RecensioneMobile

Huawei P30 Pro: la perfezione di una piattaforma

Dominik Bärlocher
Zurigo, il 26.04.2019
Collaborazione: Stephanie Tresch
Traduzione: Leandra Amato
Il Huawei P30 Pro non ha rivali. Il telefono è così ben ottimizzato da non lasciare alcuna possibilità ad altri dispositivi. Ma, come sempre, sono i dettagli che fanno la differenza.

Le sue specifiche sono comuni a molti altri dispositivi di punta. Ma ciò che Huawei offre con il suo P30 Pro è la perfezione di un sistema. Il Huawei P30 Pro è ottimizzato per ottenere il più possibile dalle sue specifiche tecniche.

In altre parole: il Huawei P30 Pro è un vincitore.

Smartphone
P30 Pro (128GB, Breathing Crystal, 6.47", Doppia SIM Ibrida, 40Mpx)
Showroom
649.–
Huawei P30 Pro (128GB, Breathing Crystal, 6.47", Doppia SIM Ibrida, 40Mpx)

Riscrivi le Regole della Fotografia

Smartphone
P30 Pro (128GB, Nero, 6.47", Doppia SIM Ibrida, 40Mpx)
Showroom
649.–
Huawei P30 Pro (128GB, Nero, 6.47", Doppia SIM Ibrida, 40Mpx)
Smartphone
P30 Pro (128GB, Aurora Blue, 6.47", Doppia SIM Ibrida, 40Mpx)
649.–
Huawei P30 Pro (128GB, Aurora Blue, 6.47", Doppia SIM Ibrida, 40Mpx)
Smartphone
P30 Pro (128GB, Amber Sunrise, 6.47", Doppia SIM Ibrida, 40Mpx)
649.–
Huawei P30 Pro (128GB, Amber Sunrise, 6.47", Doppia SIM Ibrida, 40Mpx)

Qualsiasi cosa faccia la concorrenza, il P30 Pro è già un passo avanti. Da qui una canzone di lode per un dispositivo che si presenta molto modestamente sulla carta, ma che è più divertente da usare di quasi tutti gli altri dispositivi.

La mia amica batteria

Avendo recentemente parlato male delle prestazioni del Samsung Galaxy S10+, inizio concentrandomi sulla batteria. L'esperimento è semplice: venerdì mattina, alle 6 del mattino, stacco il P30 Pro dall’alimentazione e lo utilizzo normalmente come si fa con un telefono – WhatsApp, telefonate, mail, YouTube e così via – e aspetto che il P30 mi dica quando devo ricaricarlo.

Non mi aspettavo così tanto tempo senza ricarica.

L'avviso batteria appare dopo 52 ore
L'avviso batteria appare dopo 52 ore

Dopo due giorni e quattro ore, con il 20 percento di livello della batteria ricevo un avviso: per favore ricarica. 52 ore di uso intensivo. Impressionante! Certo, ricordo il mio Nokia 6210 che aveva bisogno di essere ricaricato ogni cinque giorni, ma quel passato è così lontano da averlo dimenticato parzialmente. Huawei lo riporta indietro.

Parlando di ricarica: consiglio un caricabatteria da 40 watt. Dovrebbe essere spedito con il telefono, ma io ne utilizzo uno diverso. Non so se sia incluso o meno. Comunque è questo:

Il risultato:

Dopo 31 minuti ho avuto di nuovo il 76% di batteria
Dopo 31 minuti ho avuto di nuovo il 76% di batteria

Dopo 31 minuti, la batteria si è ricaricata dal 56% al 76%. Sono davvero impressionato. La batteria dura più di 24 ore e non ho nulla di cui preoccuparmi.

Questo è di gran lunga il più grande e duraturo «effetto wow» del Huawei P30 Pro. Certo, anche le altre specifiche tecniche sono eccellenti, ma una buona batteria può cambiarti la vita e indica anche ciò che Huawei vuole ottenere con il P30.

Il punto in cui il marketing fallisce

Proprio come il Huawei Mate 20 Pro, il P30 Pro funziona con il Kirin 980 System-on-a-Chip (SoC). Niente di nuovo. I 6 GB di RAM non sono un’innovazione e che gli schermi AMOLED sono standard. Tuttavia, Huawei non ha semplicemente dormito sugli allori della tecnologia e della sua invenzione. L’azienda ha ottimizzato la piattaforma laddove possibile. Il Mate 20 Pro ha dimostrato tecnologicamente ciò che Huawei può fare – il P30 Pro dimostra tecnicamente ciò che ingegneri e programmatori possono fare.

È più veloce, più fluido e più comodo da usare di qualsiasi altro telefono Huawei. Tutto funziona in questo dispositivo, ha batteria e non rallenta mai. È così che dovrebbe essere uno smartphone: non un dispositivo imposto, bensì qualcosa che sta al tuo fianco e che è lì quando ne hai bisogno.

Pensiamo a come viene utilizzato uno smartphone nella vita quotidiana. Quando compri un telefono, provi tutte le sue nuove funzionalità. Spegni le luci e guardi come funziona la modalità notturna. Prendi un peluche e giochi con F-Stop in Aperture mode. Ma dopo pochi giorni, avrai bisogno solo delle funzioni utili per la vita quotidiana a seconda della situazione. Questo è il punto in cui il marketing non ha più nulla da dire. Altre specifiche diventano importanti: durata della batteria, calore, tempo di ricarica, qualità dello schermo e così via. Nella vita di tutti i giorni è più probabile che tu guardi YouTube per due ore, ti metti a letto guardando l'episodio «Love, Sex and Robots» su Netflix o leggendo Reddit piuttosto che aver bisogno di una qualsiasi delle opzioni della fotocamera. Questo è il punto in cui un telefono può e deve dimostrarsi utile a lungo termine.

Sono proprio queste caratteristiche quotidiane che Huawei ha migliorato. Ecco perché il dispositivo funziona molto meglio con specifiche paragonabili a quelle del Mate 20 Pro. Ma il potere grezzo del predecessore è stato ottimizzato. Il risultato? Non molto divertente, lo ammetto, ma un sacco di comfort e benefici.

Un po’ di time of flight

Il sistema di fotocamere del Huawei P30 Pro è impressionante. Come lo zoom ottico quintuplicato in una configurazione periscopica. Ciò significa che l'obiettivo della fotocamera periscopica, responsabile per lo zoom, è disposto ad angolo retto alle altre fotocamere. Un prisma riflette la luce e la proietta sul sensore del SoC, perpendicolare al corpo del telefono. Questo consente uno zoom ottico quintuplicato. Con lo zoom ibrido si ottiene uno zoom 10x. Se il software collabora, arriviamo a uno zoom digitale 50x.

Placeholder image
placeholder

placeholder

Funziona! Devo dire altro? Da solo è già abbastanza impressionante. Naturalmente l’immagine sul tuo schermo è estremamente instabile, perché ogni millimetro di movimento porta ad un'immagine radicalmente diversa quando si lavora con zoom 50x. Pertanto consiglio un treppiede o qualche esercizio con due gomiti su una base e una mano ferma.

Ho fatto la seguente foto con due gomiti su un muro:

La luna con zoom 50x
La luna con zoom 50x

Più impressionante, ma un po' più controversa in termini di estetica, è la modalità notturna. Quando scatti una foto in modalità notturna, il telefono apre l'obiettivo, ma raramente scende a f/0,95 – l'apertura più grande. Un test in uno studio quasi completamente buio dimostra che allo smartphone basta f/1.6. Probabilmente perché f/0.95 può essere raggiunto solo virtualmente e non con l'hardware. Le uniche fonti di luce erano un pozzo di ventilazione che permetteva alla luce di penetrare dalla stanza adiacente illuminata e il display TFT della Sony a7sii di Stephanie Tresch, produttrice video, con una diagonale dello schermo di tre pollici, cioè 7,62 centimetri.

Foto in modalità notturna
Foto in modalità notturna

I dati EXIF dell'immagine producono i seguenti valori:

  • Risoluzione: 10 megapixel
  • F-Stop: f/1.6
  • Tempo di esposizione: 8 secondi
  • Lunghezza focale: 5,56 mm
  • Sensibilità: ISO 6400

Ma se utilizzi una normale fotocamera con queste impostazioni nella stessa situazione, allora difficilmente verrà fuori un'immagine di questo tipo. Infatti, se guardi una foto su uno smartphone, la foto è già stata manipolata. Il software della fotocamera gioca un ruolo decisivo in questo senso: più un software è intelligente, migliore sarà l'immagine. Il sistema riconosce i colori dalle informazioni della foto e li perfeziona. Huawei ha però un punto debole: il programma non è particolarmente bravo a individuare le ombre. Siamo abituati ad avere le ombre nere nelle foto, o almeno scure. Come in questa foto, scattata in Aperture mode con f/0,95:

Aperture mode, f/0.95
Aperture mode, f/0.95

Ci sono parti nere piene e la notte appare come una notte dovrebbe apparire. Ecco una foto in modalità notturna:

Night mode
Night mode

Quindi, se vengono perfezionati tutti i colori, allora è chiaro che il nero notturno non è veramente nero, bensì blu scuro. Questo viene schiarito e così la notte sull'immagine diventa una distorsione da fumetto. La cosa positiva è che questo potrebbe essere risolto con un aggiornamento del software.

Dettaglio interessante: la modalità notturna del P30 Pro non è onnipotente. Infatti, niente funziona senza luce. Il sistema di fotocamere non ha bisogno di molta luce, bensì di una sorta di rumore di fondo di luce per dare al software ciò di cui ha bisogno: informazioni sull'immagine. Ha bisogno di contorni, forse un'idea di colore e di quanti più dettagli possibili. Un'istantanea in un parcheggio sotterraneo lo dimostra chiaramente.

Ma come già detto, dal punto di vista tecnologico, vale a dire l'interazione tra obiettivo e software, il Huawei P30 Pro non può essere accusato di nulla.

E mentre ci siamo, in modalità Pro, sono possibili scatti come questi:

Modalità Pro
Modalità Pro

Molto meglio, non trovi?

A proposito di software: la caratteristica mancante in tutti gli smartphone

«Ecco una cosa che non mi piace», dice Stephanie, ignorando di essersi appena imbattuta in una funzione che sarebbe utile a tutti gli smartphone e ai loro utenti.

Descrive come si sdraia sul divano di casa e guarda Netflix sul suo smartphone. Tiene il telefono davanti al suo viso e lo ruota di 90 gradi. Ci vuole un'eternità prima che il telefono si renda conto di quello che sta facendo e ruoti l'immagine di 90 gradi. Lo stiamo paragonando al Samsung Galaxy Note 9 e notiamo che questo smartphone reagisce più velocemente.

Questo non è dovuto necessariamente all'hardware, perché il sensore giroscopico, che determina l'orientamento del telefono, ha solo un’importanza secondaria. È il software che dice al telefono di ruotare l’immagine. E Huawei è più lento rispetto a Samsung. Noterai questo problema solo se non hai altro da criticare a questo telefono. Il livello di perfezione di questo telefono è qualcosa di mai visto prima.

E così abbiamo deciso che questa sarebbe una caratteristica davvero piacevole per Android come sistema generale, e anche per iOS di Apple: un'impostazione che dice al telefono quando ruotare l'immagine. Questa funzione può essere simile a quella di SwiftKey (Android e Apple iOS) , che consente di determinare la durata del Long Press. Raccomando almeno 200 millisecondi invece dei soliti 450. La funzione di rotazione potrebbe essere ancora più intuitiva: basta sedersi, modificare l'impostazione e premere un pulsante quando il punto di rotazione è raggiunto. Questo sarà l’angolo di rotazione di cui avrai bisogno in futuro.

Questa funzione non deve arrivare per forza, ma sarebbe utile.

Darklingking riceve una risposta

Devo ancora una risposta all'utente Darklinging. Nei commenti mi ha chiesto se vedo il P30 Pro come candidato per il titolo di «Smartphone dell’anno». Dopo qualche ora di gioco, non potevo ancora dare una risposta valida.

Ora, dopo qualche settimana di test, posso dirlo: sì. Il P30 Pro è un forte candidato per il titolo di «Smartphone dell’anno».

Finito. Comunque, se utilizzi la modalità notturna in condizioni di luce ragionevolmente buone, puoi simulare la luce dura e ottenere immagini piuttosto drammatiche. Così, solo per dire.

A 34 persone piace questo articolo


Dominik Bärlocher
Dominik Bärlocher
Senior Editor, Zurigo
Giornalista. Autore. Hacker. Sono un contastorie e mi piace scovare segreti, tabù, limiti e documentare il mondo, scrivendo nero su bianco. Non perché sappia farlo, ma perché non so fare altro.

Potrebbero interessarti anche questi articoli