Endura Pro SL sul banco di prova
Presentazione di prodottiSport

Endura Pro SL sul banco di prova

Patrick Bardelli
Zurigo, il 04.05.2021
Traduzione: Sanela Dragulovic
Endura presenta la giacca softshell impermeabile Pro SL, un pezzo che tutti i ciclisti dovrebbero avere nel loro equipaggiamento. Un prodotto senza nonsense è quello che promettono gli scozzesi. E quasi mantengono la promessa.

5°. In lettere: cinque gradi Celsius. In più pioggia a catinelle. No, questo non è l'ultimo bollettino meteo dalla Scozia. Questo è il bollettino meteo del pomeriggio di sabato 1° maggio, nella Svizzera nord-occidentale.

Ero fuori in bicicletta a testare una giacca softshell impermeabile. Per l’esattezza la Pro SL, fornitami da Endura per la prova. Endura? Un interessante brand scozzese, che in realtà ha le sue radici in Australia.

Dalla Scozia all'Australia alla Cina

La storia di Endura inizia con un furto. Il fondatore dell'azienda Jim McFarlane ha trascorso un po' di tempo in Australia, dove si è unito a un gruppo di ciclisti che gareggiava in eventi di triathlon a squadre. Durante uno di questi eventi, la sua attrezzatura fu rubata e Jim fu costretto a cercarne una nuova. Tuttavia, l’offerta disponibile si rivelò rapidamente molto deludente e così Jim decise che al suo ritorno nella sua nativa Scozia avrebbe provato a produrre lui stesso abbigliamento da ciclismo. Nel 1993 fonda a Edimburgo Endura.

Nel frattempo, l'azienda è diventata uno dei big per quanto concerne l’equipaggiamento per ciclisti. Fino alla fine del 2019, gli scozzesi sono stati il fornitore principale della squadra spagnola Movistar Team. L'ex velocista tedesco Marcel Kittel è uno degli ambasciatori del marchio, così come i fratelli MTB Atherton e molti altri nomi noti.

E così, negli ultimi 30 anni, Endura si è sviluppata da una piccola start-up a un nome affermato che mantiene parzialmente la sua promessa no-nonsense: «FROM OUR FACTORY IN SCOTLAND ...» si rivela essere una bugia quando si dà un'occhiata più da vicino all’etichetta stessa. La giacca Pro SL Softshell è MADE IN CHINA.

La frase pubblicitaria...
La frase pubblicitaria...
... e la dura realtà degli affari.
... e la dura realtà degli affari.

L’unico nonsense

Il marketing di Endura ha bisogno di qualche rivisitazione. La descrizione del prodotto non ha senso. Danneggia la credibilità. Ed è un peccato, perché la giacca non è un prodotto senza senso. Al contrario.

Il materiale impermeabile e traspirante dovrebbe tenermi caldo durante il mio test, e con le cuciture sigillate, anche asciutto. Un sistema a tre scomparti e una tasca di sicurezza posteriore con cerniera, più una tasca frontale sul petto con cerniera, forniscono uno spazio più che sufficiente per il mio tour di due ore. Nel taschino davanti metto le chiavi di casa. Tengo lo smartphone nella tasca posteriore e due barrette energetiche in uno dei tre scomparti sul dorso. Nel caso di un giro più lungo rimangono altri due scomparti dove infilarci qualcosa da mangiare. O per i guanti e gli scaldamuscoli, se dovesse fare più caldo. Cosa che oggi non succede.

Ci sono anche grandi cerniere su entrambe le braccia per la ventilazione. Ma anche quelle rimangono chiuse. Felice di mantenere l'aria calda all'interno. Gli elementi riflettenti hanno lo scopo di rendermi più visibile agli altri, sia al crepuscolo che durante una gita notturna.

Il produttore mi ha fornito una giacca in taglia M per il test. Poiché la Pro SL è tagliata piuttosto stretta, è quasi un po' troppo attillata per me. Tuttavia, dato che sotto indosso solo una maglia leggera a maniche lunghe, non mi dà fastidio durante la guida. Per i miei quasi 180 centimetri, la taglia L non sarebbe sicuramente stata troppo grande. E il look? Molto british, direi, senza fronzoli superflui di design. Solo il colore è molto appariscente. Oltre all’arancione, la Pro SL è anche disponibile in nero.

La tabella delle taglie di Endura

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Prima impressione: un prodotto no-nonsense

Dopo due ore sotto la pioggia a dirotto, ne ho abbastanza e torno a casa. Una volta lì, mi rendo conto che sono bagnato fradicio. Addirittura anche le calze e ne sento il peso. Salopette, pantaloncini, scaldamuscoli? Tutto zuppo.

Bagnato fino al midollo.
Bagnato fino al midollo.

E sopra? La giacca Pro SL Softshell ha tenuto. Ma non solo: mentre le mani sono bagnate nonostante i guanti e le dita dei piedi già leggermente in ipotermia, il clima nella giacca è piacevolmente caldo e asciutto. La giacca è davvero super. Non c'è dubbio. Con un prezzo di oltre 200 franchi, c'è anche da aspettarselo. Questo è il mio punto di vista. Ci sono anche altri produttori che realizzano giacche comparabili a prezzi più bassi. Per esempio, Gore Wear con la C5 Gore-Tex Active Jacket o Giro con la Chrono Expert Rain Jacket. Ma cosa significa costoso? Tutti noi abbiamo il nostro sistema di valore. Pertanto, è molto personale. Una raccomandazione di acquisto da parte mia? Assolutamente sì. Anche per oltre 200 franchi. E se il marketing di Endura eliminasse gli adesivi ingannevoli sui loro prodotti, non ci sarebbe più nulla di cui lamentarsi.

The End?
The End?

Questo articolo è scritto liberamente e riflette solo la mia esperienza personale.

A 23 persone piace questo articolo


Patrick Bardelli
Patrick Bardelli

Senior Editor, Zurigo

What matters isn’t how well you play when you’re playing well. What matters is how well you play when you’re playing badly.

Sport

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli