Sony FE 14 mm F1.8 GM – perfetto per l'astrofotografia
Novità e trendFoto + Video

Sony FE 14 mm F1.8 GM – perfetto per l'astrofotografia

David Lee
Zurigo, il 20.04.2021
Traduzione: Leandra Amato
Sony lancia un obiettivo grandangolare con un'elevata intensità luminosa, ma leggero. Nell'astrofotografia questo è esattamente ciò che serve.

Il 14° obiettivo della serie G-Master di Sony ha una lunghezza focale di 14 millimetri, una velocità di f/1.8 e un peso di 460 grammi. I numeri possono sembrare poco spettacolari, ma non c'è nessun obiettivo con specifiche comparabili finora. Per quanto ne so, esiste solo un obiettivo con la stessa lunghezza focale e velocità, ma pesa più del doppio.

FE 14mm f/1.8 GM Sony E
Nuovo
1750.–
Sony FE 14mm f/1.8 GM Sony E
14mm f/1,8 DG HSM ART, Sony E
1369.–
Sigma 14mm f/1,8 DG HSM ART, Sony E

Gli obiettivi con tali proprietà sono necessari per l'astrofotografia: più elevata è l'intensità luminosa, più bassa è la sensibilità ISO. Normalmente si può compensare la minore luce con esposizioni più lunghe, ma nell'astrofotografia questo è possibile solo in misura molto limitata. Infatti, a un certo punto il movimento delle stelle diventa visibile. Non appaiono più come un punto, ma come un trattino. Più corta è la lunghezza focale, più a lungo si può esporre senza che il movimento delle stelle diventi visibile. Quindi ti servono entrambi: intensità luminosa e grandangolo.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Più ti allontani dalle città, più visibile diventa il cielo stellato. È qui che entra in gioco il terzo fattore: il peso. A seconda della location, la leggerezza dell'obiettivo può essere un vantaggio.

Inoltre, il nuovo obiettivo è anche adatto per i video, poiché i suoi due motori di messa a fuoco sono molto silenziosi. Secondo Sony, l'obiettivo da 14 mm è nitido fino agli angoli, anche con diaframma aperto. L'obiettivo dovrebbe essere disponibile dal 17 maggio 2021.

A 16 persone piace questo articolo


David Lee
David Lee
Senior Editor, Zurigo
Il mio interesse per il mondo IT e lo scrivere mi hanno portato molto presto a lavorare nel giornalismo tecnologico (2000). Mi interessa come possiamo usare la tecnologia senza essere usati a nostra volta. Fuori dall'ufficio sono un musicista che combina un talento mediocre con un entusiamso eccessivo.

Potrebbero interessarti anche questi articoli