RecensioneAudio

AirPods 3 alla prova: meglio comprare direttamente gli AirPods Pro

Martin Jungfer
Zurigo, il 04.02.2022
Traduzione: Giulia Gobbo

Con gli AirPods di terza generazione, Apple ha lanciato i suoi ultimi auricolari in-ear a ottobre 2021. Tuttavia, non li comprerei, perché gli AirPods Pro di due anni più vecchi mi convincono di più.

Ogni giorno ho la scelta: o i miei AirPods Pro, che ho da più di un anno, oppure mi metto gli AirPods di terza generazione. Ho preso questa decisione un centinaio di volte. All'inizio del mio test, ho alternato i due modelli ogni giorno. Li ho provati entrambi nella mia routine quotidiana di telelavoro, facendo il pendolare e durante le passeggiate. Ho ascoltato musica e podcast e ci ho fatto delle telefonate.

AirPods 3rd Gen. MagSafe Case (6 h)
165.–
Apple AirPods 3rd Gen. MagSafe Case (6 h)
824
AirPods Pro 2021 (ANC, 4.50 h)
204.–
Apple AirPods Pro 2021 (ANC, 4.50 h)
1684

Alla fine di gennaio, ho concluso il periodo di prova di tre mesi. Da allora, sono tornato esclusivamente ai miei amati AirPods Pro, a causa della loro unica funzione distintiva di cancellazione attiva del rumore. Mi manca la possibilità di bloccare il rumore dell'ambiente circostante quando uso gli AirPods. Naturalmente, non tutto il rumore e molto meno che con gli over-ear, ma per me è abbastanza.

Non c'è niente di male nei nuovi Apple AirPods di terza generazione. L'integrazione con il mondo Apple è perfetta, come me la aspettavo; quando sono in giro, devo solo tirarli fuori dalla loro custodia e si collegano all'iPhone o al MacBook. Alla scrivania di casa, invece, si collegano subito con il Mac mini. Non c'è alcuna differenza con gli AirPods Pro. È logico, dato che entrambi usano lo stesso chipset (H1) e un software molto simile.

Differenza irrilevante nella durata della batteria

In termini di durata della batteria, gli AirPods di terza generazione sono leggermente superiori: quattro ore di conversazione contro le tre ore e mezza della versione Pro. In termini di tempo di ascolto, il vantaggio è di un'ora e mezza. Se usi la custodia di ricarica e ci ricarichi gli auricolari più volte, il vantaggio si moltiplica con i cicli di ricarica. In totale, raggiungi 30 ore di ascolto con i nuovi AirPods e «solo» 24 ore con gli AirPods Pro. Nella mia vita quotidiana, la differenza non ha importanza. Di solito ho la possibilità di ricaricare gli auricolari prima che le batterie si esauriscano e normalmente durano fino all'ora di pranzo, a meno che non abbia troppe videochiamate in cui parlo molto. Questa attività usa notevolmente più batteria. Il fatto di poter caricare entrambi i modelli in modalità wireless rende la ricarica ancora più facile. Quando non uso gli auricolari, vanno nella custodia di ricarica e su un caricatore.

Buona musica e audio spaziale

I nuovi AirPods mi piacciono molto per ascoltare la musica. L'equalizzazione adattiva fa un buon lavoro. Secondo Apple, i microfoni rivolti verso l'interno degli AirPods permettono di misurare il suono che ho nell'orecchio e di migliorarlo. Il risultato mi soddisfa: i bassi sono sorprendentemente profondi e gli alti sono cristallini. Quando mi godo di nuovo il Concerto di Capodanno della Filarmonica di Vienna, sento il flauto traverso bene quanto la potente tuba.

Gli AirPods di terza generazione possono fare quasi tutto quello che fanno gli AirPods Pro, tranne la cancellazione del rumore.
Gli AirPods di terza generazione possono fare quasi tutto quello che fanno gli AirPods Pro, tranne la cancellazione del rumore.

Ciò che trovo più impressionante è l'audio spaziale. Dal testo di marketing non ho capito molto.

«L'audio spaziale con rilevamento dinamico della posizione della testa porta l'esperienza audio surround del cinema direttamente nei video o nei film che stai guardando, per un suono che ti avvolgerà completamente.»
Testo Apple sull'audio spaziale

Devi assolutamente provarlo. Io l'ho provato per la prima volta con una playlist per l'audio spaziale di Apple Music. Visto che ero così affascinato dal fatto che le cuffie «capiscono» in quale direzione giro la testa e adattano il suono, l'ho poi provato anche con i film su Apple TV. L'esperienza con gli AirPods si avvicina quindi al grande cinema, tranne per i bassi che non rimbombano nella pancia, ovviamente. Tuttavia, quando le mine esplodono per diversi minuti in «Greyhound», è sicuramente un'esperienza coinvolgente. Ora gli appassionati di home cinema possono storcere il naso. Mi rendo conto che non sto solo confrontando mele e arance, ma piuttosto una VW Maggiolino del 1967 con un'Audi R8 Spyder RWS.

La riduzione del rumore fa la differenza

A proposito, anche gli AirPods Pro hanno la funzione di audio spaziale. Così torno ai miei amati auricolari Pro. Certo, costano qualche franco o euro in più, ma la differenza è grande quanto il prezzo di una pizza famiglia ben condita.

Se paghi di più e prendi gli AirPods Pro, avrai una funzione extra cruciale: la cancellazione attiva del rumore. Il buon suono che entrambi i modelli offrono entra in gioco ancora meglio quando puoi bloccare i fastidiosi rumori ambientali. La stessa cosa vale per le chiamate. Se vuoi avere la trasparenza, puoi cambiare la modalità premendo il sensore. Gli AirPods Pro sono comodi da indossare grazie ai cuscinetti in silicone. Con gli AirPods, inizialmente ero preoccupato che il design aperto li avrebbe fatti cadere dall'orecchio di tanto in tanto. Posso rassicurarti che non succede, almeno non con me. Tuttavia, devi scoprire tu quanto bene la forma standard tiene nei tuoi padiglioni auricolari. Nel complesso, gli AirPods Pro restano meglio al loro posto nell'orecchio e danno una leggerissima sensazione di pressione, nonostante le prese d'aria di Apple, che dovrebbero equalizzarla. Faccio quindi una breve pausa dagli auricolari al massimo ogni due ore.

Gli AirPods, non nel mio orecchio, ma in quello più bello di mia moglie.
Gli AirPods, non nel mio orecchio, ma in quello più bello di mia moglie.

Verdetto: la differenza di prezzo è troppo piccola

Se non sei proprio un fan della cancellazione attiva del rumore e soffri anche della fobia del cerume, allora gli AirPods di terza generazione sono una buona scelta per te. In quel caso puoi risparmiarti la differenza di prezzo tra gli AirPods e gli AirPods Pro. Farai anche meno fatica a pulirli, perché i cuscinetti in silicone degli auricolari Pro richiedono più attenzione rispetto agli AirPods che sono fatti di una sola unità di plastica dura.

Tutti gli altri vantaggi degli AirPods, che sono due anni più recenti, non sono abbastanza rilevanti per me da voler scambiare i miei Pro con loro. Sì, i nuovi AirPods sono 2,2 grammi più leggeri, e sì, la custodia di ricarica è poco meno di sei millimetri più piccola, ma non l'ho mai notato nella tasca della mia giacca. Il balbettio fastidioso intorno a me che non riuscivo a bloccare, invece, lo notavo sempre.

A 52 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Giornalista dal 1997 con sedi in Franconia, sul lago di Costanza, a Obvaldo e Nidvaldo e a Zurigo. Padre di famiglia dal 2014. Esperto in organizzazione editoriale e motivazione. Focus tematico sulla sostenibilità, strumenti per l'ufficio domestico, cose belle in casa, giocattoli creativi e articoli sportivi. 


Audio
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader