Retroscena

Auto contro pattini: in gara per le vie di Zurigo, prima parte

Simon Balissat
Zurigo, il 23.04.2019
Traduzione: Leandra Amato
Nell’ultimo spot pubblicitario di Galaxus, un autista di SUV è costretto a fermarsi per fare passare una folla di pattinatori. Ma com’è nella vita reale? Mettiamo Michael sui pattini e Simon nel SUV e facciamo una gara!

Tre tappe attraverso Zurigo, tre situazioni quotidiane, due mezzi di trasporto. Prima portiamo delle bottiglie al centro di raccolta rifiuti, poi andiamo a fare la spesa e infine prendiamo i nostri amici e li portiamo fino a Sechseläutenplatz. Michael sui pattini prende il percorso diretto, mentre Simon in auto viaggia idealmente a 50 km/h. Chi arriverà per primo al traguardo?

Prima tappa: smaltimento rifiuti

Partenza
digitec

Arrivo
Centro raccolta rifiuti

Line d’aria
880 metri

Fonte: Google Maps
Fonte: Google Maps

I due sfidanti partono dal negozio digitec per arrivare al centro di riciclaggio in Heinrichstrasse. Chi arriva primo al centro rifiuti e smaltisce tutte le bottiglie vince la tappa. Le insidie per Michael sono i binari del tram, le strisce pedonali e un cantiere. Simon deve guidare l'auto in un nodo e il cantiere non aiuta.

Chi arriverà per primo a Sechseläutenplatz?

SUV vs. pattini in linea

Chi sarà in testa dopo la terza e ultima tappa?

  • Pattini in linea: Michael può farcela
    78%
  • SUV: Simon è più veloce nel traffico
    16%
  • Pari: entrambi arrivano nello stesso momento
    5%

Il concorso è terminato.

La seconda parte della gara si terrà domani: andremo a fare la spesa.

«L’ultimo unicorno» sarà di nuovo in gara domani.
«L’ultimo unicorno» sarà di nuovo in gara domani.

Tappe 2 e 3

*SUV contro pattini in linea**: corsa attraverso Zurigo, seconda partevideo
placeholder

placeholder

*Auto contro pattini**: chi vincerà il gran finale?
placeholder

placeholder

A 15 persone piace questo articolo


Simon Balissat
Simon Balissat
Senior Editor, Zurigo
Quando 15 anni fa ho lasciato il nido di casa, mi sono improvvisamente ritrovato a dover cucinare per me. Ma dalla pura e semplice necessità presto si è sviluppata una virtù, e oggi non riesco a immaginarmi lontano dai fornelli. Sono un vero foodie e divoro di tutto, dal cibo spazzatura alla cucina di alta classe. Letteralmente: mangio in un battibaleno..

Potrebbero interessarti anche questi articoli