Te le ricordi ancora le macchine a vapore di Wilesco?
RetroscenaGiocattoli

Te le ricordi ancora le macchine a vapore di Wilesco?

Ramon Schneider
Zurigo, il 04.04.2022
Traduzione: Sanela Dragulovic

Mi hanno ispirato, coniato e anche frustrato. Ah, i giocattoli della mia infanzia. Uno di questi è la macchina a vapore di Wilesco.

Nel 1996 – avevo solo sei anni – mia madre mi portò a far visita a una sua ex compagna di scuola. I suoi figli erano entrambi più grandi di me. Uno aveva otto, l'altro dieci anni. Condividevano di gran lunga la miglior cameretta che avessi mai visto fino ad allora. In un angolo c'era un piccolo televisore con un Super Nintendo, sul tavolo un PC con uno schermo a tubo e sul pavimento due automobili telecomandate. Ero al settimo cielo e completamente sopraffatto allo stesso tempo. Non riuscivo a decidere dove guardare e ovunque guardassi scoprivo altri giocattoli. Poi ho visto un cilindro brillante con una ruota rossa. Una macchina a vapore di Wilesco.

Ai tempi mi interessava tutto ciò che aveva a che fare con la meccanica, quindi ho subito voluto sapere cosa fosse quella cosa. Il maggiore dei due fratelli mi ha mostrato come funzionava la macchina. Non avevo capito bene il meccanismo in quel momento, ma aveva a che fare con il fuoco e l'acqua e si muoveva. Ne ero affascinato.

Serve solo acqua e fuoco

Oggi il principio mi è diventato chiaro. Affinché la ruota giri, si deve prima generare il vapore. Per fare questo, la caldaia viene riempita d'acqua e riscaldata dal basso con un combustibile secco. Il vapore pressurizzato raggiunge poi l'unità attraverso tubi di ottone nichelato.

O come spiega il professor Bömmel nel film cult tedesco del 1944 «Professore, voglio Eva»: «Una macchina a vapore è un tubo con un buco sul retro e sul davanti. Uno dei buchi è la fornace. E l'altro buco... ne riparliamo più tardi». («En Dampfmaschin, dat is ene jrosse schwarze Raum, der hat hinten un vorn e Loch. Dat eine Loch, dat is de Feuerung. Und dat andere Loch, dat krieje mer später».)

Il vapore arriva al pistone attraverso un tubo dalla caldaia.
Il vapore arriva al pistone attraverso un tubo dalla caldaia.
Immagine: Wilesco

È possibile controllare la pressione tramite un fischietto per il vapore sopra la caldaia. Se fischia, significa che può partire. Per mettere in moto la ruota, basta darle una piccola spinta. Dopo di che, la ruota continua a girare da sola mentre il vapore muove un pistone avanti e indietro. A seconda del modello, la velocità della ruota può anche essere regolata tramite una valvola. Oppure, come aggiunge il professor Bömmel nel film: «Una valvola è dove entra qualcosa, ma non esce mai nulla». («E Ventil is, wo wat erein jeht, aber sein Lebjottstag nix erauskömmt».)

Questo è tutto. Meccanica semplice, ma grandiosa. Se questo non è abbastanza, puoi trasmettere la potenza a diversi modelli di trasmissione tramite cinghie di trasmissione. Wilesco ha vari modelli nella sua gamma. Da un trapano a una sega a nastro a una piccola giostra, il motore a vapore può alimentare tutto.

Da posate in alluminio ai giocattoli a vapore

Il nome Wilesco è l'abbreviazione di Wilhelm Schröder GmbH & Co, una fabbrica di metallo attiva a Lüdenscheid, nel Nord Reno-Westfalia, dal 1912. All'inizio, la fabbrica era una fonderia di alluminio e produceva principalmente posate e accessori per mobili. Più tardi, si aggiunse la pressofusione di zinco e alluminio, producendo una grande varietà di pezzi per l'industria automobilistica ed elettrica, così come appendiabiti e portasciugamani.

Vecchio poster pubblicitario di un cucchiaio da burro/apri-lattina Wilesco.
Vecchio poster pubblicitario di un cucchiaio da burro/apri-lattina Wilesco.
Immagine: Wilesco

Nel dopoguerra, a partire dal 1950, la Wilesco iniziò a produrre modelli di macchine a vapore. Da più di 70 anni, sempre più modelli sono stati aggiunti in una grande varietà di design. Oltre ai motori a vapore stazionari, anche gli esemplari mobili fanno parte della gamma Wilesco. Per esempio, un rullo compressore che può essere controllato tramite un telecomando. Nessuno può spiegarmi come sono fatte le macchine a vapore meglio dell'uomo che mi ha spiegato molte cose quando ero bambino: Peter Lustig.

Era su tutte le mie liste dei desideri

Dopo la mia visita alla migliore cameretta del mondo, volevo assolutamente avere una macchina a vapore come quella. Ero totalmente affascinato dal fatto che si poteva far muovere qualcosa con l'acqua e il fuoco. Non importa se per Natale o il mio compleanno: la macchina a vapore è sempre stata sulla mia lista dei desideri.

Ma purtroppo è stata la prima volta e l'ultima in cui ho messo le mani su una macchina a vapore di questo tipo. Non me ne è mai stata regalata una. I miei genitori probabilmente pensavano che avrei perso la gioia di giocarci dopo averla usata cinque volte. Oppure, hanno visto il prezzo di una tale macchina a vapore. Qui non si può parlare di grandi affari. I modelli piccoli partono da 150 franchi, quelli più grandi e le edizioni speciali vanno a diverse migliaia di franchi.

Oggi capisco le presunte ragioni dei miei genitori, ma ai tempi mi è crollato il mio piccolo mondo addosso.

A 86 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Andare in moto mi fa sentire libero, pescare lascia uscire il mio lato da cacciatore e dietro la fotocamera libero la mia creatività. Mi guadagno da vivere gingillando con i giocattoli da mattina a sera.


Giocattoli
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader