Con il Mi Robot Builder, che può essere assemblato e programmato, Xiaomi ha realizzato un colpo di genio.
Test del prodotto

Xiaomi Mi Robot Builder: divertimento in 978 pezzi

Raphael Knecht
18.08.2020
Traduzione: Leandra Amato

Xiaomi Mi Robot Builder non solo ti insegna a programmare, ma sei tu stesso ad assemblarlo. Creatività, dall'assemblaggio alla codifica: ma il produttore mantiene questa promessa?

Dopo la delusione ricevuta dal robot gaming GJS GEIO sono alla ricerca di una nuova sfida nel mondo della robotica. Mi imbatto nello Xiaomi Mi Robot Builder, che secondo il produttore, non è solo programmabile, ma deve anche essere assemblato. Una combinazione di LEGO e programmazione? Sembra grandioso. Facile prendere questa decisione: il mio prossimo progetto sarà il Mi Robot Builder. Mi chiedo se riuscirà a soddisfare le mie aspettative.

Unboxing: otto sacchetti di plastica pieni di pezzi minuscoli

La confezione azzurra è divisa in due livelli: in cima si trovano l'unità di controllo, che contiene anche la batteria, e i due motori. Sotto trovo il manuale di istruzioni, le istruzioni di costruzione, un cavo di ricarica e otto piccoli sacchetti trasparenti contenenti 978 pezzi che sembrano dannatamente simili ai Lego. I pezzi sembrano esattamente uguali ai famosi mattoncini, persino l’odore, ma ovviamente non hanno il logo Lego inciso sopra. Hanno un aspetto di alta qualità, anche i motori e la batteria, quindi il centro di comando, sembra possano sopportare molto. Poiché il robot deve essere completamente carico alla prima accensione secondo le istruzioni, collego la batteria al cavo mentre mi occupo del montaggio.

Il set e il suo contenuto mi ricordano Lego Technics.
Il set e il suo contenuto mi ricordano Lego Technics.

Le istruzioni per la costruzione mi permettono di costruire un robot in piedi e su due ruote. Potrei fare anche un T-Rex, ma per questo dovrei scaricare un manuale aggiuntivo tramite app. Scelgo il robot, perché sono curioso di sapere se e come mantiene l'equilibrio. A proposito, l’aggeggio ha un processore ARM Cortex Mx a 32 bit con 108 MHz, 32 MB di memoria flash interna, Bluetooth, WiFi a 2,4 Ghz e quattro porte USB-C. Due di loro sono occupate dai motori, le altre due sono libere. La batteria ha una capacità di 1650 mAh e deve azionare due servomotori. È possibile controllare il robot sia con un Android, che con un dispositivo iOS. Io cerco di domare il Mi Robot Builder con un iPhone.

La batteria deve essere prima caricata – questa scatola è anche l'unità di controllo.
La batteria deve essere prima caricata – questa scatola è anche l'unità di controllo.

L’assemblaggio: maturo quasi quanto Lego

Prima devo assemblare il robot. Quando apro la prima pagina delle istruzioni di costruzione, noto qualcosa: non solo i pezzi si basano sui Lego, ma anche le istruzioni passo dopo passo emulano i danesi. E Xiaomi fa un buon lavoro. Le singole fasi sono descritte in dettaglio, le dimensioni delle parti da utilizzare sono indicate con precisione e i colori sono chiaramente distinguibili. La mia unica critica: gli otto sacchetti di plastica non sono né numerati né descritti in qualche modo. Nelle istruzioni non c’è scritto quale sacchetto occorre per un determinato passo. L’assemblaggio richiede così più tempo. Ma da fan dei Lego, mi questo tempo con piacere.

Assomigliare a Lego, sentirsi Lego e odorare di Lego – ma si tratta di Xiaomi.
Assomigliare a Lego, sentirsi Lego e odorare di Lego – ma si tratta di Xiaomi.

Ho un déjà-vu: innumerevoli piccole parti si trovano davanti a me, un'istruzione di costruzione aperta e i polpastrelli fanno male già dopo poche pagine. È la stessa sensazione che ha caratterizzato la mia infanzia da fan dei Lego. Ogni volta che un nuovo set arrivava sul mercato, dovevo averlo e montarlo subito. Con Xiaomi Mi Robot Builder, la differenza rispetto a prima non è che sono invecchiato, ma che tutto il divertimento non finisce dopo il montaggio. Al contrario: grazie alla sua programmabilità, è solo allora che inizia il vero divertimento. Questo mi dà una motivazione in più per andare avanti. Devo fare attenzione a non commettere errori. Non voglio che il robot si rompa durante il suo viaggio inaugurale.

Dopo il terzo passo, il robot non ha ancora l'aspetto di un robot.
Dopo il terzo passo, il robot non ha ancora l'aspetto di un robot.

Devo portare a termine ben sette passi, cinque più grandi e due più piccoli. Per i primi due, mi servono rispettivamente 50 e 40 minuti, per un totale di un'ora e mezza. La fase C è questione di cinque minuti. Le fasi D, E e F sono seguite da tre grandi parti che durano 90, 30 e 80 minuti, per un totale di quasi tre ore e mezza. La fase finale G viene completata rapidamente in cinque minuti. È divertente fin dall'inizio, anche se gli ultimi passi sono più attraenti: da un lato il modello prende lentamente forma e dall'altro mi rendo conto che presto ci giocherò. Dopo quasi sei ore esatte, il robot è finito, in attesa di essere portato in vita.

È ancora sdraiato sulla schiena, ma presto starà in piedi.
È ancora sdraiato sulla schiena, ma presto starà in piedi.

Il controllo: semplice, logico e preciso

La batteria è carica, il robot sta in piedi grazie a un supporto che devo spingere tra le sue gambe. Non vedo l'ora di premere il pulsante di avvio. Poi noto che questo si trova sotto un'armatura di pezzi assemblati. Quindi devo sollevare la vetrata del cockpit per arrivare al pulsante. Le istruzioni dicono che all’inizio il robot si equilibrerà, allontanandosi dal supporto. Entusiasta, premo il pulsante di avvio, sento un bip, il robot avanza di qualche centimetro e si bilancia sulle sue due ruote, dondolando sempre leggermente avanti e indietro – come se fosse la cosa più facile del mondo.

L'applicazione è minimalista. Mi piace e la versione in lingua tedesca è stata quasi completamente tradotta. A parte i blocchi di programmazione, leggo solo parole in tedesco. Anche il Dji può prendere appunti per il suo RoboMaster. Dopo aver acceso il robot, devo collegarlo via Bluetooth allo smartphone – va bene anche un tablet. Funziona subito. Xiaomi Mi Robot Builder offre tre modalità di funzionamento e un'istruzione di costruzione in formato digitale. Posso scaricare ulteriori istruzioni come il T-Rex o un aereo e ricostruirlo. Le tre modalità sono chiamate «Modalità Percorso», «Modalità Controller» e «Modalità Programmazione». In «Modalità Percorso» disegno un percorso su una mappa virtuale che Xiaomi Mi Robot Builder segue. La mappa, che sembra avere strade e sentieri, è solo una decorazione. Serve per non dover disegnare il percorso del robot su una desolata superficie nera. A proposito: il robot segue correttamente il percorso fino ad un valore stimato dell'80% – non male.

Ho disegnato una linea a serpentina e il Mi Robot Builder deve seguirla.
Ho disegnato una linea a serpentina e il Mi Robot Builder deve seguirla.

In «Modalità Controller» controllo il robot con il mio cellulare o tablet. Nel cockpit è possibile vedere il regime del motore (in giri al minuto) e la velocità (in dieci centimetri al minuto). C'è anche un joystick per guidare avanti e indietro e uno per sterzare a destra e a sinistra. Con il pulsante fuoco, il robot imita il suono delle armi. Inoltre, il pulsante del giroscopio offre la possibilità di controllare Mi Robot Builder anche inclinando il cellulare. A differenza della «Modalità Percorso», la guida con il controller è molto più precisa. Ho la sensazione che il robot mi segua come un cucciolo ben addestrato. Asseconda anche il minimo movimento. L'unica cosa a cui bisogna abituarsi è il controllo tramite due joystick: nel gaming è diverso. In ogni caso, mi piace molto guidare Xiaomi Mi Robot Builder attraverso il soggiorno. Se sbatte contro un mobile, i motori del robot fanno uno strano suono, ma non cadono. Cool.

Nella «Modalità Controller» sono io a gestire il robot.
Nella «Modalità Controller» sono io a gestire il robot.

La programmazione può essere divertente

La terza modalità è la «Modalità Programmazione». Il robot Xiaomi Mi Robot Builder non è come lo Sphero Bolt o l'Ozobot Evo, cioè un robot che vuole principalmente insegnarmi a programmare. Ma è una delle sue molteplici funzioni e quindi esamino il tutto. Nel menu principale della modalità di programmazione posso scegliere se voglio scrivere il mio programma da zero o seguire le istruzioni che spiegano le basi passo dopo passo. Come molti altri robot, Xiaomi lavora con blocchi di codice del linguaggio di programmazione Scratch. Poiché il robot non ha molte funzioni oltre alle sue capacità di bilanciamento e di guida, anche le possibilità di programmazione sono limitate. Ma c’è tutto ciò di cui ho bisogno. Oltre ai soliti comandi di movimento, Xiaomi Mi Robot Builder offre blocchi di codice che funzionano con i suoi sensori di rumore, di giroscopio e di velocità. Poi ci sono i soliti comandi di variabili matematiche, loop e i comandi «Se questo è così, allora...».

Il secondo passo è quello di programmare il robot Xiaomi Mi Robot Builder per farlo ballare.
Il secondo passo è quello di programmare il robot Xiaomi Mi Robot Builder per farlo ballare.

Per prima cosa seguo i primi tre passi delle istruzioni per abituarmi al funzionamento dell'applicazione. Qui mi viene affidato un compito dopo l'altro, che diventa sempre più difficile. Nel primo passo devo insegnare al robot a camminare, nel secondo passo deve imparare a ballare. Il tutto va avanti in modo spedito, senza grandi animazioni. Mi piace. I blocchi sono abbastanza grandi da poter essere spostati avanti e indietro con un dito, il font viene visualizzato in modo leggibile e l'applicazione funziona senza problemi. È divertente essere introdotti nel mondo della programmazione e allo stesso tempo guardare il robot che esegue i comandi. Questo è esattamente come dovrebbe essere se un produttore vuole che l'utente impari facilmente i codici con il suo prodotto. Nell'archivio dell'app memorizzo i miei progetti, sia quelli che creo secondo le istruzioni, che quelli che sviluppo io stesso. Così posso continuare a lavorarci in un secondo momento.

I blocchi di programmazione appaiono chiari e facili da capire.
I blocchi di programmazione appaiono chiari e facili da capire.

In conclusione: un must-have per ogni appassionato di robotica

Xiaomi Mi Robot Builder mi ha convinto. Il divertimento inizia già dal disimballaggio: la confezione a due strati mi incuriosisce. Il montaggio è stimolante e, ad eccezione della numerazione mancante dei sacchetti di plastica, è paragonabile ai Lego. Il robot finito è piuttosto impressionante. Adoro la quasi assenza di rumori e il dondolio che il gigante di plastica bianco-arancio fa per mantenere l'equilibrio. C'è qualcosa di rassicurante in tutto questo. L'app è ben pensata, strutturata in modo logico e ordinata. Le modalità sono divertenti e funzionano senza errori. La programmazione è limitata alle poche possibilità del robot, ma questo non toglie il divertimento, perché si può programmare tutto ciò l’aggeggio può fare.

Fa una bella figura anche da dietro: il robot si mantiene in forma con le flessioni.
Fa una bella figura anche da dietro: il robot si mantiene in forma con le flessioni.

Per poco meno di 100 franchi, consiglio assolutamente l'acquisto di Xiaomi Mi Robot Builder. Che tu sia un appassionato di fai da te, di robot o un aspirante programmatore, il robot di Xiaomi mantiene tutte le promesse fatte da lui e dal suo produttore. Dall'assemblaggio ai primi passi alla programmazione dei propri comandi, non ti stancherai così facilmente del Mi Robot Builder. Al contrario: finirai col non lasciarlo più andare.

Il cockpit è vuoto, in attesa che tu prenda il controllo.
Il cockpit è vuoto, in attesa che tu prenda il controllo.

La prossima volta probabilmente guarderò Tinkerbots o il Clementoni Robomaker. Stay tuned! Se non vuoi perderti nessun highlight del mondo della robotica e dei gadget, allora segui il mio profilo autore. Basta cliccare su «Segui l’autore» in basso.

A 94 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Se non mi sto cibando di "ciugnate" dolci a volontà vuol dire che sono in qualche palestra: l’unihockey è una mia grande passione, sia come giocatore che come allenatore. Nei giorni di pioggia puoi scovarmi ad avvitare e svitare i miei PC, robot o altri giocattoli elettronici. La musica mi accompagna costantemente. La vita sarebbe dura senza giri in bici sulle strade di montagna ed intense sessioni di sci di fondo. 


Robotica
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Giocattoli
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

Commenti

Avatar