Feinde. Wie Engländer und Schotten. Oder Waliser und Schotten. Oder Japaner und Schotten. Oder Schotten und andere Schotten! Verdammte Schotten!! Die haben Schottland ruiniert!!!" Skinner: "Ihr Schotten seid streitsüchtige Menschen.." Willie: "Jetzt haben sie einen Feind fürs Leben!"

08.04.2019
User Luca Fontana

xD xD xD

Skineeeeeeeeeeeeeeeeer!

09.04.2019
Rispondi
User Anonymous

Hi Luca, "Phreak" heisst nicht Turkey sondern Turley! ;)

21.03.2019
User Luca Fontana

Ähem. Scheiss Autokorrektur :-P

21.03.2019
Rispondi