RecensioneSmartphone

Carbon Mobile 1 Mk II: non comprare questo smartphone

Dominik Bärlocher
Zurigo, il 16.03.2021
Traduzione: Leandra Amato
Un'amara delusione: il Carbon Mobile 1 Mk II è stato annunciato in grande stile, ma è un pezzo di spazzatura. Fatta eccezione per il retro in carbonio.

L'utente Nimrod87 scrive nella colonna dei commenti: «Un tuo articolo su Carbon Mobile sarebbe interessante».

«Vaporware», penso. Qualcosa che è stato annunciato in grande stile, ma che poi non è mai arrivato sul mercato. Infatti, Carbon Mobile, un produttore tedesco con radici negli Emirati Arabi Uniti, si aggira nel mondo della tecnologia dal 2016. C'era uno smartphone che veniva mostrato alle fiere. I giornalisti lo hanno tenuto in mano. Ma non è mai arrivato sul mercato.

Pertanto: vaporware

Tre giorni dopo, ricevo un Carbon Mobile 1 Mk II.

Carbon 1 MK II (256GB, Fibra di carbonio originale, 6.01", Doppia SIM + SD, 16Mpx, 4G)
799.–
Carbon Mobile Carbon 1 MK II (256GB, Fibra di carbonio originale, 6.01", Doppia SIM + SD, 16Mpx, 4G)

Vorrei che questo aggeggio fosse rimasto vaporware. Perché a parte il carbonio, il dispositivo è spazzatura.

Come ho imparato a odiare il Carbon Mobile 1 Mk II

Il Carbon Mobile 1 Mk II pesa 126 grammi. Centoventisei. È pochissimo. Carbon Mobile vuole far credere che la ragione sia il carbonio – perché il carbonio è più leggero del vetro e anche del metallo. Giusto. Anche se voglio sbattere il Carbon Mobile contro il muro, non voglio distruggerlo, quindi ho smontato un vecchio iPhone 11 Pro Max. L'anno scorso. La batteria pesa 57 grammi per un peso totale di 228 grammi. La piastra posteriore, che è la parte in carbonio di Carbon Mobile, pesa 80 grammi.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Ma Carbon Mobile non ha solo lesinato sul materiale sul retro. Anche la batteria è piccola. Possiamo anche calcolare quanto pesa la batteria dell'1 Mk II, se possibile. La batteria dell'iPhone da 57 grammi ha 3969 mAh. Quella del Carbon Mobile ha 3000 mAh.

57/3969*3000 = 43,0839002268

La batteria dovrebbe pesare 43,1 grammi, circa un terzo del peso totale di 125 grammi. Posso più o meno calcolarlo, dato che entrambi i telefoni si basano sulla stessa tecnologia della batteria. Con il system-on-a-chip (SoC), questo calcolo non funzionerebbe. Perché dove l'iPhone 11 Pro Max ha un aggiornato A13 Bionic incorporato, Carbon Mobile ha pensato di integrare la tecnologia dell'età della pietra.

Il MediaTek Helio P90 installato è stato introdotto nell'anno 2018 come SoC di fascia media superiore. In breve: il tuo tostapane probabilmente ha più potenza di elaborazione dell'Helio. E non ti è costato 800 franchi.

Perché è questo che mi ha fatto arrabbiare. Come osa un produttore far pagare prezzi così alti per qualcosa che nel migliore dei casi ha le prestazioni di uno spazzolino elettrico?

Ancora meglio: l'Helio è così obsoleto che consuma un sacco di energia. Altri produttori stanno costruendo i loro SoC su un'architettura a 5 nm. Detto in parole semplici: più piccolo è il numero di nm, più lunga sarà la durata della batteria. L'A13 Bionic gira su 7 nm, l'attuale A14 Bionic gira su 5 nm. L'Helio P90 gira su 12 nm. Dodici.

Beh, la batteria durerà comunque per sempre, visto che la voglia di utilizzare il Carbon Mobile 1 Mk II passa in fretta.

Errore di ortografia sul sito ufficiale: scadente, anche se corretto parzialmente.
Errore di ortografia sul sito ufficiale: scadente, anche se corretto parzialmente.

Poi, come ciliegina sulla torta, Carbon Mobile non sembra essere del tutto sicura di come si chiami l'hardware del proprio telefono. A volte scrivono «MediaTek» sul loro sito web, altre volte «MEDIATEK» e fino a pochi giorni fa c'era scritto «ediatek», senza la M.

Software dall'inferno

Quando costruisci un telefono come produttore di telefoni Android, investi gran parte del tuo budget nell'hardware. Bene, perché è così che fornisci prestazione. Carbon Mobile deve investire di più, perché finora solo poche fabbriche sono in grado di produrre la piastra posteriore in carbonio. Questo rende il processo di produzione più costoso. Per farlo funzionare poi, Google ha pronta una distro Android universale, rapidamente aggiornata e mantenuta da Google. Android One è veloce da aggiornare, ha un aspetto elegante. Tutto ciò che un produttore deve fare è operare alcune interfacce per essere compatibile con Android One.

Non così per Carbon Mobile.

No, il produttore arabo-tedesco ha pensato «non sarà così difficile» e si prepara a lanciare la propria distro Android. Non sembra così male. Nero e blu, rifinita in modo elegante. Così accendi il telefono, installi alcune applicazioni e ti rendi conto: vengono tutte visualizzate a destra della schermata iniziale. Bene, tu non li vuoi lì, ma ogni distro Android lo fa. Cancelli i widget dalla seconda schermata.

La schermata iniziale infinita.
La schermata iniziale infinita.

Due minuti dopo, sono tornati.

Il dannato Android di Carbon non permette di rimuovere le app dalla seconda schermata iniziale. Mi ricorda il mio HTC Desire del 2010. Potevo farlo su Android 2.2. Carbon Mobile ha distrutto Android 10 così bene, che questa funzionalità vecchia di undici anni non funziona più. Supponiamo che ci sia uno sviluppo normale in corso: quanto hanno fallito i test interni del software per portarlo sul mercato? Per 800 franchi!

Che sfacciataggine.

Fotocamera del 2013

A proposito di sfacciataggine: dai un'occhiata alle foto della fotocamera del Carbon Mobile 1 Mk II.

Catastrofe
Catastrofe

L'immagine a piena risoluzione.

Per confrontare: stessa immagine dalla fotocamera dell'Oppo Find X3 Pro, un vero top di gamma. Il treppiede rimane nello stesso posto. Tutte le impostazioni sono ai valori predefiniti.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Immagine a piena risoluzione

E Carbon Mobile ne è anche orgogliosa: «Take Photos like a Pro» è quello che scrivono sul sito tedesco che, a parte qualche eccezione, è solo in inglese. Cari colleghi e colleghe, la parola «Über» non rende un sito web tedesco. Beh, questo potrebbe avere qualcosa a che fare con il fatto che Carbon Mobile non sia una società tedesca. Si tratta di un'azienda del settore internazionale, quindi non appartiene veramente a una nazione. In Germania, Carbon Mobile ha poi trovato terreno fertile per la sua start-up. Non c'è niente di sbagliato in questo, e a parte la scemenza di marketing «Born in Germany», che non significa davvero niente, non c'è davvero molta «germanicità» sul sito web.

Ciononostante: dovresti essere in grado di scattare foto come un professionista. Nel test della fotocamera, nella stessa gola naturale in cui ho testato l'Oppo Find X3 Pro, diventa chiaro cosa intende Carbon Mobile per «Pro».

Schifo.

Mi ricorda il mio HTC M8 del 2014. Le immagini avevano circa la stessa qualità.

La situazione peggiora con i video. C'è qualcosa che la fotocamera fa allo sfondo. E no, non è il tremolio della macchina fotografica. Il telefono è su un treppiede Manfrotto BeFree e sono a circa un metro di distanza.

Nota della giornalista video Stephanie Tresch dal montaggio: il video in alto è codificato così male, che Premiere Pro di Adobe non riesce a importare il file. Prima di poter lavorare con il video, ha dovuto farlo passare attraverso il convertitore video integrato in VLC Media Player. È lento, inefficiente, ma mangia praticamente tutto ciò che gli si lancia addosso...

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Sì, sì. Per professionisti. Chiaro.

Ma il carbonio!

Alla fine, ti ritrovi con un telefono che ha un retro estremamente bello. Il carbonio è un materiale stabile che può essere lavorato in qualsiasi forma con poco sforzo. Basta fare uno stampo, poi versare il carbonio e il gioco è fatto.

Ma: il carbonio è un conduttore elettrico e funge da schermatura. La schermatura è stupida se costruisci un dispositivo che si basa sulle radiazioni. Senza dati e ricezione cellulare, il tuo smartphone non serve a molto. Nel quotidiano tedesco Tagesspiegel, Firas Kahlifeh, CEO di Carbon Mobile, è citato per dire che la sua azienda è riuscita ad aggirare la cosiddetta gabbia di Faraday del materiale carbonio.

“ Il nuovo telefono in carbonio contiene parti fatte di un nuovo tipo di materiale «in grado di far funzionare le onde radio», dice Khalifeh. ”
Tagesspiegel, 26 febbraio 2020

Niccholas Vettiger di SLC Motobikes produce parti in carbonio per moto nella sua start-up di Wetzikon, Canton Zurigo. Ogni pezzo che avvita su una Harley o installa in una Yamaha è stato gestito dall'uomo con una laurea in ingegneria meccanica del Politecnico di Zurigo.

Tutto ciò che può essere carbonio è carbonio.
Tutto ciò che può essere carbonio è carbonio.
zVg

Niccholas fa notare una cosa: «La gabbia di Faraday non può essere aggirata. Scherma campi elettrici, che si basa su quantità fisiche, nessuno la aggira così rapidamente».

Respinge rapidamente la sua ipotesi iniziale che Khalifeh abbia usato una matrice diversa per tenere insieme le fibre di carbonio. Sarebbe possibile, ma questa la presupposizione è troppo delicata per lui. Uno sguardo alla piastra posteriore dal design interessante, tuttavia, sembra spiegarlo.

«Le parti nere, quelle senza disegni, sono probabilmente fatte senza fibre di carbonio. Ciò significa: non c'è alcuna gabbia di Faraday e le radiazioni possono attraversare la piastra posteriore».

Tecnologia in vendita (si spera)

Spero che Carbon Mobile si arrenda. Spero che Firas Khalifeh e co. gettino la spugna e vendano la tecnologia della piastra posteriore in carbonio a qualcuno che se ne intenda di smartphone. E che non ha la sfacciataggine di mentire sul suo sito web.

Se ti sei lasciato trasportare dal budget di marketing e dal super fantastico concorso «vinci una bici in carbonio abbinata al telefono» per il preordine, per favore restituisci il telefono. Meglio investire in una parte in carbonio per la tua moto. Ti garantisco che ne trarrai più piacere.

Dato che raramente c'è stato un telefono pessimo come il Carbon Mobile 1 Mk II, ho chiesto un commento al produttore poco prima di pubblicare la recensione. Ovviamente non ti nasconderò la risposta.

A 53 persone piace questo articolo


Dominik Bärlocher
Dominik Bärlocher
Senior Editor, Zurigo
Giornalista. Autore. Hacker. Sono un contastorie e mi piace scovare segreti, tabù, limiti e documentare il mondo, scrivendo nero su bianco. Non perché sappia farlo, ma perché non so fare altro.

Potrebbero interessarti anche questi articoli