Crucial X6: un sacco di memoria SSD ad un prezzo interessante
RecensioneVideogiochi

Crucial X6: un sacco di memoria SSD ad un prezzo interessante

Kevin Hofer
Zurigo, il 23.03.2021
Traduzione: Leandra Amato
L'SSD esterno Crucial X6 offre un sacco di spazio di archiviazione (ben 4 terabyte!). E questo ad un prezzo relativamente basso in un piccolo formato.

Sulla carta, la velocità dell'X6 non corrisponde ai modelli da 4 TB dei rivali WD e Sandisk. Lì, almeno 1050 MB/s di lettura sequenziale sono all'ordine del giorno. Con 800 MB/s, l'X6 sembra lento. In realtà, però, le differenze sono marginali a seconda del campo di applicazione.

L'SSD in dettaglio

L'X6 è controllato dall'U17 di Phison. Il controller è stato presentato al CES di quest'anno. Nemmeno il mio strumento Crystal Disk Info, che è usato per monitorare gli SSD esterni, lo riconosce. Infatti mi dà NVMe 1.1 come protocollo di trasferimento, anche se l'X6 funziona in standard SATA. Il controller è in realtà destinato alle chiavette USB-C, ma offre prestazioni di livello SSD. Permette velocità fino a 1000 MB/s in lettura sequenziale e 800 MB/s in scrittura sequenziale. Con accessi casuali arriva a 185 MB/s in lettura e 260 MB/s in scrittura. Tuttavia, manca una cache DRAM.

Un controller per chiavette USB in un SSD esterno. Funzionerà?

Ecco l'X6 in dettaglio:

  • Memoria: 4 TB
  • Standard: SATA
  • Dimensioni (LxLxA): 69x64x11 millimetri
  • Peso: meno di 40 grammi
  • Interfaccia: USB 3.2 Gen 2
  • Velocità massima di lettura: 800 MB/s
  • NAND Flash: 96L Micron 3D NAND (QLC)
  • Controller: Phison U17

Benchmark sintetici

Specifichiamo una cosa all’inizio: attualmente ho solo un T7 e un T5 di Samsung nella versione da 1 TB per il confronto. Ciononostante, i modelli di Samsung offrono una buona base di confronto. Il T5 è nello standard mSATA e il T7 dovrebbe essere molto più veloce grazie allo standard NVMe.

Come riscaldamento, eseguo l'ATTO Disk Benchmark, che verifica le prestazioni di lettura e scrittura di varie dimensioni di trasferimento da 512 byte a 64 megabyte. Le specifiche per le prestazioni di lettura e scrittura di molti produttori si basano su questa metodologia, perché fornisce risultati migliori.

Velocità di lettura e scrittura X6 ATTO Disk Benchmark

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Velocità di lettura e scrittura T7 ATTO Disk Benchmark

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Velocità di lettura e scrittura T5 ATTO Disk Benchmark

nessuna informazione disponibile su questa immagine

In termini di velocità di lettura e scrittura, l'X6 mantiene una certa decenza. Specialmente con i file piccoli può anche battere il T7. L'X6 deve ammettere la sconfitta solo per poco meno di 50 MB/s nella velocità di lettura. In termini di velocità di scrittura, è ancora più indietro con 85 MB/s. L'X6 supera facilmente il T5, ma l'SSD di Samsung è anche un po' più vecchio.

IOPS X6 ATTO Disk Benchmark

nessuna informazione disponibile su questa immagine

IOPS T7 ATTO Disk Benchmark

nessuna informazione disponibile su questa immagine

IOPS T5 ATTO Disk Benchmark

nessuna informazione disponibile su questa immagine

La situazione è simile per le IOPS, gli ingressi e le uscite al secondo. Entrambi gli SSD si affrontano testa a testa. Con i file più piccoli, l'X6 è in vantaggio. Più tardi, però, il T7 recupera. Alla fine sono quasi alla pari. Il T5 è ancora una volta una facile preda per l'X6.

Il benchmark di Anvil's Storage Utilities fornisce i tempi di risposta oltre alle velocità di lettura e scrittura e alle IOPS. Qui si vede: i tempi di risposta in lettura e scrittura sequenziale e casuale sono più brevi sul T7. Nel complesso, il T7 si comporta circa il 19% meglio dell'X6 nel benchmark. Rispetto al T5, l'X6 ottiene poco meno di 60 punti in più.

X6 Anvil's Storage Benchmark

nessuna informazione disponibile su questa immagine

T7 Anvil's Storage Benchmark

nessuna informazione disponibile su questa immagine

T5 Anvil's Storage Benchmark

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Scenari reali

Per testare le prestazioni dell'SSD in scenari reali, copio vari file dal disco di sistema all'X6. L'SSD è collegato all'USB 3.2 Gen 2 del mio PC – quindi teoricamente sono possibili fino a 10 Gbit/s.

Il primo è una cartella di 101 GB contenente MP4, foto RAW e un progetto Premiere Pro. L'X6 ha bisogno di 3 minuti e 6 secondi. Dopo circa 50 GB di dati trasferiti, la velocità scende brevemente da una media di 550 MB/s a meno di 50 MB/s. Dopo altri 3 GB di dati trasferiti, circa un minuto, recupera velocità e i dati rimanenti vengono trasferiti a oltre 600 MB/s. Il T7 ha anche bisogno di un po' più di tempo per la trasmissione: 3 minuti e 33 secondi. L'SSD Samsung inizia oltre 600 MB/s più veloce, ma poi scende a una media di 450 MB/s dopo circa 40 GB di file trasferiti. Mantiene questa velocità per il resto del test. Il T5 è l'anatra zoppa nel test e ha bisogno di 2 minuti e 40 secondi per il compito. Il valore di picco è di 250 MB/s, ma la velocità scende da circa 50 GB di dati trasferiti e ammonta solo a circa 75 MB/s.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Durante il test, l'X6 rimane relativamente fresco con 40 °C, ma non quanto il T7 (38 °C). Il T5 non riesce a tenere il passo con i suoi 51 °C. In superficie, le temperature sono simili, come mostra la termocamera. Dato che le temperature sono nella norma, penso che a circa 50 GB la cache SLC dell'X6 sia esaurita e che abbia bisogno di essere ripulita prima che le cose riprendano alla loro solita velocità.

Immagine termica dell'X6 verso la fine del test.
Immagine termica dell'X6 verso la fine del test.

Nel secondo test, copio una cartella di quasi dieci GB con file MTS, MP4, MP3, MOV e JPEG e un altro progetto Premiere. È qui che l'X6 ha più problemi: la trasmissione impiega 36 secondi rispetto al T7, che impiega 15 secondi. Il T5 è anche chiaramente più veloce dell'X6 con 23 secondi. Spiego la differenza con i controller più sofisticati che sono in grado di gestire meglio i diversi tipi di file. Poiché ci sono molti file più piccoli, l'accesso casuale entra in gioco più dell'accesso sequenziale. I tassi di lettura e scrittura dell'X6 sono in questo caso molto più bassi. Il T7 è in grado di trasferire a una velocità costante di oltre 570 MB/s, mentre il T5 solo oltre 400 MB/s. Con l'X6, il diagramma di trasferimento sembra una tappa montuosa del Tour de France: inizia lentamente a meno di 100 MB/s, poi aumenta fino a oltre 300 MB/s, ma successivamente oscilla tra 350 e 250 MB/s prima di scendere a pochi KB/s. Questo è seguito dal «gran» finale con velocità tra 450 e 550 MB/s.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Durante l'ultimo test ho copiato una cartella di quasi 4 GB contenente foto RAW. Anche qui, l'X6 si comporta significativamente peggio del T7: 8 secondi contro 44 secondi. Il T5 ha impiegato solo un secondo in più del T7. In questo caso, la velocità dell'X6 è costante con una media di circa 90 MB/s. Il T7 sprinta fino al traguardo con una costante di oltre 520 MB/s. Il T5 è indietro con oltre 400 MB/s. Le foto RAW sono piccole a circa 24 MB rispetto ai file video. Ci sono più di 160 file nella cartella. Pertanto, i tassi di lettura e scrittura dell'accesso casuale sono ancora una volta più decisivi. Ed è qui che l'X6 è in svantaggio.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Altre caratteristiche

Secondo Crucial, l'X6 dovrebbe sopravvivere alle cadute da un'altezza di quasi 2 metri su un tappeto. Sì, sul tappeto, ma naturalmente questo è solo scritto in piccolo. Sono inclusi un cavo da USB-C a USB-C è incluso e un adattatore per USB-A. Il produttore offre inoltre una garanzia di 3 anni. Ciò che manca è la possibilità di una crittografia sul lato hardware.

Conclusione: perfetto per il consumatore medio che richiede tanta memoria

Senza un controller sofisticato, l'X6 non può tenere il passo in certi scenari di test. I controller degli SSD sono anche responsabili del Wear Leveling, un meccanismo che protegge gli SSD dall'usura troppo rapida. Fino a che punto il controller Phison può farlo, e quanto bene, è discutibile.

Tuttavia, l'X6 ha altri punti di forza. È molto veloce nei semplici scenari di copia e può persino tenere il passo con il T7 nei benchmark sintetici. Dal punto di vista del prezzo, l'X6 è attualmente il più economico SSD esterno da 4 TB in negozio.

Nel complesso, con l'X6 nella variante da 4 TB, Crucial offre un solido SSD. Si rivolge principalmente all'utente medio che ha bisogno di molta memoria e non vuole pagare troppo. Gli utenti più esigenti non possono evitare l'acquisto di un SSD esterno con un controller sofisticato che permette velocità ancora maggiori e un vero Wear Leveling. Ma ovviamente ogni cosa ha il suo prezzo.

A 17 persone piace questo articolo


Kevin Hofer
Kevin Hofer
Editor, Zurigo
Tecnologia e società mi affascinano. Combinarle entrambe e osservarle da punti di vista differenti sono la mia passione.

Potrebbero interessarti anche questi articoli