Test: Sonos Arc – attualmente la migliore soundbar Dolby Atmos?

Test: Sonos Arc – attualmente la migliore soundbar Dolby Atmos?

Luca Fontana
Zurigo, il 16.06.2020
Traduzione: Leandra Amato
Sonos ha aggiornato la sua gamma audio con la Sonos Arc. La sua più grande caratteristica: Dolby Atmos ben studiato.

Sonos aggiorna la sua gamma di soundbar. E che aggiornamento! Si tratta più precisamente di un aggiornamento Dolby Atmos. Finalmente. Il fornitore premium di prodotti audio ha atteso a lungo il suono Atmos; concorrenti come Sony o Samsung sono da tempo saltati sulla barca del nuovo trend Atmos.

La nuova soundbar Dolby Atmos, la Sonos Arc, è in vendita dal 10 giugno. Lo so, avevo promesso una recensione prima del lancio. Il fatto che non abbia funzionato è dovuto ad un certo virus che ha ritardato la consegna dei dispositivi di prova. Sorry! Beh, ecco qui il test. Una cosa che posso dirti in anticipo:

la Sonos Arc non è una soundbar qualsiasi. Si tratta di una presa di posizione – piuttosto costosa.

Un'interessante architettura di altoparlanti

La Sonos Arc è ampia: circa 114 centimetri di larghezza. Rispetto al suo predecessore, la Playbar,, sono stati aggiunti circa 30 centimetri. Piuttosto ingombrante, soprattutto per i possessori di un televisore più piccolo.

Larghezza: 114.2 cm
Altezza: 8.7 cm
Profondità: 11.6 cm

Ma ingombrante non significa rozza e nemmeno brutta. L’Arc sembra molto più elegante della Playbar. Non c’è più la copertura in tessuto che attirava la polvere come la luce attira le falene. Al suo posto, una griglia simile a quella del Sonos One. Inoltre ha una forma ovale, meno spigolosa. È elegante e piacevolmente sottile.

Sonos Arc ha un bellissimo design.
Sonos Arc ha un bellissimo design.

A proposito, l'Arc può essere posizionata in verticale oppure orizzontalmente. Non importa se la collochi ai piedi del TV oppure la fissi alla parete. Per quest'ultimo è necessario il Wall Mount di Sonos.

Sotto la griglia ci sono undici driver. Concretamente:

  • otto woofer ellittici, che forniscono una chiara riproduzione delle frequenze vocali e intermedie, oltre a bassi intensi.
  • Quattro woofer che irradiano in avanti, due verso l’alto (per Dolby Atmos) e due ai lati per creare un effetto di suono ancora più ampio.
  • I woofer sono supportati da tre tweeter con cupola per alte frequenze nitide e dialoghi cristallini.

A titolo di confronto: la Playbar, più vecchia di sette anni, dispone di sei medio-bassi, tre tweeter e un woofer per i bassi. Quindi l'Arc offre di più. Questo probabilmente spiega i 30 centimetri in più di larghezza. Inoltre, tutti gli undici altoparlanti hanno un amplificatore digitale di classe D.

Fonte: sonos.com
Fonte: sonos.com

Nel complesso, Sonos parla di un sistema audio 5.0.2. Il «5» al posto del «3» della Playbar e il «2» alla fine si riferiscono ai driver angolati lateralmente e verso l'alto.

La spiegazione: la società americana di Santa Barbara, California, utilizza un chip che, insieme alla nuova architettura degli altoparlanti, produce una combinazione di suoni e contro-segnali. Questo crea una sorta di «cupola sonora» attorno all'ascoltatore, con livelli sonori verticali e orizzontali, senza che il suono provenga effettivamente dall'alto o dal lato – sia che venga riflesso dalle pareti o dagli altoparlanti fisicamente presenti.

Naturalmente l'ho testato.

Il suono: Dolby Atmos al suo meglio

Il film «Le Mans '66 - La grande sfida» ha i migliori suoni Atmos che conosco. Il film è ambientato negli anni '60. La Ferrari era considerata un modello da seguire negli sport motoristici. Soprattutto alla 24 Ore di Le Mans. Ford ha voluto rompere questo predominio facendo gareggiare i suoi due migliori piloti, Carroll Shelby (Matt Damon) e Ken Miles (Christian Bale).

Quello che la Sonos Arc fa nelle scene di gara merita un Oscar come il film stesso.

Ho testato la soundbar senza diffusori surround o subwoofer aggiuntivi. Voglio sapere cosa sa fare da sola. Il basso, per esempio. Raubein Miles canticchia dolcemente e allo stesso tempo con forza quando preme sull'acceleratore e fa rombare i 550 CV del motore V8 della sua Ford GT. Non ci sono né graffi né salti. Un equilibrio che non avrei mai pensato che una soundbar potesse raggiungere se non l'avessi sentita io stesso.

In altre parole, è come se fossi seduto io stesso nell'abitacolo e sentissi l’accelerazione che mi spinge sul sedile e la macchina che trema ad ogni marcia che inserisco.

Ma la scena continua. Inizia la fase notturna della 24 Ore. È buio. Piove. La visibilità è terribile. Ancora Miles con il suo inconfondibile accento inglese che farfuglia un «bloody hell!». Frammenti di parole che sento limpidissimi in mezzo a una meravigliosa cacofonia sonora di pioggia, sibilo dei motori, scricchiolii delle carrozzerie e scricchiolii delle auto che vengono quasi squarciate dalle forze G.

Ciò è dovuto alla collaborazione tra il driver di Sonos e Dolby Atmos. Devi sapere che Dolby Atmos non significa di per sé una migliore qualità audio. È la qualità delle informazioni audio che è migliore con il Dolby Atmos rispetto a un mix audio surround convenzionale.

*Dolby Atmos**: cos’è e perché si tratta della prossima rivoluzione del cinema
RetroscenaAudio + Home cinema

Dolby Atmos: cos’è e perché si tratta della prossima rivoluzione del cinema

In breve: con Dolby Atmos, i suoni non sono semplicemente collocati su un unico canale. Invece, le cose che si muovono – come le auto da corsa, le sgommate o anche la pioggia stessa – vengono assegnate a un oggetto simulato. Dolby li chiama anche «oggetti audio dinamici». Grazie ad algoritmi è possibile separare questi oggetti audio dallo sfondo con alta precisione e posizionarli nello spazio.

Questo è esattamente il motivo per cui non c'è una tempesta di suoni sovraccarichi nella scena di cui sopra. Un esempio: quando seleziono il mix surround, la pioggia battente scende da qualche parte nei bassi. La rottura di parti, il cigolio delle ruote, il tintinnio degli ingranaggi – tutte cose che posso distinguere molto più chiaramente dal rumore di fondo nel mix Atmos che nel mix surround.

Questo è ciò che rende Atmos così speciale.

In generale, Sonos sembra aver pensato molto ai punti di forza degli oggetti audio dinamici di Atmos. Voglio dire, anche quando chiudo gli occhi, sento esattamente come una Ferrari e una Porsche ondeggiano avanti e indietro davanti alla Ford GT di Ken Miles per rendere più difficile il sorpasso di Miles. Quando una delle auto si schianta e Miles manca la macchina per un pelo, mi abbasso inconsciamente di lato.

È proprio fantastico.

1557de2784161fa9d4c0a249d095eb08359deda32b0e9515da2439c2a4235deb

Tuttavia, l'Arc non fa miracoli con il suono verticale. Riempie molto bene la sala, ma non ho mai sentito un suono che provenisse dall'alto. Non me lo aspettavo comunque. Ho potuto ascoltare molti sistemi di altoparlanti che irradiano verso l'alto. Tutti hanno promesso un suono che provenisse dal soffitto, ma nessuno di questi sistemi ha mantenuto la promessa. Fandonie di marketing.

Sonos è più intelligente. Non ha mai promesso il suono dal soffitto. Almeno non che io sappia. Solo uno sfondo sonoro ricco in cui gli oggetti audio possono essere posizionati in modo udibile. E questa è una promessa che la Sonos Arc mantiene.

Oh, che musica meravigliosa!

Con tutto questo parlare di Dolby Atmos, stavo per dimenticare qualcosa: l'Arc può essere utilizzata anche come altoparlante musicale all'interno di un sistema di altoparlanti multi-room.

Può essere controllata tramite la nuova app Sonos. Puoi collegarla a servizi musicali come Spotify o stazioni radio digitali. Gli utenti Apple possono anche riprodurre musica tramite AirPlay. L'Arc può anche essere controllata a voce tramite Assistente Google o Amazon Alexa grazie a quattro microfoni far-field integrati. Non l'ho testato; i microfoni rimangono spenti a casa mia.

Passiamo alla musica. La mia prima scelta è «Another Day of Sun» dal film «La La Land».

La canzone è jazz alla perfezione: il contrabbasso ha un suono rombante, il pianoforte è armonico, la batteria si agita in sottofondo mentre le trombe celebrano la melodia.

Minuto 0:08:: la prima percussione. Le bacchette di nylon alle alte frequenze accarezzano i tamburi. La voce della cantante si distingue nettamente dal resto della musica. Grandioso. Come se la band suonasse dal vivo davanti a me.

Poi provo «This is Berk» di John Powell da «Dragon Trainer». L'ho ascoltata decine di volte. Ecco perché so esattamente come dovrebbe suonare ogni passaggio. Dove il basso deve brontolare. Dove voglio sentire la percussione.

E sì, ascolto molta musica da film a casa mia – quasi esclusivamente.

Gli ottoni suonano il tema di Berk. Sono tromboni? O tube? Non importa. Il suono è potente. Voluminoso. L’Arc fa vibrare il mio stomaco. Un clarinetto entra in scena. Almeno credo. Poi le corde. Sento la loro melodia. Sento i tamburi in sottofondo che regolano delicatamente il ritmo. Un coro femminile, lì, nel registro acuto, dà al tutto qualcosa di paradisiaco.

Mi piace quando la musica suona così ricca e complessa.

Poi minuto 1:10. I passaggi d’azione. Le percussioni rimbombano in sottofondo. I medi di Arc riempiono completamente il mio soggiorno. Il basso è fenomenale. Un coro maschile con voci profonde e rombanti agisce in modo selvaggio e indomito. E mi sento come se fossi nel bel mezzo di un villaggio di vichinghi folli che cavalcano draghi.

Le connessioni

L'Arc è collegato al televisore tramite HDMI eARC («enhanced Audio Return Channel»). In questo modo, il suono del TV viene trasmesso tramite cavo HDMI a un sistema di altoparlanti o un ricevitore esterno.

Il Dolby Atmos può essere trasmesso alla soundbar senza perdita di dati solo attraverso l'elevata larghezza di banda eARC. Per dirla in parole povere: il formato Dolby True HD si appropria delle informazioni Atmos. Se il tuo televisore ha solo HDMI ARC – cioè senza la «e» di «enhanced» in eARC – il segnale Dolby Atmos viene trasmesso compresso in un segnale Dolby Digital Plus. L’Arc riproduce Dolby Atmos, ma con qualche perdita.

1x HDMI eARC e 1x LAN. Nient’altro.
1x HDMI eARC e 1x LAN. Nient’altro.

Una presa per cavi ottici – Toslink – non è più disponibile. Sonos include un adattatore HDMI-Toslink per questo scopo. Ottimo se il tuo televisore non ha ARC o eARC. Ma allora la larghezza di banda massima è abbastanza grande per il Dolby Surround 5.1. Giusto.

Il vero problema, però, è un altro: non ci sono altri ingressi HDMI per collegare sorgenti esterne come i lettori Blu-ray UHD direttamente all'Arc. Non capisco il perché.

Ma ti spiego.

Sonos mette il suo Dolby Atmos nelle mani dei produttori televisivi. Questo perché i televisori devono soddisfare un requisito fondamentale affinché la Sonos Arc possa effettivamente riprodurre il Dolby Atmos: devono essere in grado di trasmettere il segnale Dolby Atmos ricevuto all'interfaccia HDMI ARC o eARC.

Un esempio. L'OLED C8 di LG, che ho testato due anni fa, ha un'applicazione Netflix abilitata per Atmos. Il televisore è anche in grado di riprodurre Atmos sui suoi altoparlanti interni. Quello che il C8 non può fare – forse è stato risolto nel frattempo – è inoltrare Atmos al suo HDMI ARC. Quindi manca la funzione «pass through». Ergo: la Sonos Arc mi avrebbe dato al massimo il Dolby Surround 5.1.

Im Test: *Der neue OLED-TV von LG** strebt nach Perfektion
Review

Im Test: Der neue OLED-TV von LG strebt nach Perfektion

Capisci cosa intendo quando dico «mettere nelle mani dei produttori di TV»?

Se la Sonos Arc avesse due o tre ingressi HDMI aggiuntivi a cui collegare direttamente le sorgenti di riproduzione esterne – come la maggior parte delle altre soundbar della sua fascia di prezzo – il Dolby Atmos non dipenderebbe solo dal televisore. Ad esempio, potrei collegare il mio lettore Blu-ray UHD direttamente all'Arc o utilizzare l'applicazione Netflix del lettore Blu-ray UHD.

In termini concreti questo significa che se vuoi acquistare la Sonos Arc per il Dolby Atmos, allora devi chiarire in anticipo se il tuo televisore ha una funzione «pass through». Solo così potrai inviare il suono Atmos alla Sonos Arc dall'applicazione smart TV o da una sorgente esterna come un lettore Blu-ray UHD.

A proposito: un televisore compatibile con il Dolby Atmos non deve necessariamente avere un'applicazione Netflix compatibile con il Dolby Atmos. Attualmente sto testando il primo TV mini LED TCL: l’X10. È compatibile con il Dolby Atmos, ma la sua app Netflix non lo elabora. Solo Dolby Surround. Probabilmente un problema di licenza con Dolby.

Verdetto: la migliore soundbar Dolby Atmos che conosco

La mancanza di ulteriori connessioni HDMI è fastidiosa.

La Sonos Arc si avvicina alla perfezione.
La Sonos Arc si avvicina alla perfezione.

La qualità del suono, nonostante il disordine di HDMI, Atmos e ARC, è sensazionale. Davvero, non ho mai visto una soundbar Dolby Atmos migliore. Inoltre, Sonos è stata abbastanza intelligente da non promettere il suono che scende dal soffitto. I californiani promettono invece uno sfondo sonoro ricco in cui gli oggetti audio possono essere posizionati con precisione millimetrica, senza confondersi con il suono di sottofondo. Nella mia esperienza, nessuna soundbar lo ha mai fatto meglio della Sonos Arc.

Infine, vorrei rispondere a questa domanda del lettore missaq:

«@Luca Quando avrai una Sonos Arc da testare, potresti provare come suona con e senza Sub e se vale la pena comprare anche il Sub?»
missaq, 16 maggio 2020, articolo su Sonos Arc

In privato, possiedo un Sonos Sub più due altoparlanti Sonos One. Ecco perché ho potuto fare il test. Risultato: la Sonos Arc da sola suona così voluminosa e piena che non ho sentito la necessità di integrare gli altoparlanti aggiuntivi nel sistema durante il test. Quando l'ho fatto alla fine – in combinazione con il Dolby Atmos – sono quasi caduto all’indietro.

Quindi vale la pena acquistare i sub in aggiunta? Sì. Non perché l’Arc non suoni bene senza. Bensì perché suona ancora meglio con Sub e con One. Ma se è una questione di budget– voglio dire, 999 franchi sono un sacco di soldi per una soundbar – la Sonos Arc va già bene.

A 84 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana

Editor, Zurigo

La mia zona di comfort consiste in avventure nella natura e sport che mi spingono al limite. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono un appassionato di colonne sonore dei film e ciò si sposa perfettamente con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Audio + Home cinema

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli