Ultime notizie: la macchina da cucire è stata brevettata negli Stati Uniti 182 anni fa
Novità e trend

Ultime notizie: la macchina da cucire è stata brevettata negli Stati Uniti 182 anni fa

Maike Jensen
21.2.2024
Traduzione: tradotto automaticamente

Il modello fu sviluppato a partire da una serie di precedenti macchine ausiliarie per il lavoro manuale. Tuttavia, il suo inventore, Greenough, non riuscì a ottenere un successo commerciale.

Washington D.C.: John James Greenough riceve il primo brevetto statunitense per una macchina da cucire il 21 febbraio 1842. La macchina registrata dall'americano era destinata solo alla lavorazione del cuoio. Cucire pellicce e pelli era molto più complicato e richiedeva maggiore precisione. All'epoca, la pelle era un materiale importante, in quanto veniva utilizzata per realizzare capi di abbigliamento in gran parte impermeabili, oltre a oggetti di uso quotidiano come selle, briglie e sacche.

Questa esigenza ha fatto nascere la macchina per cucire.

Questa esigenza ha dato vita al modello di Greenough. Se vuoi dare un'occhiata, puoi trovare un'immagine qui. Il lavoro di foratura veniva eseguito con un punteruolo: uno strumento appuntito per praticare dei fori. Il tessuto veniva tenuto in posizione tra i morsetti. Un telaio mobile permetteva di eseguire punti in avanti o indietro a seconda delle necessità. La pelle veniva alimentata automaticamente dall'ago a una certa velocità. Un peso tirava il filo. C'era anche una funzione di arresto che spegneva la macchina se un filo si rompeva o diventava troppo corto.

Questo è l'aspetto di un punteruolo.
Questo è l'aspetto di un punteruolo.
Fonte: Ekaterina43/Shutterstock

Nonostante il brevetto, nessuna produzione industriale

Prima di John James Greenough, diversi artigiani intraprendenti avevano già lavorato allo sviluppo di una macchina per cucire. La prima a passare alla storia fu la versione in legno sviluppata dal calzolaio Thomas Saint nel 1790, durante la rivoluzione industriale. Fu utilizzata esclusivamente per la produzione di scarpe. Tuttavia, Elias Howe e Isaac Merritt Singer sono spesso citati come i veri padri della macchina da cucire, che portarono le macchine alla produzione commerciale poco dopo l'invenzione di Greenough e si coprirono a vicenda con cause di brevetto. Alla fine, entrambi si arricchirono grazie alle loro invenzioni.

Anche se Greenough fu il primo a ricevere il brevetto statunitense per la sua macchina da cucire, questa non arrivò mai alla produzione industriale. Tuttavia, Greenough riuscì a superare la mancanza di successo commerciale: possedeva numerosi altri brevetti più redditizi, tra cui quelli per paralumi, cerniere e telai. Dopo il suo impiego presso l'ufficio brevetti, lavorò anche come avvocato specializzato in brevetti e redattore di una gazzetta scientifica e morì solo nel 1908 alla veneranda età di 96 anni.

Meccanismo simile a quello di oggi

Una caratteristica comune a tutte queste macchine era la loro enorme dimensione e il fatto che fossero azionate meccanicamente dal piede. A prima vista, non assomigliavano molto alle pratiche macchine da cucire domestiche che conosciamo oggi. Tuttavia, il meccanismo di base, in cui un ago e un gancio collegano tra loro diversi fili, è rimasto invariato, come nel caso dei modelli disponibili nel nostro negozio: Questo modello del marchio Emerio con dodici programmi di cucito è particolarmente popolare, ad esempio.

Immagine di copertina: Polryaz/Shutterstock

A 9 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Originaria di Kiel, gattofila, amante del caffè e redattrice presso la sede di Amburgo – alla costante ricerca di «novità e tendenze» nei settori Sport, Salute, Fai da te, Arredamento, Per la casa ed Erotismo.


Rétro
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Per la casa
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Bricolage
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Commenti

Avatar