Sony XG95: ottima immagine TV con l’aureola
Recensione

Sony XG95: ottima immagine TV con l’aureola

Luca Fontana
Zurigo, il 03.07.2019
Traduzione: Leandra Amato
Sonys XG95 è un televisore LCD molto ambizioso: Triluminos fornisce colori brillanti mentre il processore X1 Ultimate contribuisce a una perfetta elaborazione delle immagini. A questo si aggiunge anche il Full Array Local Dimming. Da una parte funziona troppo bene, dall’altra per niente.

L'anno 2019 è iniziato alla Sony con qualche cambio di guardia: finora l'XF9005 è stato considerato il «fiore all'occhiello LCD» dal produttore giapponese. La serie XG95 è una novità.

TV
KD75XG9505 (75", 4K, Sistema operativo Android, LCD)
2699.–
Sony KD75XG9505 (75", 4K, Sistema operativo Android, LCD)

Scopri un mondo colorato su questo TV HDR 4K con Picture Processor X1 Ultimate. Le immagini sono perfettamente regolate dalla nuova tecnologia Acoustic Multi-Audio.

E questo ruolo si adatta molto bene all’XG95 – almeno guardando la scheda tecnica. La tecnologia di immagine «Triluminos» di Sony vuole fornire colori intensi. Il processore X1 Ultimate dovrebbe elaborare l'immagine in modo ottimale e con «Multi Acoustic Sound» anche il suono dovrebbe essere super. A questo si aggiunge il Full Array Local Dimming.

La metto in questo modo: FALD funziona – anche troppo bene. Questo causa problemi che non possono che essere discussi. Ma andiamo per ordine.

Un design volutamente minimal-creativo

Stile industriale. L'ho sentito alla Sony qualche giorno fa all’hands-on del TV LCD 8K. Sembra essere il motto Sony di quest'anno. In effetti, l'XG95 da 75 pollici che Sony mi ha fornito ha un aspetto piuttosto semplice.

Davvero minimalista, vero?
Davvero minimalista, vero?

Ciononostante: i «piedi d’anatra» del televisore non mi piacciono molto. A me sembra troppo grossolano. Senza soundbar sembrerebbe addirittura economico. Ma questo è il punto: i piedi sono progettati in modo da poter posizionare facilmente una soundbar davanti allo schermo senza coprire l'immagine. Le soundbar del marchio Sony si adattano esattamente tra i piedi che guardano verso l'esterno. Visto in questo modo, il design ha senso.

Per il resto, il televisore ha un aspetto elegante. Non c'è tanto alluminio fresato come in Samsung – mi piacciono i design dei sudcoreani – ma questo non lo fa sembrare affatto economico.

75 pollici; 190,5 cm di diagonale dello schermo
75 pollici; 190,5 cm di diagonale dello schermo

Il retro dell'XG95, invece, sembra un po' fiacco. Ci sono piccoli pozzi che conducono i cavi attraverso i piedi. In questo modo si nascondono meglio. Ma a parte questo, penso non si sia prestata molta attenzione al retro. Beh, nessun dramma se il TV non si trova in mezzo alla stanza.

Ah già: il pannello è piuttosto spesso – circa 7,3 cm nel suo punto più largo. Nessun paragone con gli schermi OLED che non hanno retroilluminazione e sono quindi molto più sottili. Ma il Q85R di Samsung, una controparte LCD comparabile, è leggermente più stretto (circa 6,2 cm).

Un po’ troppo spesso. Ma non così male se guardi comunque solo davanti.
Un po’ troppo spesso. Ma non così male se guardi comunque solo davanti.

Quindi: l’XG95 non vince il premio di bellezza. Almeno non mentre è spento. Ma questa sarebbe anche la priorità sbagliata, il che è molto interessante: il televisore come mobile la cui esistenza viene costantemente ignorata fino all'accensione. Poi, all'improvviso, diventa il centro dell'attenzione.

Il TV ha abbastanza collegamenti.

  • 4 porte HDMI 2.0, di cui una con eARC
  • 1 uscita per Toslink
  • 3 porte USB 2.0
  • 1 porta LAN
  • Google Chrome integrato

Nuovo anche il telecomando: non più un pezzo di plastica nera dell'età della pietra, ma una riproduzione di bellezza in alluminio.

*Sonys Fernbedienungen**: Ich habe eine Meinung, und die Welt muss sie erfahrenvideo
placeholder

placeholder

Full Array Local Dimming con punti deboli

L’XG95 fa una bella figura; non c'è da stupirsi con la retroilluminazione FALD e la tecnologia di immagine Triluminos.

Spiegazione: un televisore LCD produce l'immagine scurendo i pixel con l'aiuto di cristalli di luce che si trovano al loro interno. Filtri di colore – rosso, verde e blu – mescolano i colori che vedi sullo schermo. I pixel sono illuminati dalla luce di fondo, cioè da diverse decine di LED. Di solito si trovano sul bordo dello schermo. La luce incidente di lato viene distribuita uniformemente su tutta l'immagine da una pellicola.

Full Array Local Dimming significa che i LED non si trovano sul bordo dello schermo, ma direttamente dietro i pixel: centinaia di LED. In questo modo ogni pixel può essere illuminato in modo molto più mirato. E poiché non è necessaria alcuna pellicola di diffusione, la differenza tra i pixel più luminosi e quelli più scuri – il contrasto – è maggiore rispetto ai tradizionali televisori LCD. Quindi vale la regola: maggiore è il contrasto, migliori sono i colori. Ho spiegato più dettagliatamente il nesso in questo articolo:

*Full Array Local Dimming**: Fast so gut wie OLED?
placeholder

placeholder

Il sole sorge in «Jurassic World 2»
Il sole sorge in «Jurassic World 2»

Un esempio: nella foto qui sopra, una scena dal mio Blu-ray UHD «Jurassic World 2», si vede un'alba. I LED dietro il sole brillano a piena potenza. Allo stesso tempo è possibile vedere il nero ancora molto profondo nelle barre superiore e inferiore. Non è un OLED True Black, ma fa ancora la sua figura. I buoni valori di contrasto associati assicurano un arancione piacevolmente caldo che, su un LCD convenzionale, non sarebbe mai stato così ricco come qui.

Finora tutto bene.

Sorprendentemente, non sono abituato a queste cose dai televisori Sony, ma gli «anelli di luce» intorno agli oggetti luminosi invece sembra lo siano. Una specie di aureola che diventa visibile quando questi oggetti luminosi sono posizionati direttamente accanto alle aree scure dell'immagine. Come una luna piena e splendente nel buio del cielo notturno. Non va affatto bene. Ecco un estratto dal Blu-ray HDR UHD «Jurassic World 2» per mostrarti cosa intendo. Guarda la barra superiore nera a sinistra.

Nell’immagine in alto a sinistra: un anello di luce visibile sulla barra nera.
Nell’immagine in alto a sinistra: un anello di luce visibile sulla barra nera.

Lì, dove brillano i due fari luminosi accanto al T-Rex, si possono vedere degli anelli di luce sopra il fascio luminoso. Per fare un confronto, ho riprodotto esattamente la stessa scena del mio Blu-ray tradizionale.

Nell’immagine in alto a sinistra: l’anello di luce sulla barra nera si vede appena.
Nell’immagine in alto a sinistra: l’anello di luce sulla barra nera si vede appena.

L’aura luminosa intorno ai fari è praticamente sparita. Quello che sembra un test spontaneo, l'ho notato più volte durante la mia fase di test durata quattro settimane: gli anelli di luce intorno agli oggetti luminosi sono presenti solo con materiale HDR. Se guardo un Blu-ray o la televisione normale, gli anelli luminosi spariscono. Probabilmente perché questi contenuti hanno una luminosità di picco notevolmente inferiore a causa dei valori di contrasto più bassi.

Un'altra spiegazione potrebbe essere un numero piuttosto ridotto di zone di oscuramento che non consentono un controllo dei pixel così preciso. Consente di illuminare aree dell'immagine che non devono essere illuminate. Infatti, i centinaia di LED non si irradiano indipendentemente l'uno dall’altro, bensì sono raggruppati in zone di oscuramento. Ad esempio: 600 LED sono divisi in gruppi di 10 LED ciascuno. Quindi ci sono 60 zone di oscuramento. C'è anche un video dimostrativo su YouTube, con il quale è possibile determinare il numero di zone. Ma per fare una dichiarazione finale, trovo la demo piuttosto imprecisa.

La demo imita un caso estremo ed è destinata allo scopo di determinare il numero approssimativo di zone di oscuramento.

Il problema potrebbe quindi essere che la zona di oscuramento nell'immagine del T-Rex è più grande di quella dei due piccoli fari. Questo è il motivo per cui il fascio nero è almeno parzialmente illuminato, anche se non dovrebbe esserlo. I cristalli di luce che isolano i pixel dalla luce brillante dei fari sono sopraffatti: così si crea l’aureola.

L'ipotesi è supportata dal fatto che non ho mai visto lo ZF9, il televisore LCD UHD della serie Master di Sony, confrontarsi con questi problemi prima d'ora. Nulla di nuovo: lo ZF9 è considerato un ottimo esempio di Full Array Local Dimming. L'XG95 non poteva quindi appartenere alla serie Master perché ha un numero di zone di oscuramento significativamente inferiore rispetto allo ZF9.

Dove FALD dovrebbe essere la grande stella dell'XG95 in termini di miglioramento del contrasto, gli aloni che si possono vedere sul materiale HDR sono un fastidio enorme. Come fan dei film, non compro un televisore del genere.

Triluminos: chiacchiera di marketing che fornisce un buon colore

I colori sono tutt'altro che sbiaditi. Per esempio, nella scena in cui si vedono i fuochi rossi dell’esplosione del vulcano in mezzo alla giungla verde, circondato da nuvole di cenere scure. Tra il grigiastro Brachiosauro, che si ribella un'ultima volta contro la sua caduta. Pura sensazione di gamma alta!

Ecco allora che entra in gioco Triluminos. Più bianca o più pura è la luce dalla retroilluminazione a LED, più colori visualizzano i filtri colore di un televisore. Il problema? La luce LED è piuttosto bluastra. Quindi, prima che la luce colpisca i pixel, viene guidata attraverso particelle di dimensioni nanometriche nell'XG95. Le particelle fanno sì che la luce bluastra dei LED assuma un bianco puro. Questo rende possibili i colori intensi.

Sony chiama questa tecnologia Triluminos. Anche Samsung e LG, tra l'altro, lavorano esattamente secondo lo stesso principio. Samsung lo chiama semplicemente QLED – le particelle di dimensioni nanometriche sono chiamate punti quantici – e LG lo chiama NanoCell TV.

X1 Ultimate: il processore più potente di Sony... di quest'anno

Il processore è uno dei componenti più importanti di qualsiasi televisore. Soprattutto perché i pannelli TV di diversi produttori di televisori provengono spesso dalla stessa fabbrica. È quindi chiaro che non è sempre il pannello stesso a fare la differenza rispetto alla concorrenza, ma il modo in cui l'elaboratore di immagini elabora le informazioni sulle immagini provenienti dalle fonti.

Ad esempio, quando il segnale TV disponibile in risoluzione Full HD viene scalato fino a Ultra HD. Oppure, quando il rumore non attraente è soppresso, i bordi sono levigati o i colori sono migliorati. Tutti compiti del processore. Tali processi di ottimizzazione dell'immagine vengono eseguiti dal processore a tutte le fonti. Anche con materiale HDR UHD – ma in varia misura.

Full HD e SDR possono essere buoni anche a 75 pollici.
Full HD e SDR possono essere buoni anche a 75 pollici.

Il processore X1 Ultimate integrato nell'XG95 non è nuovo. Sia l'anno scorso che quest'anno è integrato in tutti i televisori Sony di fascia alta – la serie Master. Come nello ZG9, il primo televisore 8K di Sony. Infatti, si dice che l'X1 Ultimate sia stato sviluppato fin dall'inizio con l'intenzione di far funzionare anche il TV 8K senza sforzo.

Hands-on da Sony: *il primo TV 8K** del produttore giapponese
placeholder

placeholder

L'unica novità dell'X1 Ultimate è il fatto che il chip TV più potente di Sony viene utilizzato anche al di fuori della serie Master, come nell’XG95. Lì anche il materiale televisivo live HD sembra provenire da almeno un Blu-ray: sui volti si possono vedere anche rughe o pori, e le gradazioni vengono riprodotte in modo uniforme. Nessun rumore di immagine. E ancor meno i fastidiosi artefatti –

in ogni caso se imposti nelle impostazioni avanzate sotto «Nitidezza», la «Graduazione uniforme» ad almeno «Bassa». Anche in scene come quella qui sotto – da «Interstellar», dove le aree particolarmente luminose e scure dell'immagine si trovano l'una accanto all'altra – non vedrai alcuna gradazione visibile.

Presupposto per questo sono programmi con una risoluzione di almeno 720p o Blu-ray con 1080p. Altrimenti sembra piuttosto caotico con diagonali di 195 centimetri, con o senza processore.

Carenze nel suono

Se vuoi comprare un costoso televisore senza fornire un suono di qualità altrettanto buona, è colpa tua. Tuttavia, ci sono situazioni abitative in cui la pianta non consente l'installazione di un sistema surround. Oppure i vicini non apprezzano i bassi.

In questo caso, Sony fornisce un suono abbastanza passabile con un trucco intelligente: due set di altoparlanti da 10 watt ciascuno posizionati nella parte inferiore dello schermo. Inoltre, ci sono due tweeter sulla parte posteriore del televisore, posizionati un po’ in alto. Grazie a loro, il suono del TV non sembra provenire dal basso, ma dal centro dell'immagine. Un interessante pezzo di tecnologia.

I tweeter si trovano appena sotto le scanalature sulla barra lucida.
I tweeter si trovano appena sotto le scanalature sulla barra lucida.

Si chiama «Acoustic Multi Audio». L'ho già sentito durante l’hands-on dello ZG9. Ma ci sono ancora due bassi e set di altoparlanti ancora più sofisticati in uso. Suona corrispondentemente meglio anche lì. Con l'XG95, d'altra parte, trovo il suono accettabile, in realtà sorprendentemente chiaro, ma lontano dalla sensazione di surround. Manca il volume – un suono che non sembra provenire solo dal televisore stesso –, sembra tutto un po' vuoto.

Forse è la mancanza del basso. Il fatto è, che molti televisori hanno difficoltà ad ottenere un suono che riempie la stanza. Ciononostante: altri produttori hanno lo stesso problema. Ad esempio LG. I televisori OLED sono molto più stretti dei televisori LCD. Questo significa ancora meno spazio per gli altoparlanti. Il C8-OLED, che ho provato l'anno scorso, mi ha convinto con il suo suono pesante, anche se intorno a me non c'era un sistema surround.

Im Test: *Der neue OLED-TV von LG** strebt nach Perfektion
placeholder

placeholder

Quindi sì. Critico il TV per la mancanza di potenza del suono. Poteva essere migliore.

Conclusione: leggermente al di sotto delle aspettative

Avevo grandi aspettative per l'XG95 all'inizio del test. Non sono state del tutto soddisfatte; la tecnologia di retroilluminazione FALD, per esempio, che ho apprezzato anche con il Q9FN di Samsung o lo ZG9 di Sony. Con l'XG95, d'altra parte, aloni di luce molto poco attraenti appaiono con oggetti luminosi su sfondo scuro, specialmente con contenuto HDR. Per me non va. Anche il suono, che dovrebbe riempire la stanza, poteva essere fatto meglio.

Altrimenti l'XG95 fa una bella figura: la combinazione delle tecnologie FALD e Triluminos garantisce buoni livelli di nero e una riproduzione equilibrata dei colori ad alta luminosità. Inoltre, c'è il chip l'X1 Ultimate, che fa un ottimo lavoro di upscaling di contenuti HDR non UHD e mantiene il sistema operativo in funzione senza intoppi.

Pura sensazione di gamma alta – e ad un giusto prezzo.
Pura sensazione di gamma alta – e ad un giusto prezzo.

Insomma, un televisore LCD che non ha bisogno di nascondere la sua tecnologia d’immagine e che è molto più conveniente della sua concorrenza diretta.

A 18 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana
Editor, Zurigo
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Potrebbero interessarti anche questi articoli