Test del prodotto

La maschera integrale con ventilatore incorporato

Michael Restin
14.07.2022
Traduzione: Leandra Amato

In alcuni luoghi balneari, le persone che indossano maschere integrali sono più comuni dei pesci. Tuttavia, questo modello con «circolazione attiva dell'aria» è nuovo per me. Dopo una breve ricerca, capisco da che parte soffia il vento.

Da qualche anno, anche le persone che non amano il boccaglio fanno snorkeling. Tuttavia, invece di indossare la classica maschera da sub e di mordere un boccaglio, indossano semplicemente una maschera integrale. Quindi osservano il mondo sottomarino, per lo più in superficie. Come un pesce rosso solitario che sbircia dalla sua boccia di vetro. Gli appassionati di snorkeling sportivo sbuffano sprezzantemente una fontana d'acqua in aria a questa vista. Possono immergersi in profondità e soffiare fuori come un boccaglio se l'acqua entra. La loro attrezzatura li fa sentire liberi piuttosto che limitati. I miei amici del rugby subacqueo, ad esempio, non hanno assolutamente bisogno di altro.

  • Retroscena

    Einer ist immer der Deckel

    di Michael Restin

Ma molte persone non si sentono a proprio agio in acqua. Per loro è più piacevole poter respirare attraverso la bocca e il naso durante lo snorkeling, proprio come sulla terraferma. Le maschere integrali lo consentono, ed è per questo che sono così popolari. Per rendere il tutto ancora più semplice, il modello E-AirWave di Mint Lama fornisce anche aria fresca. Finché il boccaglio sporge dall'acqua, una ventola convoglia l'aria fresca nel naso e nella bocca. L'aria espirata viene nuovamente espulsa attraverso due canali separati. L'aria può fluire in una sola direzione alla volta, i condotti per l'aria fresca e l'aria di scarico sono separati.

Il modello E-AirWave si concentra sulla tecnologia: un ventilatore fornisce «una circolazione attiva dell'aria».
Il modello E-AirWave si concentra sulla tecnologia: un ventilatore fornisce «una circolazione attiva dell'aria».

Alla faccia della teoria. Prima di passare alla mia piccola prova pratica del presunto sistema tuttofare, devo fare una breve digressione. Perché preoccuparsi?

Maschere, media, possibili pericoli

La prima risposta alla domanda è che non si dovrebbe mai entrare in acqua senza alcuna preoccupazione. Il rischio è sempre in agguato. Se conosci la tua attrezzatura, l'ambiente e i possibili pericoli, puoi almeno ridurli al minimo. Respirare con il corpo sott'acqua attraverso tubi di plastica non è naturale e possono verificarsi degli incidenti. Quando all'inizio del 2018 il numero di decessi dovuti allo snorkeling alle Hawaii è aumentato in modo significativo, le maschere integrali, sempre più diffuse, sono finite nel mirino dei sospetti. Per quanto macabro, questo è stato un bel tema mediatico con un fattore inquietante: morire a causa della maschera integrale? Il problema è l'avvelenamento da CO₂?

Si è diffusa la teoria della trappola per la respirazione. I risultati della ricerca sono arrivati in seguito. In uno studio condotto dalla Duke University, sono state testate diverse maschere integrali. In nessuna di loro lo scambio di gas respiratori è stato classificato come problematico. Tuttavia, non tutti i tipi di maschera funzionavano come specificato. Sono stati trovati modelli in cui l'acqua penetrava e la resistenza respiratoria aumentava.

Il rapporto finale dello Snorkel Safety Study condotto alle Hawaii conclude che l'edema polmonare è stata la principale causa di decessi o quasi nell'arcipelago. Più precisamente: SI-ROPE, acronimo di «Snorkel Induced Rapid Onset Pulmonary Edema». La sequenza fatale può essere riassunta così: la respirazione è ostacolata dal respiratore, la pressione negativa nei polmoni è eccessiva. Si forma un edema: il liquido si accumula nei polmoni. Ciò comporta una carenza di ossigeno nel sangue. Questa ipossia può essere fatale in pochi minuti. La cosa difficile è che questo può avvenire in modo silenzioso. Non è facile distinguere se una persona galleggia svenuta nell'acqua o se osserva tranquillamente i pesci.

Lo Snorkel Safety Study identifica la resistenza alla respirazione attraverso il respiratore come il primo fattore di rischio, indipendentemente dal tipo di maschera. Seguono le ragioni fisiche. In questo contesto, l'idea di soffiare aria nella maschera tramite un ventilatore sembra logica. Non posso giudicare in modo oggettivo quale sia il suo reale valore. Qui racconto solo la mia esperienza personale durante un breve test.

Maschera e ventilatore

La mia prima impressione della maschera è come la sezione di testo che ho appena terminato: piuttosto pesante. Una parte considerevole del peso totale di 590 grammi si trova nella parte superiore del respiratore. Questo non mi influenza ulteriormente, ma si nota subito. Inoltre, il pulsante di accensione rivela che qui c'è qualcosa di diverso. Naturalmente lo premo immediatamente. Il ventilatore inizia a girare e io indosso la maschera. Infatti, quando inspiro, sento una piccola brezza che soffia fino alla punta del naso. Riempio i polmoni senza sforzo. Se lo spengo di nuovo, diventa silenzioso. Fortunatamente, anche in questo caso riesco a respirare senza incontrare una resistenza significativa. Ovviamente non ha senso fuori dall'acqua. Quindi mi tuffo nella Limmat.

Chchiao... Cchchcap... iohheh... chhhnsnorchkeling...
Chchiao... Cchchcap... iohheh... chhhnsnorchkeling...

La speranza che la ventola non sia più udibile con la testa sott'acqua non è stata del tutto soddisfatta. Rimane un suono come se qualcuno stesse passando l'aspirapolvere in lontananza. Questo non è in linea con la sensazione di spiaggia che si vuole ottenere. Ma il campo visivo è più ampio di quello che conoscevo grazie alla mia classica maschera da sub. Questa maschera integrale ha un vetro piatto che difficilmente si distorce e non si restringe ai bordi.

Sotto l'acqua c'è calma

Non appena mi immergo con il boccaglio, c'è silenzio. Un galleggiante chiude l'alimentazione dell'aria, la ventola si ferma e quando inspiro, risucchio la maschera contro il viso. Un segno inequivocabile del fatto che presto dovrò rialzare la testa. Poco dopo, la ventola si riavvia e l'aria fresca entra in circolo. Rinfrescante. Così come il fatto che non si appanna e non penetra acqua. Sul lato inferiore è presente anche una valvola di scarico, attraverso la quale l'acqua penetrata dovrebbe defluire nuovamente.

La vista attraverso la maschera era chiaramente più nitida di questa scadente immagine subacquea.
La vista attraverso la maschera era chiaramente più nitida di questa scadente immagine subacquea.

La maschera può essere fissata bene alla nuca grazie a delle cinghie elastiche in tessuto. Sebbene lo Snorkel Safety Study non menzioni uno svantaggio costruttivo generale delle maschere integrali in termini di resistenza alla respirazione, sottolinea alcuni punti di cui è bene essere consapevoli:

  • Non è possibile valutare visivamente la resistenza alla respirazione con questo apparecchio
  • In situazioni di emergenza, a differenza del classico boccaglio, non è possibile sputare il boccaglio
  • Non è possibile svuotare il respiratore soffiando se entra in acqua
  • Non è possibile immergersi in sicurezza con questo prodotto
  • Se una valvola che deve fornire acqua o aria si guasta, si possono avere seri problemi
  • La maschera non è facile da rimuovere in caso di emergenza, anche se è dotata di un sistema di sgancio rapido
L'E-AirWave viene fissato alla testa con cinghie di tessuto.
L'E-AirWave viene fissato alla testa con cinghie di tessuto.

Tra le persone sopravvissute all'incidente di snorkeling e che hanno potuto essere intervistate per lo studio, il 38% indossava una maschera integrale. Ben il 90% di questo gruppo ritiene la propria maschera parzialmente responsabile dei problemi. L'E-AirWave non dispone di un sistema di sgancio rapido, che dovrebbe consentire di aprire la maschera e rimuoverla facilmente premendo un pulsante. Ma anche questo non sembra essere d'aiuto, secondo le esperienze dello studio. Quando si scatena un po' di panico, anche le azioni più semplici possono diventare (troppo) complicate. Me ne sono accorto diverse volte nelle scorse estati. Per esempio, quando ero appeso a testa in giù in un kayak. O quando ho partecipato al corso di soccorso della Società Svizzera di Salvataggio SSS.

  • Retroscena

    Pronti all’azione anche oltrepassando i limiti

    di Michael Restin

E ora gli accessori

L'E-AirWave viene fornito con un cavo di ricarica, un supporto per la fotocamera, una rete di contenimento e tappi per le orecchie, che non ho provato. Con i pezzi piccoli c'è un rischio elevato di perdita. Ma la maschera può essere ripiegata su una cerniera e quindi riposta abbastanza bene senza che il boccaglio sia d'intralcio. Dettagli che in acqua sono meno rilevanti. In termini di ventilazione e funzionalità, questo modello ha molto da offrire.

Quando è piegata, la maschera è ragionevolmente compatta
Quando è piegata, la maschera è ragionevolmente compatta
Una vista della zona della bocca della maschera.
Una vista della zona della bocca della maschera.

A mio avviso, è necessario ottimizzare i vertici. Anche se c'è scritto «la punta dello snorkel è visibile da lontano». Ma anche la denominazione del colore «Night Sky» del mio modello di prova parla chiaro. La combinazione di nero e blu non è esattamente ciò che definirei altamente visibile in acqua. Non mi interessano le combinazioni di colori e preferirei qualcosa di rosso brillante per essere visto meglio dagli altri appassionati di sport acquatici. Ma questo dettaglio non viene spesso dimenticato solo con le maschere integrali.

Il cavo di ricarica è agganciato magneticamente.
Il cavo di ricarica è agganciato magneticamente.

Conclusione

Il primo argomento a favore dell'acquisto di una maschera a ventilazione elettrica è che evita che il contenuto di CO₂ nell'aria respirata sia troppo elevato. Ho compreso l'idea alla base del concetto e te l'ho presentata. Ora spetta a te farti un'opinione personale. Come quasi ovunque, esistono due filosofie. La prima filosofia è quella della leggerezza: maschera, boccaglio e via. Di norma, più semplice è il respiratore, minore è la resistenza, secondo il Safety Study, che consiglia comunque di imparare prima a usare l'attrezzatura di base. La seconda filosofia è quella di concentrarsi sulle soluzioni tecniche. Chi preferisce questo approccio troverà interessante l'E-AirWave.

Quanto è grande il valore aggiunto? Non me lo so spiegare. So solo che una maggiore tecnologia non dovrebbe in alcun modo portare a un senso di sicurezza o a cercare di compensare i disturbi fisici. È importante esaminare in modo critico la propria attrezzatura, le proprie condizioni fisiche e l'ambiente. Alle Hawaii, i turisti hanno dieci volte più probabilità di avere un incidente rispetto agli abitanti del luogo. Coloro che non ne sono in possesso dovrebbero fare ancora più attenzione. Indipendentemente dall'attrezzatura.

Quale attrezzatura per lo snorkeling preferisci?

  • Maschera integrale
    23%
  • Maschera classica
    76%

Il concorso è terminato.

Ora puoi fare tre respiri profondi e inondare la colonna dei commenti. Ha senso? È una sciocchezza? Mi immergo. Goditi l'estate in modo sano e sicuro!

A 59 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Scienziato sportivo, padre di alto livello e ufficiale di casa al servizio di Sua Maestà la Tartaruga.


Sport
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

11 commenti

Avatar