Hands-on: schermo motorizzato ad alto contrasto Elite Screens per beamer UST

Hands-on: schermo motorizzato ad alto contrasto Elite Screens per beamer UST

Luca Fontana
Zurigo, il 10.09.2020
Immagini: Armin Tobler
Traduzione: Leandra Amato
Questo pannello CLR è diverso. Non perché costa molto, bensì perché è motorizzato. Una cosa più unica che rara. Fornisce anche dei contrasti eccezionali. In questo hands-on ti spiego cosa è in grado di fare.

Spectrum. Saker Tension. Yard Master 2. Questi non sono Jaeger – robot controllati da esseri umani che combattono mostri in «Pacific Rim», con nomi che suonano in modo simile. Sono schermi. Pannellidel marchio Elite Screens. Belli, vero?

Il pannello da 100 pollici che il produttore mi ha fornito per un hands-on, non ha ancora ricevuto un nome così magnifico. È troppo nuovo. Senti solo la denominazione sobria del prodotto: «CLR FTE100H2». Arriverà presto un nome cool. Forse. Ma il prezzo elevato c'è già.

Perché costa così tanto? È motorizzato e si arrotola da solo premendo un pulsante. Inoltre aumenta il valore di contrasto dell'immagine. È fatto per i proiettori a distanza focale ultra corta, ovvero per i beamer che proiettano l’immagine sullo schermo a distanza ravvicinata e dal basso verso l'alto. I beamer a distanza focale ultra corta (UST) non esistono da tanto tempo. Gli schermi appositamente progettati per questo tipo di proiettore sono di conseguenza rari. Da qui i margini elevati, che fanno aumentare i prezzi.

Diamo un’occhiata al CLR FTE100H2, che ha urgente bisogno di un nome migliore. Per ora lo chiamerò Bob.

A cosa serve uno schermo?

I beamer hanno bisogno di schermi. Logico. Ma perché? Un semplice muro bianco non va comunque bene? Beh, hai capito che non è così semplice.

I proiettori proiettano con la luce. Le superfici, in generale, riflettono questa luce in quasi tutte le direzioni. Verso l’alto, verso il basso. A sinistra. A destra. E così via. Tu sei seduto di fronte all’immagine proiettata. Idealmente, tutta la luce dell'immagine proiettata colpisce i tuoi occhi. In questo modo non si perde la luminosità. Perché la luce che si riflette nella stanza e non colpisce l'occhio è sprecata. Meno luminosa è l'immagine, più è difficile riconoscere qualcosa sullo schermo in un soggiorno inondato di luce.

Ecco perché occorre una schermo buono. Gli schermi hanno superfici speciali. A seconda del tessuto e della struttura, ignorano la luce ambientale e riflettono solo la luce che li colpisce, ad esempio quella di un beamer. Schermi ancora migliori esaltano questa riflessione, proprio come uno specchio parabolico. Questo significa ancora più luminosità.

Questo schermo è... grigio scuro!?

Ecco. È ora di installare lo schermo, Bob. Non esiste un carico enorme di Bob in Europa. Ecco perché posso provarlo solo per un pomeriggio. Questo è sufficiente per farsi una prima impressione.

Quando si disimballa, il colore del pannello si nota immediatamente. Non è bianco. Potrebbe sorprendere. I beamer proiettano tramite la luce. Per fare in modo che la luce sulla superficie di proiezione sia il più pura possibile e che i colori non siano distorti, uno schermo bianco sarebbe ovvio, no? È come dipingere un quadro con la pittura a olio. Sceglierai una tela bianca.

Fatto curioso: nel cinema lo schermo bianco in realtà non è affatto bianco, bensì grigio argenteo. Lo schermo CLR motorizzato di Elite Screen è addirittura grigio scuro. Da questo si deduce che non è un pannello normale. Questo, Bob, è uno schermo ad alto contrasto.

Questo è Elite Screens CLR FTE100H2. O Bob. Solo Bob.
Questo è Elite Screens CLR FTE100H2. O Bob. Solo Bob.

Perché grigio scuro? Aiuta ad aumentare i valori di contrasto. Da qui il nome. Questo perché il valore di contrasto descrive la maggiore differenza possibile tra i pixel più chiari e quelli più scuri. Maggiore è questa differenza, maggiore è il contrasto e più forti sono i colori. O il contrario: più basso è il contrasto, più sbiaditi sono i colori.

Ma tu vuoi sicuramente i migliori contrasti possibili.

Proprio per questo motivo i televisori OLED sono considerati la misura di tutto nel settore televisivo. I pixel possono essere accesi e spenti singolarmente. In questo modo, generano effettivamente il nero vero nelle parti scure dell’immagine. Di conseguenza, la differenza tra i pixel più scuri e quelli più luminosi dei televisori OLED è immensa. I valori di contrasto OLED sono superiori e lo stesso vale per l'immagine.

*OLED vs. QLED**: scontro tra tecnologie di televisori
placeholder

placeholder

I beamer non possono proiettare il nero. Come potrebbero? Il nero è l'assenza di ogni luce e i proiettori proiettano luce. Quindi, quando si guarda l'immagine di un proiettore, il nero non è veramente nero, ma piuttosto la versione più scura possibile della superficie di proiezione. Così, in una stanza completamente buia, uno schermo bianco sarebbe in realtà nero. Non durante il giorno. Beh. Il valore del contrasto sarebbe rovinato e l'immagine sarebbe troppo sbiadita.

La superficie grigio scuro dello schermo CLR, che ho chiamato Bob, in realtà senza nome, non è nera in un salotto inondato di luce, bensì grigio scuro. Meglio del bianco, vero? Di conseguenza, i valori del nero e quindi il contrasto sono migliori.

L’immagine senza schermo non va bene. La differenza è quasi esclusivamente il livello di nero migliore della superficie grigio scuro.
L’immagine senza schermo non va bene. La differenza è quasi esclusivamente il livello di nero migliore della superficie grigio scuro.

Se ricordi l'esempio con i colori ad olio, puoi ora fare il seguente ragionamento: se dipingo su una tela grigio scuro, i valori di nero sono più bassi. Più scuri. Ma il quadro nel suo complesso? Dov'è il guadagno in termini di miglioramento del contrasto?

I ragazzi e le ragazze di Elite Screens hanno pensato anche a questo.

Fatto solo per beamer UST

Elite Screens chiama il materiale del super schermo «StarBright». Il tessuto è prodotto in modo tale da avvolgere la luce e quindi rifletterla più forte. Simile a uno specchio parabolico. In questo modo ottieni una maggiore luminosità, bilanciando il grigio scuro. Inoltre, lo schermo riflette solo la luce che proviene dal basso. Questo è ciò che CLR indica nel nome del prodotto – «Ceiling Light Rejecting».

In termini concreti: lo schermo è adatto solo per beamer a distanza focale ultracorta (UST). Quindi, proiettori che si trovano direttamente sotto lo schermo. Ciò è dovuto alle lamelle che si trovano sulla tela dello schermo grigio scuro. Pensa a loro come a specchi inclinati. La luce che li colpisce dal basso viene «riflessa» frontalmente in avanti. Verso di te, spettatore. Non tutte le altre luci – a causa dell'angolo in cui gli «specchi a lamelle» sono posizionati rispetto al resto della luce. È fantastico. Soprattutto durante il giorno con molta luce ambientale, che altrimenti sbiadisce l'immagine.

Bisogna guardare con attenzione: le lamelle sono queste linee molto piccole e sottili.
Bisogna guardare con attenzione: le lamelle sono queste linee molto piccole e sottili.

Inoltre, c'è un'altra caratteristica: «Ambient Light Rejecting» (o ALR). Tradotto: la tela ignora la luce ambientale. È importante: ti sei mai chiesto perché nella maggior parte dei cinema le pareti sono nere? In questo modo anche nella stanza più buia la luce dello schermo non viene riflessa dalle pareti. Sarebbe come una luce ambientale supplementare.

A casa tua, le pareti difficilmente saranno nere. O i mobili. La luce ambientale è quindi molto più forte che in una sala cinematografica. La caratteristica ALR è di conseguenza importante.

Immagine spettacolare nonostante la motorizzazione

Ultimo punto: la motorizzazione. Premendo un pulsante lo schermo si arrotola automaticamente. Molto utile se non vuoi un buco nero o grigio scuro nel soggiorno tutto il tempo quando il televisore o il beamer è spento.

Tali costruzioni motorizzate non sono insolite. Sono inusuali solo sugli schermi CLR che sono esplicitamente realizzati per i beamer a distanza ultracorta. Il più delle volte, gli schermi motorizzati non hanno la necessaria tensione: se un proiettore brilla dal basso sullo schermo, già alcune piccole onde nel pannello causerebbero delle brutte ombre sull'immagine.

Alla pressione di un pulsante Bob viene fuori. È cool.
Alla pressione di un pulsante Bob viene fuori. È cool.

A quanto pare Elite Screens non ha questo problema. Durante il test con Bob non noto alcuna ombra. Impressionante.

In poche parole: gran bel pezzo di schermo

Sì, Bob, lo schermo, è costoso. Quasi quanto un buon proiettore UST. Questo può essere un deterrente all’acquisto. Ma le ragioni alla base del prezzo sono comprensibili.

  • Gli schermi per proiettori UST sono rari
  • Ancora più rari sono gli schermi motorizzati per beamer UST, che portano una tensione sufficiente sullo schermo
  • Inoltre, Bob aumenta il contrasto e ignora la luce ambientale

Quello che resta è il nome orribile. Dannazione. La tela ha bisogno di qualcosa di meglio di Bob o di quella macabra accozzaglia di lettere e numeri. Herbert, forse. Wall Smasher 3000 o qualcosa del genere. Forse hai un'idea. Io, per quanto mi riguarda, non voglio più sprecare il mio tempo alla ricerca di nomi alternativi.

A 32 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana
Editor, Zurigo
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Potrebbero interessarti anche questi articoli