Oppo Reno 4 Pro: la nuova classe che non esiste
RecensioneSmartphone

Oppo Reno 4 Pro: la nuova classe che non esiste

Dominik Bärlocher
Zurigo, il 17.10.2020
Collaborazione: Stephanie Tresch
Montaggio: Manuel Wenk
Traduzione: Leandra Amato
L'Oppo Reno 4 Pro non vuole essere uno smartphone di prima categoria. Però, in qualche modo lo è: non costa tanto, non è perfetto, ma ugualmente performante. Perché il marketing è così strano?

L'Oppo Reno 4 Pro è un fenomeno unico nel mercato, sia visivamente che nel contesto commerciale. Infatti, in qualche modo il Reno riesce a fare qualcosa che altri smartphone non sanno fare. Ed è blu.

Reno4 Pro (256 GB, Galactic Blue, 6.50 ", Doppia SIM, 48 Mpx, 5G)
–20%
399.–anziché 499.–
OPPO Reno4 Pro (256 GB, Galactic Blue, 6.50 ", Doppia SIM, 48 Mpx, 5G)

Reno4 Pro (256 GB, Space Black, 6.50 ", Doppia SIM, 48 Mpx, 5G)
–20%
399.–anziché 499.–
OPPO Reno4 Pro (256 GB, Space Black, 6.50 ", Doppia SIM, 48 Mpx, 5G)
Reno 4 Pro 5G (256 GB, Green Glitter, 6.50 ", Doppia SIM, 48 Mpx, 5G)
OPPO Reno 4 Pro 5G (256 GB, Green Glitter, 6.50 ", Doppia SIM, 48 Mpx, 5G)

Non c'è molto da dire sul telefono in sé. Tuttavia posso parlare dell’entusiasmante situazione di mercato.

Lo smartphone quasi di punta

L'Oppo Reno 4 Pro sarà lanciato questo ottobre al prezzo di circa 1000 franchi. Quindi appena sotto i prezzi degli smartphone di punta. Questo perché Oppo pensava che il telefono dovesse creare una nuova classe. O servire un mercato che esiste solo per metà in questa forma. Si tratta di una classe che è una specie di «centrocampo leggermente avanzato».

Il prezzo si deve anche alle specifiche. Se sei un fan degli smartphone top di gamma, lo sai già: 12 GB di RAM, schermo a 90 Hz e configurazione Triple Cam con 48 megapixel. Oggi, tutto ciò che supera la frequenza di aggiornamento di 60 Hertz è top di gamma.

La fotocamera è chiaramente top di gamma. Senza dubbio.
La fotocamera è chiaramente top di gamma. Senza dubbio.

Dal lato opposto, si tratta del System-on-a-Chip (SoC) Qualcomm Snapdragon 765. I telefoni di punta sono equipaggiati con la serie 800 o con la 865. Tuttavia: il 765 può gestire 5G. Sebbene il 5G nell'Oppo Reno 4 non sia autonomo (NSA), cioè basato sul 4G LTE, è comunque più veloce dell'LTE.

Il rovescio della medaglia è che il telefono è estremamente leggero. Le piattaforme 5G hanno ancora l'abitudine di essere pesanti. Dato che i produttori amano rimanere al di sotto del limite dei 200 grammi – un numero magico, quasi certamente derivante dallo stesso pensiero che «CHF 199.90 non è uguale 200 e quindi va bene» –, amano risparmiare sulla batteria a favore del ciucciatore di corrente 5G. Con una potenza totale della batteria di 4000 mAh e la piattaforma NSA, il Reno 4 Pro pesa 161 grammi senza la scheda SIM. Non è leggero solo per essere un telefono 5G, ma in generale.

Alla fine dell'intero processo di assemblaggio dell'hardware, lo smartphone quasi di punta è anche maneggevole. 161 grammi è vicino a «sembra scadente», perché un telefono dovrebbe avere un certo peso. Ma credo che questo limite si aggiri intorno ai 155 grammi, poco meno del peso dell’LG V30 del 2017. Il dispositivo è vecchio, ma è stato il primo telefono per cui mi sono chiesto se non fosse addirittura troppo leggero. La buona maneggevolezza del Reno 4 è supportata dalla piastra posteriore, leggermente ruvida.

La fotocamera che forse promette troppo

A proposito di piastra posteriore. C’è un camera bump che conosciamo. Lo abbiamo già visto. Forse da una società che prende il nome da un frutto.

Oppo Reno 4 Pro sinistra, iPhone 11 Pro Max destra
Oppo Reno 4 Pro sinistra, iPhone 11 Pro Max destra

Tutti probabilmente noteranno che il camera bump dell'Oppo Reno 4 è identico a quello degli iPhone, a parte la disposizione delle fotocamere. C'è una piastra posteriore opaca con una gobba lucida. Da qui le lenti sporgono su una seconda gobba. Sì, Oppo, pensavi che nessuno se ne sarebbe accorto. Eh beh...

Dietro le gobbe, che non sono affatto copiate dall'iPhone – nessuno se ne accorge – ci sono tre fotocamere. Quattro se si considera anche il sensore di profondità come una fotocamera. Tecnologicamente parlando, lo è, ma non scatta alcuna foto, fornisce solo dati telemetrici per le altre tre fotocamere, per ottimizzare l'immagine sia durante l'acquisizione hardware che durante il post-processing con l'intelligenza artificiale (IA).

Le altre tre fotocamere:

  • 48 megapixel, f/1.7 grandangolo
  • 8 megapixel, f/2.2, obiettivo ultra-grandangolare con campo visivo di 119°
  • Obiettivo macro da 2 megapixel, f/2.4

Sembra muoversi tra «Okay» e «Standard». Ad essere particolare, dice il materiale PR di Oppo, è soprattutto il sensore dietro l'obiettivo grandangolare. Il Sony IMX708 è particolarmente adatto per le riprese al buio. Oppo ha dato al Reno 4 anche la modalità notturna. Non è insolito quando si tratta di fotografia. Nei video, invece, lo è ancora, perché ci sono molti più dati che devono essere elaborati più velocemente e nessuno vuole aspettare che un video venga completamente rielaborato e salvato.

Inoltre, il video al buio è ancora particolarmente ben stabilizzato. «Resiste anche al tuo test in moto», è il motto dell’evento. Si tratta di un test con il quale ho finora messo in ginocchio ogni stabilizzazione della fotocamera. Perché ogni fotocamera dello smartphone è ottimizzata per la velocità di un pedone, al massimo di un corridore. Ma vuoi sapere cosa può fare veramente un sistema di questo tipo, devi usarlo esattamente nel modo in cui il produttore non intende farlo – in altre parole, sottoporlo a una prova di stress.

Di solito il produttore dice «ma questo non è il caso d'uso». Sì, lo so. È proprio per questo che lo sto facendo. Oppo, tuttavia, va lì e sfida apertamente a testare il sistema nel modo in cui non dovrebbe essere testato.

Quindi: la sera alle 23 sono sulla mia Harley nella speranza di tornare a casa prima della pioggia.

È stata la prima corsa. Dopo essere tornato sulla piazza di giro, dove c'è uno strano furgone, noto che Oppo si è messa il bastone tra le ruote da sola. Ci sarà pure una modalità video ultra night, ma non è attivata di default. Perché? C'è qualcosa che può rivoluzionare la videografia ed è spento di default? Seriamente?

La piccola luna. Questa è la caratteristica più reclamata del telefono. Accendila.
La piccola luna. Questa è la caratteristica più reclamata del telefono. Accendila.

Ok, modalità video ultra night – la piccola luna – attivata. Stessa corsa di nuovo, stessa speranza di rimanere asciutto.

Ne è valsa la pena? No. L’unica cosa è stata la possibilità di guidare di notte, alla rotonda e su entrambe le corsie. In termini tecnici di video, avrei potuto risparmiarmi il viaggio. Certo, ci sono alcuni colori che sembrano un po' più forti, ma la sensazione non lo è.

La stabilizzazione è comunque impressionante. L'immagine non ha indizi per stabilizzare nulla al di fuori del cono di luce del fanale. Tuttavia, l’immagine non traballa esageratamente. Ma il suono è un disastro e mi convince a testare finalmente i microfoni esterni sugli smartphone. Non ci siamo proprio.

In termini di fotografia, invece, l’Oppo Reno 4 Pro vince. È qui che dimostra di essere un vero fuoriclasse. Lo sapevi? Oppo ha progettato il Find X2 Pro con la migliore modalità notturna dell'attuale generazione di smartphone di punta. Nessuna macchina fotografica scatta foto notturne così belle come quella del Find X2 Pro.

Tranne il Reno 4 Pro.

Certo, ci sono i cieli azzurri, che non mi piacciono esteticamente, ma che sono tecnologicamente impressionanti. O arancione se l'inquinamento luminoso è grave. Oppo avrebbe potuto usarlo per fare pubblicità e tutti ne sarebbero rimasti enormemente colpiti.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Anche nel controluce abbagliante dello studio digitec la macchina fotografica si comporta così bene che il fanale di due metri di diametro davanti al mio viso non riesce a rovinare l'immagine.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Questo è un vero top di gamma. In generale, Oppo, perché non ti vanti della modalità notturna della tua fotocamera? È eccellente. Invece no: mi parla della modalità notturna video che non è nemmeno sufficiente. Perché?

O ancora meglio: perché non parli della tecnologia di ricarica? Oppo fa infatti qualcosa di molto intelligente. Le batterie ricaricabili sono di gran lunga uno degli elementi meno attraenti di uno smartphone. A nessuno importa cosa può fare una batteria. Fino al momento in cui l'icona in alto diventa rossa e il telefono suggerisce di passare alla modalità risparmio energetico o di ricaricare il telefono. Vuoi o una batteria grande o una tecnologia di ricarica rapida. Il Reno 4 Pro ha una batteria da 4000 mAh, o meglio 2x2000 mAh. Infatti, Oppo ha integrato il suo Vooc Charging, che suona quasi come la parola «Fuck», in grado di ricaricare il telefono a «una velocità di 65 watt». Per evitare che la batteria si surriscaldi, Oppo l'ha divisa. Questo permette di caricare il telefono da zero a cento in circa trenta minuti.

Altre aziende possono imparare molto da questa tecnologia. Ma no. Modalità notturna video.

Una parola sul linguaggio utilizzato

A proposito di marketing: Oppo fa molte cose nuove, compreso il linguaggio. Il produttore cinese è il leader del mercato quando si tratta di usare i termini in un modo inusuale. Quindi ecco un mio excursus.

Oppo parla di 256 GB di ROM, cioè memoria interna. ROM sta per «Read Only Memory» (memoria di sola lettura). È un po' sciocco, nel senso che i dati che si generano – ad esempio un'immagine o un video – devono essere memorizzati da qualche parte. In altre parole, ci vuole memoria sulla quale scrivere. Quindi non si tratta di ROM. Se usiamo il linguaggio dell'epoca d'oro dei registratori CD: RW, che significa Lettura/Scrittura, non ROM.

Un argomento a favore: la porta di ricarica e la tecnologia di ricarica
Un argomento a favore: la porta di ricarica e la tecnologia di ricarica

Quindi tutto questo è sensato tanto quanto lo è sostenere che l'Oppo Reno 4 Pro abbia 256 litri di memoria. Oppure, sai cosa, facciamo un po' di conti. Una pagina con il testo di riempimento «Llorem Ipsum» in Word ha 566 parole o 3815 caratteri, spazi inclusi. Salvato come TXT corrisponde a 4 KB. Questo significa che in Reno 4 Pro si possono salvare 244 160 000 000  caratteri. Oppure 64 000 000 pagine. O ancora 52 631.57895 volte l'edizione integrale de «Il Signore degli Anelli». L'Oppo Reno 4 Pro ha quindi 52 631 memoria del Signore degli Anelli, o più semplicemente: 52,6 memoria «gigalord».

Per quanto assurdi possano essere i miei gigalord come unità di memorizzazione, sono comunque migliori di ROM.

Poi c'è la questione della velocità di caricamento. Oppo è sfacciato e dice «velocità di carica 65 watt». I critici ora dicono che i watt non sono velocità. Questo può essere vero, ma tuttavia il watt è una buona indicazione della velocità di carica. I watt indicano la potenza. Pertanto, il problema non è la parola «watt», ma «velocità». Una «potenza di carica di 65 watt» sarebbe più corretto.

E questo è quanto. A proposito, l'Oppo Reno 4 Pro è disponibile anche in verde fluo. Penso che sia figo perché è oggettivamente figo? O perché ho già avuto così tanti telefoni neri che tutto ciò che non è nero mi sembra automaticamente fantastico?

A 22 persone piace questo articolo


Dominik Bärlocher
Dominik Bärlocher

Senior Editor, Zurigo

Giornalista. Autore. Hacker. Sono un contastorie e mi piace scovare segreti, tabù, limiti e documentare il mondo, scrivendo nero su bianco. Non perché sappia farlo, ma perché non so fare altro.

Smartphone

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli