«Le fragole delle fate» di Kosmos: fragole in questi mini vasetti?

Katja Fischer
Zurigo, il 10.06.2022
Traduzione: Leandra Amato

Malgrado i dubbi, io e le mie figlie iniziamo con entusiasmo un esperimento con le fragole. Solo i poteri magici delle fate possono aiutarci. Qui ti racconto un dramma di bacche con poche speranze di lieto fine.

Si trattava di un classico prodotto per riempire il carrello: non avevo ancora raggiunto il mio ordine minimo di 50 franchi per l'acquisto senza spese di spedizione su Galaxus, così ho aggiunto il set di esperimenti «Le fragole delle fate» di Kosmos. Le mie figlie pianteranno le loro fragoline di bosco: una sorpresa piccola, economica e, a prima vista, sensata.

Per quanto l'acquisto sia stato spontaneo, la successiva realizzazione del progetto ha richiesto molto tempo. Ben presto l'esperimento si è rivelato un vero e proprio giallo delle bacche fatte in casa – con un esito drammatico per il momento. Ma andiamo per ordine.

Le fragole delle fate
Sconto sulla quantità
11.–da 2 Pezzi
Kosmos Le fragole delle fate
4

Prima disimballo il set senza le mani maldestre e impazienti dei bambini. La mia prima impressione: che carino! Oltre agli strumenti per l'esperimento con le fragole – tre vasi con piattini, tre pad di terricci, un sacchetto di semi, un misurino e una pipetta – nella scatola trovo due kit di artigianato per un mobile a forma di fragola e ali di fata, che per ora ignoro.

La mia seconda impressione: minuscolo! Sulla confezione, i vasetti viola sembrano più grandi. Le fragoline di bosco dovrebbero crescere qui?! Non sono un'esperta di bacche né ho il pollice verde: mi è già morta la seconda ortensia in vaso, il mio basilico in genere non dura più di tre settimane e persino il cactus ha perso la pazienza. Ma le dimensioni di questi mini contenitori di plastica mi fanno dubitare del successo del progetto ancor prima di iniziare.

Carino, ma minuscolo: i vasetti viola sono molto più piccoli di quanto immaginassi.
Carino, ma minuscolo: i vasetti viola sono molto più piccoli di quanto immaginassi.

Ma la mia ambizione si è risvegliata. Lo stesso vale per le mie figlie, quando scopriranno che possono coltivare le loro bacche preferite a casa. Sarebbe ridicolo non riuscirci lavorando insieme: noi tre e le fate delle fragole.

Ma come tutti sappiamo, l'orgoglio precede la caduta. E lo spirito di squadra non è facile da applicare nella pratica.

Prima settimana: seminiamo e ricerchiamo

Ma prima siamo molto impazienti e mettiamo i pad di terriccio nell'acqua per cinque minuti, secondo le istruzioni, finché non si sono inzuppate e allentate. Con l'aiuto di un cucchiaino, riempiamo i mini vasi con il terriccio umido. Ciò richiede una certa abilità a causa delle dimensioni del recipiente, ma anche mia figlia di tre anni se la cava sorprendentemente bene, senza sporcare troppo il tavolo del giardino – secondo il produttore, il set di esperimenti è per bambini dai sei ai nove anni. Poi cospargiamo i piccoli semi nei vasi e li copriamo con un altro strato di terriccio, che pressiamo con cura.

Per prima cosa la bambina di tre anni versa il terriccio umido nei vasi.
Per prima cosa la bambina di tre anni versa il terriccio umido nei vasi.
Poi cospargiamo delicatamente i semi.
Poi cospargiamo delicatamente i semi.

D'ora in poi dovremo mantenere il terreno umido solo con la pipetta di plastica in dotazione. Altrimenti, si tratta di aspettare e lasciare che cresca. La bambina di tre anni non capisce perché. La bambina di sei anni trova l'intera faccenda «una noiosa schifezza». Bambini e pazienza, una combinazione difficile. Persino mio marito, che finora si era limitato a guardare con sospetto la confezione, ora interferisce in modo poco motivante: «Non funzionerà mai!».

Dentro o fuori?

Per accelerare il processo di crescita – almeno così convinco le bambine – lavoriamo insieme per trovare il posto migliore dove collocare i vasi. Come indicato nelle istruzioni, deve essere luminoso, ma per il momento senza luce solare diretta. Inoltre, la temperatura deve essere compresa tra 12 e 20 gradi. Quindi è un po' troppo caldo sul ripiano della cucina e troppo freddo fuori, almeno di notte. Sfida accettata: mettiamo le fragole, che non sono ancora fragole, in un luogo ombreggiato ma luminoso del giardino durante il giorno. Naturalmente, tempo permettendo. Poi passano la notte sul ripiano della cucina all'interno. Che frutta sofisticata!

Non troppo caldo, non troppo freddo, non troppo soleggiato, non troppo ombreggiato: ecco cosa vogliono le fragoline di bosco. Di certo non sono modeste.
Non troppo caldo, non troppo freddo, non troppo soleggiato, non troppo ombreggiato: ecco cosa vogliono le fragoline di bosco. Di certo non sono modeste.

Sono anche esigenti, perché ovviamente devono uscire presto dai vasi viola. Vale a dire «quando diventa troppo affollato per le tue piccole piante», come scrive il produttore. Questo risolve anche il mistero dei piccoli vasi: le piante di fragole non rimangono tanto a lungo. Tuttavia, mi dedicherò al capitolo dettagliato sul «rinvaso» nelle istruzioni per l'uso solo quando sarà il momento.

Che noce stupida!

Nel frattempo, continuiamo la nostra educazione alla ricerca sulla fragola. Nell'opuscolo di accompagnamento troviamo utili e meno utili conoscenze sul frutto rosso e apprendiamo, ad esempio, che non si tratta affatto di una bacca.

Esatto: la fragola è una noce. Anche se sembra una bacca e ha il sapore di una bacca:

«Infatti, il vero frutto della fragola non è la forma grande e rossa che ti piace tanto mangiare», leggiamo, «Il vero frutto sono i tanti piccoli punti gialli che vedi su di essa». E da queste piccole noci, a loro volta, possono svilupparsi nuove piante: sono i semi che abbiamo appena sparso nel terreno. Il frutto rosso, invece, serve ad attirare gli animali che mangiano le fragole. Dopo la digestione, questi espellono le noccioline e contribuiscono così alla diffusione della pianta di fragole.

Tuttavia, noi siamo ancora lontani dall'attrarre gli animali. Per giorni non succede nulla nei nostri vasi. Aspettiamo, speriamo, temiamo. E imploriamo le fate delle fragole di usare i loro poteri magici. Ma anche dopo una settimana: non un solo segno, per quanto piccolo, che qualcosa stia crescendo lì dentro. Che noce stupida! Nelle istruzioni per l'uso non troviamo inoltre alcuna indicazione sul tempo di attesa.

La pazienza delle mie figlie si esaurisce e d'ora in poi l'annaffiatura quotidiana è nelle mie mani. Lavoro di squadra un corno: l'esperimento del giardino è degenerato in una performance solitaria. Cerco di rendere felici le bambine ancora per un po' con il kit di artigianato. Ma funziona solo in misura limitata e solo con la più grande. La bambina di tre anni è ancora troppo piccola per il mobile a forma di fragola in tessuto di feltro e per le ali di fata in cotone idrofilo.

Seconda settimana: qualcosa si muove

Il decimo giorno le fate completarono l'opera che avevano creato. O per dirla in modo meno teatrale: dopo dieci giorni, finalmente qualcosa si muove vel vasetto. Piccoli germogli verdi sbucano fuori dal terriccio e ci salutano. Ecco!

Le bambine sono entusiaste e si dedicano di nuovo all'innaffiatura. Il papà è stupito. D'ora in poi, a quanto pare, potremo vedere le nostre nuove coinquiline allungarsi e allungarsi ogni giorno di più.

Here we go! Le prime testoline stanno spuntando dal terreno.
Here we go! Le prime testoline stanno spuntando dal terreno.

Ciononostante: passerà un'eternità prima di addentare la prima fragola. Con mio grande stupore, questo fatto non impressiona affatto la bambina di tre anni, che si limita a scrollare le spalle con indifferenza. La bambina di sei anni la vede in modo simile e pensa che l'ulteriore tempo di attesa non abbia molta importanza ora. Sembra che abbiano capito: il nostro progetto consiste in gran parte nell'attesa.

Terza settimana: l'ultima resistenza

Una settimana dopo stiamo ancora aspettando. Non per le bacche rosse, non per i fiori bianchi – che al momento non osiamo nemmeno sognare – aspettiamo che le piante in miniatura diventino piantine. Dopo la breve euforia, la crescita si è già arrestata bruscamente. Con poco meno di cinque millimetri, non si può nemmeno parlare di «crescita». Almeno le piantine sono ancora vive.

La project manager deve ora dimostrare le sue qualità di leadership di fronte al suo team e ignorare i venti contrari. Dopo tutto, anche Tesla e Marvel erano sull'orlo dell'estinzione. Ma tutte le buone esortazioni non servono più a nulla: la mia ciurma ha abbandonato la nave che affonda. Sono rimasta sola e in difficoltà.

  • Le tenere piantine non avevano abbastanza acqua? No. Un giorno c'era persino un tocco di muffa in un vaso, per cui abbiamo immediatamente ridotto il tasso di irrigazione.
  • Forse hanno ricevuto troppa acqua? Assolutamente no Dovrebbe essere umido, dopotutto è quello che dicono le istruzioni.
  • Troppa poca luce? No, i vasi erano sempre vicino alla finestra o fuori.
  • Non avrebbero dovuto essere collocati all'esterno? No, era tutto a posto. Era severamente vietato metterli fuori in caso di vento o pioggia.
  • Hanno troppa poca luce solare indiretta? Forse. Gli ultimi giorni sono stati davvero senza sole.
Cresci fragolina, cresci! D'ora in poi vizierò le piantine con molta luce ogni giorno.
Cresci fragolina, cresci! D'ora in poi vizierò le piantine con molta luce ogni giorno.

Va bene, allora all-in. Nei prossimi giorni è previsto più sole. Ora si passa alle maniere forti: d'ora in poi, sposto i vasi più volte al giorno. Sempre vicino al sole, pieno di luce, ma ben ombreggiato. A volte all'interno, a volte all'esterno, a seconda della temperatura e delle condizioni del vento. Mio marito, i miei colleghi e le mie colleghe di lavoro e ora anche le mie figlie ridono del mio (eccessivo) zelo. Ma arrendersi non è un'opzione. Nessuno sforzo è troppo grande ora per le mie fragole, che non sono ancora tali.

Quarta settimana: addio

E nel frattempo non lo diventeranno mai.

Non sapremo mai se l'elaborata strategia di ricollocazione avrebbe dato i suoi frutti: la pioggia ha messo fine al nostro progetto prematuramente. O, per essere precisi, ha lavato via tutto.

Vorrei non aver messo i vasi sotto la pergola in questa umida giornata di Pentecoste.
Vorrei non aver messo i vasi sotto la pergola in questa umida giornata di Pentecoste.

Che cosa è successo? Le giornate di sole di Pentecoste sono state accompagnate, come ogni anno, da alcuni temporali. I vasi erano collocati sotto la pergola. Ma quando piove a dirotto, anche un tetto non serve a nulla. Qualsiasi aiuto è arrivato troppo tardi, la maggior parte delle piante è stata distrutta in pochi secondi.

Tuttavia, la mia conclusione preliminare fino al momento della morte prematura non è affatto male. Per quanto economico, il set è un ottimo regalo per il compleanno di un compagno o di una compagna di scuola o di asilo. Se funzionerà con le fragole nei piccoli vasi di plastica, tuttavia, rimane una questione aperta.

Prossima avventura

Tuttavia, c'è ancora un'ultima possibilità per un lieto fine. Ho ordinato un secondo set di esperimenti. E non si tratta più di un arbitrario riempimento del cestino, bensì questa volta ho un obiettivo ambizioso: quest'estate voglio aggiungere le mie fragoline di bosco al mio muesli per la colazione, anche se sono un po' in ritardo con la seconda semina. Forse questa volta farò anche una piccola serra per la fase di germinazione, come ha fatto una volta la mia collega Carolin per i suoi pomodori.

Oppure hai altri consigli da darmi? Inviameli tramite e-mail o lascia un commento in basso. Ma soprattutto: incrocia le dita per me.

A 14 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Mamma di Anna e Elsa, esperta di aperitivi, fanatica del fitness di gruppo, aspirante ballerina e amante del gossip. Spesso addetta al multitasking e persona che vuole tutto, a volte chef di cioccolato e regina del divano.


Famiglia
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Piante
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader