Airvida di Ible alla prova: meno «eccì!» grazie agli ioni davanti al naso
RecensioneSalute

Airvida di Ible alla prova: meno «eccì!» grazie agli ioni davanti al naso

Martin Jungfer
Zurigo, il 16.05.2022
Traduzione: Leandra Amato

Elegante e futuristico: questo ionizzatore portatile è progettato per proteggerti da batteri, polveri sottili e pollini. Ho testato le capacità del dispositivo da 200 franchi.

Quando il mio collega Ludo del Category Management mi ha mostrato un nuovo prodotto ho pensato «Interessante», e sembra anche innovativo. Così ho accettato di testarlo. Poco dopo, ho avuto tra le mani l'Ible Airvida L1 e M1.

La prima variante è pensata per le donne, la seconda per gli uomini. O almeno, è così che viene commercializzato. La versione «da uomo» M1 è disponibile come collana in pelle intrecciata, stile surfista abbronzato. La chiusura è magnetica, il diffusore ionico in plastica nera non è ornato come un dente di squalo, ma non è nemmeno brutto.

Più elegante, quasi futuristica, è la variante L1 «da donna». Di colore bianco in stile Apple, con le parti terminali color metallo che contengono il cuore del gadget, ovvero i due ionizzatori. All'inizio ho avuto l'impulso di coprirmi gli occhi e di indossarlo come Geordi La Forge di Star Trek. Il che è sbagliato, ovviamente. Quel coso va messo al collo.

Grandi promesse dal produttore

Trovo che l'Airvida sia molto impegnativo come dispositivo di prova. La tecnologia con cui si suppone che pulisca l'aria intorno a me è difficile da capire. Quasi più grave, tuttavia, è il fatto che l'effetto non può essere misurato oggettivamente nella vita quotidiana. Non posso dire con certezza se i sintomi del raffreddore da fieno siano davvero ridotti grazie all'uso di Airvida. Ma ci sono indicazioni che parlano chiaro.

Le promesse del futuristico purificatore d'aria sono grandiose. L'Airvida è progettato per rimuovere praticamente tutte le particelle nocive dall'aria prima di respirarle tramite un processo chimico: la ionizzazione. In parole povere, un elettrone viene rilasciato da una molecola in modo che sia caricato negativamente per legarsi a nuovi partner atomici il più rapidamente possibile.

Tecnologia ed effetto

Per comprendere il principio dello ionizzatore, è necessario avere alcune conoscenze di base di chimica. Durante la ionizzazione, un elettrone viene rimosso da un atomo o da una molecola, a volte anche da più di uno. L'atomo o la molecola che rimane per frazioni di secondo è lo ione. Questo ione attira le particelle nocive presenti nell'aria, come pollini, batteri e polveri sottili. Il nuovo legame che si forma è più pesante e affonda rapidamente nel terreno. Alcune particelle, come virus o batteri, dovrebbero addirittura essere scomposte chimicamente e rese innocue. Con grafici e in modo più dettagliato la pagina di «Luftreiniger ABC» spiega il processo (in tedesco).

Semplificando: è auspicabile un elevato contenuto di ioni nell'aria. Nelle cascate (70 000 ioni per centimetro cubo) o in montagna ci sono molti ioni, mentre nella stanza di un ufficio medio ce ne sono molti meno (100). Tra gli altri, l'Università di Scienze Applicate e Arti di Lucerna ha misurato questo dato in uno studio. L'Airvida potrebbe fornire un rimedio in questo caso, generando fino a due milioni di nuovi ioni ogni 0,6 secondi. Questo, secondo la promessa pubblicitaria, rende l'aria inspirata fresca come in una foresta.

Tuttavia, anche l'ozono, chimicamente O₃, è il risultato di un processo di ionizzazione. Rispetto a O₂, questo è molto più disposto a legarsi e può quindi svolgere bene il lavoro di raccoglitore di polveri sottili e sostenere gli altri ioni negativi. Tuttavia, l'ozono prodotto dai depuratori d'aria è controverso. Ible sottolinea che i dispositivi Airvida producono solo 0,006 ppm (parti per milione). Rispetto allo standard della Commissione Europea, si tratta solo del 10% del valore limite.

Tuttavia, nonostante tutto, non c'è aria che profumi di muschio, aghi di pino e cervi saltellanti. Si tratta di un processo tecnico in cui la scatola compatta dell'Airvida viene riempita di ioni «prodotti» mediante corrente e tensione. Un flusso d'aria appena percettibile dall'apertura con le spazzole in fibra di carbonio è il risultato che si ottiene indossando il pezzo.

Utilizzo e design

I modelli L1 e M1 si differenziano fondamentalmente per il modo in cui si indossano. L1 è un archetto da collo che si appoggia delicatamente e dolcemente grazie al rivestimento in gomma sulla parte interna. Tuttavia, è meno piacevole durante le attività sportive e la sudorazione. Fare jogging indossandolo non è una buona idea. Il dispositivo risulta rapidamente appiccicoso sulla pelle umida di sudore, ma almeno può essere rimosso facilmente. Le bocchette per gli ioni negativi si trovano nella parte anteriore destra e sinistra del mento. Qui dispiegano il loro benefico effetto antipolline, antibatterico e antitutto.

Nella versione maschile, M1, il diffusore di ioni fa parte della catenina, come un ciondolo. Questa è sicuramente la versione più discreta.

Entrambi i dispositivi possono essere accesi e spenti con un semplice pulsante. Su L1, un LED si illumina di blu. Il test di funzionamento si esegue premendo la scritta Ible sul dispositivo. Dalle aperture anteriori fuoriesce un cigolio delicato. L'M1 non ha luci. In questo caso bisogna sentire l'effetto, come illustra questo video del produttore.

Il video spiega anche come pulire la spazzola in fibre di carbone attivo, in modo che non si intasi e che nuovi ioni negativi possano continuare a fuoriuscire. A tal fine, basta estrarre la parte metallica dalla scatola e passare delicatamente attraverso e sopra le fibre. È un po' come pettinare una cresta di capelli su un animale molto, molto, molto piccolo.

Se il pulitore della spazzola ti sembra familiare, probabilmente fai parte del fanclub Apple. Il piccolo scomparto per l'inserimento della scheda SIM dell'iPhone si apre esattamente con lo stesso strumento utilizzato per pulire la spazzola dell'Airvida. (L'ho testato io stesso). Potrebbe anche darsi che l'accessorio esca dalla linea di produzione dello stesso stabilimento di Taiwan.

L'utensile di pulizia è stato realizzato per la pulizia della spazzola in fibra di carbonio, ma può anche essere un apri-slot-per-scheda dell'iPhone.
L'utensile di pulizia è stato realizzato per la pulizia della spazzola in fibra di carbonio, ma può anche essere un apri-slot-per-scheda dell'iPhone.

Purtroppo, la presa di ricarica dell'Airvida non è stata copiata da Apple. È qui che entra in gioco la connessione micro-USB, piuttosto impopolare. Nella versione femminile, i cinque volt vanno direttamente all'archetto. Gli uomini devono prima togliere il generatore di ioni dalla catenina, inserirlo in un pezzo di ricarica e poi collegarlo. Su entrambi gli Airvida, una luce rossa indica che la ricarica è in corso e una luce verde indica che la ricarica è completa. Tuttavia, non si sa quanta batteria abbiano ancora gli ionizzatori: non c'è un segnale che lo indichi.

Ricarica tramite deviazioni: la versione M1 dell'Airvida è alimentata da una sorta di stazione di ricarica. A proposito, la mia foto dimostra che stavo usando l'Airvida quando la conta dei pollini era intensa. I numerosi punti sono il risultato della fioritura della colza.
Ricarica tramite deviazioni: la versione M1 dell'Airvida è alimentata da una sorta di stazione di ricarica. A proposito, la mia foto dimostra che stavo usando l'Airvida quando la conta dei pollini era intensa. I numerosi punti sono il risultato della fioritura della colza.

Le due versioni non si discostano molto l'una dall'altra in termini di durata: 28 ore (uomini) contro 32 ore (donne), come indicato sulla confezione. Questo è più o meno in linea con la mia esperienza. Il modello L1 ha quattro ore in più con un peso significativamente superiore di 70 grammi. La controparte maschile, invece, con i suoi 20 grammi, è un vero e proprio peso piuma.

Tuttavia, ci si accorge dei gioielli al collo quando ci si piega spesso in avanti, come quando si allacciano le scarpe. Può anche darsi che io abbia una strana proporzione tra collo e mento, ad ogni modo la collana, con i suoi 50 centimetri di lunghezza, mi penzola sempre intorno al mento in modo tale che le spazzole in fibra di carbonio mi fanno il solletico. Probabilmente è per questo che in negozio abbiamo una versione più lunga e una più corta della collana per i tipi come me, ma a un prezzo piuttosto elevato. Ible giustifica questa scelta anche con il fatto che la catenina di titanio offre radiazioni all'infrarosso lontano, che dovrebbero stimolare la circolazione sanguigna e il metabolismo.

Per fortuna, e per salvare il bilancio familiare, esiste un'altra alternativa alla catenina. L'M1 è dotato di una clip per il fissaggio del diffusore ionico. La clip può essere applicata al colletto della camicia.

Il set Airvida M1 include una clip per il colletto della camicia.
Il set Airvida M1 include una clip per il colletto della camicia.

Verdetto: dati di studio scarsi, efficacia soggettiva

Ho notato l'effetto degli ionizzatori Airvida soprattutto nella stagione dei pollini, in particolare nei mesi di aprile e maggio. Non importa se la betulla, il nocciolo, il lapazio, l'erba o altre piante scaricano il loro polline: posso andare in giro con un collare o il memory piece di Star Trek al collo quasi senza starnutire. In qualche modo la cosa sembra funzionare, cosa che posso tecnicamente capire grazie agli studi. È ancora difficile da credere, perché l'Airvida funziona in modo così silenzioso che praticamente non lo si percepisce. Le compresse antiallergiche, che potrei prendere in alternativa, mi rendono stanco. Sono felice di farne a meno.

Grazie alla lunga durata della batteria, posso integrarlo bene nella mia vita quotidiana. Posso indossarlo per due giorni di seguito durante il giorno e dopo il secondo giorno lo ricarico durante la notte. Tuttavia, nei commenti c'è chi si è arrabbiato per la porta micro-USB. Neanche a me piace smanettare, ma non mi viene la pressione alta per le poche volte che ho dovuto ricaricare il dispositivo.

Il design dei componenti è una questione di gusti. E come tutti sappiamo, su questo non si discute. La catenina del modello M1 che pende dal mento è fastidiosa. Mi piace di più la versione femminile. Tuttavia, mi calza appena (larghezza del collo della camicia 39/40). Se hai un collo più robusto, devi passare alla versione da uomo. Per pulire l'aria, puoi anche posizionare L1 davanti a te sulla scrivania, ad esempio. In ufficio, molti ti chiederanno cosa hai lì. Questa domanda mi è stata posta più di una volta. Con la collana, il massimo che ho ricevuto sono stati sguardi stupiti, perché non sono mai stato visto come un tipo da gioielli. Nessuno ha notato che avevo un oggetto high-tech appeso al collo. Nemmeno la piccola parte nera della stazione di ricarica, che a volte metto sul tavolo come variante discreta.

Mi fido piuttosto del modello da donna, con gli ionizzatori a sinistra e a destra, che fornisce una cortina di ioni più densa di aria fresca nel mio campo visivo e lo userò anche in futuro quando le previsioni sui pollini annunciano una forte esposizione.

La versione da donna ha doppia potenza ionizzante.
La versione da donna ha doppia potenza ionizzante.

Secondo lo studio dell'Università di Scienze Applicate e Arti di Lucerna, un'aria più fortemente ionizzata dovrebbe contribuire a un maggiore «senso di benessere generale» e, in alcune persone sottoposte al test, anche a «un rilassamento nervoso». Altri studi riportano addirittura una diminuzione degli attacchi di emicrania. Tuttavia, gli studi su questo e sull'Airvida come gadget sono piuttosto scarsi e i risultati non sono ancora sicuri. Soprattutto nella regione dell'Asia orientale, ci sono più sostenitori della ionizzazione dell'aria. Lì le persone tendono a pensare al di là della pura medicina convenzionale occidentale, e sono forse più aperte a nuove soluzioni.

Se hai domande o commenti sul test o se hai già avuto esperienze con l'Airvida, fallo sapere a me e alla Community lasciando un commento in fondo alla pagina.

A 28 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Giornalista dal 1997 con sedi in Franconia, sul lago di Costanza, a Obvaldo e Nidvaldo e a Zurigo. Padre di famiglia dal 2014. Esperto in organizzazione editoriale e motivazione. Focus tematico sulla sostenibilità, strumenti per l'ufficio domestico, cose belle in casa, giocattoli creativi e articoli sportivi. 


Salute
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader