Fatto a pezzi: «Suicide Squad», il più grande fallimento DC
Retroscena

Fatto a pezzi: «Suicide Squad», il più grande fallimento DC

Luca Fontana
Zurigo, il 26.03.2019
Traduzione: Leandra Amato
Caotico: ecco come si può riassumere la produzione DC «Suicide Squad» in una sola parola. E se il film sembra un trailer di due ore, è perché in realtà è stato tagliato da una società di trailer.

«Suicide Squad» doveva essere la versione DC Comics della hit sorpresa di Marvel Studios del 2014 «Guardians of the Galaxy»: la storia di un gruppo disfunzionale i cui membri non potrebbero essere più diversi, ma che alla fine devono ritrovarsi per sconfiggere il male.

Solo che il gruppo in «Suicide Squad» è il male stesso e si differenzia dagli altri cattivi solo perché i veri cattivi sono un po' più malvagi. In fondo, la malvagia Suicide Squad non è poi così malvagia. Forse solo un pochino. Sembra eccitante. Ed è proprio quello che il primo trailer, arricchito con la musica dei Queen e pubblicato il 1° gennaio 2016 con lo slogan «worst heroes ever», ha promesso.

Ma poi, la svolta: i responsabili di Warner Brothers, lo studio di produzione, hanno notato che la visione del regista David Ayer di «Suicide Squad» era molto più oscura del divertente trailer. Infatti, quello che forse non sai: i trailer dei film sono spesso tagliati mentre il film stesso è ancora in fase di montaggio.

Quindi lo studio ha interferito. O almeno secondo anonimi addetti ai lavori che hanno spifferato tutto a Hollywood Reporter. Ecco perché niente di questa storia è ufficialmente confermato. Infatti, coloro che conoscono la verità, sono obbligati per contratto a non parlarne, o devono mostrare sempre il lato migliore della faccenda – per amore della propria carriera.

L'inizio della fine: i piani ambiziosi di DC

Luglio 2014. La Marvel festeggia l’uscita al cinema di «Guardians of the Galaxy». Critica e pubblico sono unanimi: se riesci a modellare procioni parlanti e alberi che dicono solo «io» e «sono» e «Groot» – e solo in questo ordine – e creare così un film solido, dovresti riuscire a fare qualsiasi cosa.

Kevin Tsujihara, allora CEO della Warner Brothers – nel frattempo si è dimesso dalla carica di CEO a causa di una faccenda sessuale – vede arrivare la sua occasione. Concluse le serie «Harry Potter» e «Hobbit», lo studio cinematografico ha bisogno di una nuova fonte di reddito: DC Comics. Ispirato dal successo della Marvel, Tsujihara annuncia nell’ottobre 2014 il lancio di dieci film DC. Tra questi «Suicide Squad», previsto per l'estate 2016, con David Ayer come regista.

Non più CEO di Warner Bros.: Kevin Tsujihara
Non più CEO di Warner Bros.: Kevin Tsujihara

I piani di Tsujihara sono ambiziosi e questo è il problema. Registi esperti, che sarebbero più adatti a questi film, si rifiutano perché hanno bisogno di più tempo per sviluppare in modo appropriato progetti così grandi – di solito da quattro a cinque anni. Troppo tempo per la Warner Brothers. I registi inesperti, invece, si affidano maggiormente al loro istinto – e accettano, dicendo di essere grati per l'opportunità. Ayer sarà la rovina.

Si presume che il regista abbia sei settimane per finire la sceneggiatura del film. Inoltre, ora che il pubblico ha una data di inizio e sono in corso accordi globali con partner di branding e merchandising, un rinvio del progetto è fuori discussione.

Il caos è garantito.

Si parla di due tagli in competizione tra loro

Agosto 2015. Le riprese che hanno avuto luogo a Toronto, in Canada, sono terminate. Inizia la fase di post-produzione: il regista e il cutter tagliano il film, vengono aggiunti effetti computerizzati, si realizzano gli effetti sonori e si compone la musica per il film. Allo stesso tempo, la macchina di marketing inizia a girare: poster, trailer, interviste e Making-Of – l'intero programma. È la fase decisiva in cui un film viene formato da ore di materiale filmato e il pubblico è allettato.

Nel gennaio 2016 Trailer Park rilascia il trailer di «Suicide Squad», con «Bohemian Rhapsody» come colonna sonora e diventa rapidamente il favorito dai fan. Va tutto bene. Poi la disillusione: due mesi dopo, quando «Batman v. Superman» arriva al cinema, la Warner Brothers viene riempita di critiche devastanti. Il film era troppo cupo, troppo serio e privo di umorismo. Poi il box office mondiale con 873 milioni di dollari è in ritardo rispetto alle alte aspettative.

Un disastro di pubbliche relazioni.

Margot Robbie nei panni di Harley Quinn in «Suicide Squad»
Margot Robbie nei panni di Harley Quinn in «Suicide Squad»

La Warner Brothers ha le spalle al muro. Se «Suicide Squad» non diventa un successo, l'intera strategia di Tsujihara sarà messa in discussione. Quando diventa chiaro che David Ayer vuole raccontare una storia piuttosto cupa di Suicide Squad, che non corrisponde affatto al tono sfacciato del trailer di Trailer Park, lo studio prende una decisione: Ayer può continuare a fare la sua versione, ma Trailer Park deve tagliare allo stesso tempo la propria versione, per adattarla meglio al trailer. Un pubblico di prova selezionato dovrebbe poi decidere quale taglio è migliore.

Nell'aprile 2015, la Warner Brothers richiama i suoi attori per delle ampie riprese. Il motivo? Tutte le battute realizzate dal regista David Ayer sono già nel trailer di Trailer Park. Per poter tagliare il fim divertente progettato all’inizio, la società di trailer ha bisogno di nuove battute.

Ritorno alle origini: occorrono nuove battute.
Ritorno alle origini: occorrono nuove battute.

Un mese dopo, entrambe le versioni tagliate vengono mostrate ad un pubblico di prova californiano. Secondo Hollywood Reporter, le reazioni non sono molto euforiche: mentre la versione di Trailer Park sembra un enorme trailer di due ore, il taglio di Ayer è troppo cupo come «Batman v. Superman». Suona il campanello d'allarme alla Warner Brothers. Tutto questo tre mesi prima dell'uscita nelle sale.

Il tempo sta per scadere.

E il vincitore è...nessuno

La Warner Brothers cerca di sfruttare al meglio la confusione che la «Suicide Squad» è diventata. Dopo aver analizzato il feedback del pubblico di prova, lo studio cinematografico commissiona una terza versione a Trailer Park, una sorta di via di mezzo tra il taglio di Ayer e quello originale di Trailer Park. E arriva al cinema. Il miracolo ha funzionato?

No. I critici e il pubblico concordano: il film è esattamente confuso come temuto dalla storia della produzione. Rotten Tomatoes, un sito di film che raccoglie e confronta le recensioni, dà a entrambi i film un punteggio del 27 per cento. Su IMDb, un database di film online, il metascore di «Suicide Squad» è ancora più basso con 40 su 100 punti rispetto a quello di «Batman v. Superman», che è stato valutato con 44 su 100 punti, non molto più basso.

Peggio ancora quando un altro addetto ai lavori dice a Hollywood Reporter che il film deve guadagnare 750-800 milioni di dollari solo per uscire dal rosso a causa della costosa campagna di post-produzione e marketing. Ma la Warner Brothers è fortunata – forse proprio per il successo della sua campagna di marketing. Infatti, fino ad oggi, «Suicide Squad» ha guadagnato 747 milioni. Non una macchina di soldi, ma almeno niente flop finanziario.

Un dono venuto dal cielo avranno pensato i responsabili, dopo aver asciugato il sudore sulle loro fronti.

A 28 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana
Editor, Zurigo
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Potrebbero interessarti anche questi articoli