Finalmente con HDMI 2.1: nuovi TV OLED LG
Novità e trend

Finalmente con HDMI 2.1: nuovi TV OLED LG

Luca Fontana
Zurigo, il 04.04.2019
Traduzione: Leandra Amato
La nuova linea OLED di LG porta un processore intelligente e finalmente anche HDMI 2.1. Inoltre, LG collabora con Amazon e Apple. Possiamo aspettarci grandi cose dal futuro.

Se ricevi un invito dal produttore di televisori e pannelli OLED LG, non puoi rifiutare. Soprattutto perché i televisori OLED offrono ancora la migliore qualità dell'immagine che si può ottenere pagando. La tecnologia si basa su diodi organici ad emissione di luce, che non solo producono l'immagine, ma anche la propria luce. Questo garantisce un nero perfetto, eccellenti valori di contrasto e quindi colori migliori.

*OLED vs. QLED**: scontro tra tecnologie di televisori
placeholder

placeholder

L'ambiente negli uffici di LG non rivela a prima vista tali requisiti di qualità. I televisori si trovano su podi di plastica, la luce nella sala conferenze è scarsa e la posizione ingratamente grigia. Non c'è un pomposo roadshow in stile Sony, né una presentazione in una suite chic sui tetti del Niederdorf di Zurigo come ai tempi da Samsung. LG preferisce lasciare che i nuovi televisori parlino da soli.

TV/>
OLED65B9 (65", 4K, OLED)
LG OLED65B9 (65", 4K, OLED)
TV/>
OLED65C9 (65", 4K, OLED)
Showroom
LG OLED65C9 (65", 4K, OLED)
TV/>
OLED65E9 (65", 4K, OLED)
LG OLED65E9 (65", 4K, OLED)

Secondo LG, quelli nuovi dovrebbero essere disponibili a partire da maggio 2019.

Il processore di immagini di seconda generazione

L'anno scorso, il processore Alpha 9 è stata la più grande innovazione di LG. A quest'ultimo è stato dato un significativo incremento delle prestazioni per visualizzare contenuti HFR (High Frame Rate) in risoluzione UHD o per aumentarne l'efficienza quando la sorgente non è HFR. Grazie all'inserimento di singoli frame neri, chiamati Black Frame Insertion (BFI), le immagini appaiono più fluide, ma senza il fastidioso effetto soap opera delle produzioni televisive a basso costo.

Inoltre, il processore ha migliorato la soppressione del rumore e aumentato i valori di contrasto dei singoli oggetti – sempre puntando alla migliore immagine possibile.

Im Test: *Der neue OLED-TV von LG** strebt nach Perfektion
placeholder

placeholder

Questo è importante perché LG non si stanca mai di sottolineare che il nuovo processore è più evoluzione che rivoluzione. Ecco perché non riceve un nuovo numero dopo Alpha, bensì l’aggiunta «Gen 2», caratteristica della seconda generazione.

Ciò vuol dire: il nuovo processore può fare tutto ciò che quello vecchio sa fare, ma è inoltre supportato da intelligenza artificiale e algoritmi di apprendimento. LG lo chiama «Deep Learning» o «AI Picture» e «AI Sound». Roba da marketing. In poche parole significa che il processore Alpha 9 Gen 2 analizza il materiale sorgente, lo confronta con un database e poi lo ottimizza. Mi ricorda quello che fanno anche i televisori Samsung 8K quando aggiornano i loro contenuti non-8K.

I processori Alpha 9 di seconda generazione sono intelligenti
I processori Alpha 9 di seconda generazione sono intelligenti

Grazie all’IA, i nuovi televisori OLED di LG sono progettati per testare i segnali video e audio in entrata molto più accuratamente di prima. Il processore non si limita a distinguere tra «film» e «notizie», ma riconosce anche se si tratta di un film horror o di una commedia romantica. L'immagine e il suono vengono ottimizzati di conseguenza. Secondo i rappresentanti di LG, un suono stereo a 2 canali dovrebbe persino poter essere convertito in un suono surround 5.1.

A proposito: l'intero scambio tra TV e database avviene online perché quest'ultimo viene aggiornato ogni paio di mesi con nuovi filtri e impostazioni. Se non ti piace, puoi disattivare il flusso di dati. In questo modo, la televisione funziona esclusivamente con il database locale.

Nelle impostazioni è possibile interrompere il flusso di dati tra TV e database.
Nelle impostazioni è possibile interrompere il flusso di dati tra TV e database.

Il nuovo processore è anche in grado di adattare l'immagine alle condizioni di luce registrate da un sensore intorno al televisore. Niente male. I televisori OLED sono generalmente meno luminosi dei loro concorrenti LCD. Ciò è dovuto al materiale organico con cui sono fatti i LED. Infatti, i nuovi OLED hanno una luminosità massima di circa 850-950 nit, come mi ha confermato un rappresentante LG. Il TV Samsung 8K-Q900R, d'altra parte, può brillare con una luminosità massima di 4000 nit. Perfetto per soggiorni luminosi.

OLED C9 di LG e il suo nuovo design con piede
OLED C9 di LG e il suo nuovo design con piede

Ma invece del nuovo processore Alpha 9, che aumenta semplicemente la luminosità per compensare la luce solare – che potrebbe provocare colori più chiari – si intona alle curve dei colori e delle tonalità. Dovrebbe essere più intelligente. E sembra anche interessante. Non posso ancora dire come sarà il risultato, ma lo testerò personalmente.

A proposito: tra tutti i modelli OLED, la serie B è stata l'unica ad avere un processore Alpha 7. Nessun cambiamento all'orizzonte. Quest'anno la serie sarà dotata del processore Alpha 7 di seconda generazione. La tecnologia è identica, ma con una potenza di calcolo inferiore rispetto all'Alpha 9.

HDMI 2.1 rende felici gli appassionati di immagini, suoni e giochi

Finalmente a bordo: HDMI 2.1 su tutte le porte. Grandioso! Infatti, HDMI 2.1 aumenta enormemente la larghezza di banda in cui scorrono i flussi di dati tra dispositivi esterni e televisori tramite cavi HDMI. Una questione spesso trascurata.

*UHD, 4K und 8K**: Die wahre Bedeutung der Datenübertragungvideo
placeholder

placeholder

Questo è particolarmente importante per gli appassionati di immagini, suoni e videogiochi. Infatti, HDMI 2.1 non è adatto solo per il trasferimento di contenuti 8K tramite cavo HDMI – per non parlare del fatto che i tempi non sono comunque abbastanza maturi per l'8K – ma offre anche vantaggi molto più interessanti per il presente. In sostanza si tratta di:

  • trasmissione di metadati HDR dinamici come ad esempio per Dolby Vision;
  • file audio non compressi grazie a eARC, ad esempio per Dolby Atmos o DTS:X;
  • velocità di aggiornamento variabile per i giochi senza interruzioni, se la composizione dell'immagine e la velocità di aggiornamento non sono sincroni;
  • frequenze di ripetizione dei fotogrammi fino a 120 fotogrammi al secondo (FPS) con risoluzione UHD, anche durante il gioco.

Per i giocatori è interessante anche il nuovo supporto della modalità Auto Low Latency Mode (ALLM). ALLM è una funzione definita nello standard HDMI 2.1 che rileva i segnali di gioco e colloca i dispositivi collegati in una sorta di modalità di gioco. Ad esempio, la console di gioco, che a sua volta è collegata a un ricevitore AV o a una soundbar e da lì collegata al televisore. Se tutti i dispositivi supportano ALLM, vengono disattivati gli algoritmi di elaborazione delle immagini non necessari, in modo che l'immagine arrivi dalla console al televisore con una latenza più bassa possibile.

LG vuole conquistare anche i gamer di console?
LG vuole conquistare anche i gamer di console?

È entusiasmante perché gli utenti non devono imbattersi in menu su tutti i dispositivi per configurare le impostazioni per il gioco e disattivarle per guardare un film. Ultima nota importante per i gamer: l’input-lag in modalità di gioco, dovrebbe essere di 13 millisecondi, anche con qualità dell'immagine UHD-HDR e suono Dolby Atmos.

Assistente Google, Alexa e AirPlay 2

Prima le buone notizie: i nuovi TV OLED non solo offriranno il supporto completo dell’Assistente Google tramite ThinQ AI, ma saranno anche in grado di comunicare con Alexa di Amazon. Inoltre LG, come Samsung prima, collabora con Apple. Così viene supportato AirPlay 2 e dovrebbe essere possibile trasmettere contenuti iTunes e Apple TV direttamente sul televisore senza il set-top box Apple.

Wow! C’è solo un problema: tutto questo per il momento non è disponibile in Svizzera. Nessuno ha potuto confermare una data di uscita esatta: «Quest'anno, ma più probabilmente nel corso della seconda metà dell’anno», secondo i rappresentanti. Me lo ricordo: l'anno scorso ci hanno detto la stessa cosa sull’Assistente Google, ma lo stiamo ancora aspettando. Pertanto, non sono ancora stati compiuti progressi reali nella confusa giungla delle licenze. O almeno non in Svizzera. «In Germania, questi servizi funzionano già perfettamente», mi viene detto. Fa male sentirselo dire.

Prospettive mozzafiato: televisori OLED 8K e OLED avvolgibili

Seguendo la tendenza secondo la quale tutto ciò che contiene più o meno un software avanzato viene chiamato intelligenza artificiale, LG mette una «IA» davanti ad ogni parola di marketing. Può pensare, può imparare, può credere. Oppure no. Mettendo da parte il mio cinismo, mi rendo conto che LG ha evoluto sensibilmente il suo portfolio OLED e non ha cercato di riparare danni inesistenti. Bene.

Anche quest’anno, LG rientrerà nella categoria dei migliori produttori di televisori.
Anche quest’anno, LG rientrerà nella categoria dei migliori produttori di televisori.

Ma l'anno OLED sarà davvero emozionante a partire dalla seconda metà, quando arriverà sul mercato il primo televisore OLED 8K della storia – con ben 88 pollici. Una dimensione con la quale è possibile sfruttare davvero le potenzialità di un televisore 8K. Ma nessun rappresentante di LG ha voluto parlare di prezzi. Forse perché sono estremamente alti?

La vera star sarà comunque il TV OLED avvolgibile, che ha fatto scalpore al CES 2019 di Las Vegas vincendo diversi Innovations Award e che sarà disponibile da noi a fine anno.

Non vedo l’ora di poter vedere lo schermo OLED, che si avvolge in una scatola che fa sia da mobile TV che da sistema soundbar 4.2 con 100 watt di potenza.

A 20 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana
Editor, Zurigo
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Potrebbero interessarti anche questi articoli