Liner, retini, prodotti chimici: il divertimento balneare in giardino può essere una sfida

Martin Jungfer
Zurigo, il 07.07.2022
Traduzione: Leandra Amato

Se hai una piscina in giardino, puoi sempre fare un tuffo in acqua per rinfrescarti. Purché l'acqua sia pulita e invitante per una nuotata. Ma questo non è possibile senza lavoro e accessori vari.

Ehi, Martin, vecchio omonimo, ti sei semplificato la vita con la storia del montaggio di una piscina in giardino! Basta delegare la questione al fratello minore. Furbo.

  • Presentazione di prodottiFamiglia

    Con una piscina così non hai bisogno di andare in vacanza

Come operatore di piscine da giardino alla mia terza estate, posso e devo fornire alcune aggiunte. Dopo tutto, con una piscina di questo tipo il lavoro non si ferma mai. Sono necessari accessori e manodopera.

La copertura è fondamentale!

Nella prima stagione, la piscina fuori terra è rimasta nel nostro giardino per alcune settimane senza copertura. Brutto errore! In primo luogo, il vento ha portato in acqua foglie, polline e semi d'erba. In secondo luogo, diversi insetti, desiderosi di rinfrescarsi o disorientati, hanno trovato la morte annegandovi. E, come ora so, il materiale organico nelle acque di balneazione non favorisce la qualità. Quindi, metti sempre il coperchio! Esistono diverse varianti. Ho un liner che corrisponde al diametro della piscina. Questo si appoggia leggermente sul bordo, ha un cordino da stringere in modo da poter resistere almeno al vento leggero. Se soffia più forte o c'è un temporale, il liner tende a ripiegarsi.

In alternativa, esistono i cosiddetti liner solari che promettono un effetto di riscaldamento dell'acqua oltre alla protezione dal fogliame. In linea di massima, si tratta di liner a bolle d'aria, come quelle utilizzate per proteggere gli oggetti fragili durante la spedizione. Galleggiano sulla superficie dell'acqua, tengono lontano lo sporco e riducono il rischio che l'acqua si raffreddi troppo durante la notte.

Lo sporco deve uscire!

Ma non bisogna illudersi che la sporcizia non finisca sempre nell'acqua. Forse perché a Martin piace prima correre sull'erba, sporcarsi i piedi e poi – vietato – tuffarsi in piscina, con tanto di fili d'erba ai piedi. E naturalmente la crema solare, il sudore e le scaglie di pelle finiscono nell'acqua limpida insieme ai bagnanti. Il risultato è che l'acqua diventa torbida.

Una pompa filtro con cartuccia o una pompa filtro a sabbia sono un investimento ragionevole se non sono già incluse nel set. Dovrebbe funzionare per alcune ore al giorno, facendo circolare e pulendo l'acqua. Un timer con protezione dagli spruzzi d'acqua facilita la vita agli smemorati. A seconda dell'utilizzo della piscina, della quantità d'acqua e della sporcizia, è necessario cambiare il filtro ogni pochi giorni. I sistemi di filtraggio a sabbia richiedono meno materiale. La sabbia dura una stagione estiva prima di doverla sostituire.

Tuttavia, la pompa a filtro da sola non mantiene pulita l'acqua della piscina. Anche tu devi fare la tua parte. Le foglie o gli insetti più grandi devono essere rimossi con un retino. E aspettati anche che un po' di sporco si depositi sul pavimento. Puoi rimuoverlo con un aspirapolvere per piscine. Esistono versioni a batteria o i cosiddetti aspiratori Venturi che funzionano collegando il tubo alla pompa o a un tubo da giardino.

Cartuccia di ricambio S1 (filtri a cartuccia)
Sconto sulla quantità
4.35da 4 Pezzi
Intex Cartuccia di ricambio S1 (filtri a cartuccia)
276
Cartuccia filtro tipo A (filtri a cartuccia)
Sconto sulla quantità
8.50da 3 Pezzi
Intex Cartuccia filtro tipo A (filtri a cartuccia)
100
Sistema di filtri a sabbia Krystal Clear (sistema di filtraggio a sabbia)
210.–
Intex Sistema di filtri a sabbia Krystal Clear (sistema di filtraggio a sabbia)
40

L'acqua rimane limpida!

Se mantieni la piscina pulita come descritto sopra, riduci la necessità di prodotti chimici. Ciononostante: non si dovrebbe gestire una piscina fuori terra di grandi dimensioni, in cui non è possibile cambiare rapidamente l'acqua, senza un qualche tipo di prodotto chimico. Solo con una buona qualità dell'acqua è possibile prevenire la comparsa e la crescita di virus, batteri, alghe e funghi. Il materiale organico presente nella piscina ne favorisce la formazione. Proprio come l'acqua calda. Ma è proprio questo che si vuole, perché a nessuno piace entrare in piscina quando la temperatura dell'acqua è di 15 gradi.

Quindi entra in gioco la chimica: il più delle volte uso pastiglie di cloro, che dispiegano il loro effetto in modo lento e uniforme tramite un galleggiante. Quando mia figlia invita mezzo vicinato alla festa in piscina, uso anche il granulato di cloro rapido e faccio una clorazione d'urto la sera. In qualità di responsabile della piscina, di tanto in tanto prelevo anche dei campioni d'acqua per determinare il valore del pH e il contenuto di cloro, in modo che il dosaggio sia corretto. Se il valore del pH è troppo basso o troppo alto, si può ricorrere a sostanze chimiche. Questo perché il cloro è efficace solo a un valore di pH compreso tra 7,0 e 7,4.

Chi non vuole lavorare con il cloro può realizzare un sistema ad acqua salata. Non ho ancora provato personalmente.

Una terza alternativa per pulire l'acqua della piscina sono le pastiglie di ossigeno attivo. Irritano meno la pelle, quindi sono ottimi per le persone con pelle sensibile. Inoltre, non hai l'odore di cloro tipico delle piscine. Con l'ossigeno attivo, invece, è necessario tenere sotto controllo il valore del pH per evitare la formazione di alghe.

La dotazione comprende anche un flocculante per riunire alghe e calcare troppo piccoli per il sistema di filtraggio in particelle più grandi che poi si bloccano nel filtro.

Il verdetto: il lavoro dopo l'impostazione

Una piscina fuori terra si monta in circa due ore e viene riempita con acqua fresca dal rubinetto dopo qualche altra ora. Per mantenerla così per un'intera stagione, all'inizio non entro regolarmente in piscina, ma mi metto accanto ad essa, pesco foglie e insetti dall'acqua, aspiro il fondo, misuro la qualità dell'acqua e doso i prodotti chimici.

A volte è fastidioso, ma nel complesso è sempre soddisfacente vedere l'acqua limpida. E impongo anche delle regole ai bagnanti: chi ha sudato troppo deve prima lavarsi con il tubo da giardino, chi ha l'erba sui piedi deve passare prima attraverso un impianto di lavaggio dei piedi e, soprattutto, io posso avere pace e tranquillità in piscina e godermi un drink nel fine settimana.

A 14 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Giornalista dal 1997 con sedi in Franconia, sul lago di Costanza, a Obvaldo e Nidvaldo e a Zurigo. Padre di famiglia dal 2014. Esperto in organizzazione editoriale e motivazione. Focus tematico sulla sostenibilità, strumenti per l'ufficio domestico, cose belle in casa, giocattoli creativi e articoli sportivi. 


Giardino
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader