Maglie da calcio in fondo di caffè per il «club più verde del mondo»

Maglie da calcio in fondo di caffè per il «club più verde del mondo»

Michael Restin
Zurigo, il 02.03.2021
Traduzione: Nerea Buttacavoli
Tre tazze di caffè + cinque bottiglie di plastica riciclate = una maglia. La nuova divisa del «club più verde del mondo» fa scalpore – anche se la materia prima tessile è nuova solo per il mondo del calcio.

Quando un investitore si prende a carico il tuo club preferito in difficoltà, o sei fortunato o sei sfortunato. Forse verrà sventrato, lucidato a specchio e catapultato con miliardi da qualche simpatico stato petrolifero nella massima serie europea. O forse sei fortunato. Come i tifosi del Forest Green Rovers, che vogliono più che «mia san mia», «més que un club» o massimo successo. Il club di quarta divisione di Nailsworth, nell'ovest dell'Inghilterra, non è il giocattolo di qualche sceicco, ma è comunque leader mondiale: da qualche anno fa notizia come il «club più verde del mondo».

Non è stato necessario cambiare né il nome né i colori tradizionali del club fondato nel 1889; solo l'atteggiamento. Da quando lo sponsor Dale Vince ha scacciato la minaccia della bancarotta circa dieci anni fa, ha costantemente allenato il club alla sostenibilità. L’ultima trovata: invece di affidarsi a maglie a base di bambù come in passato, le future maglie del fornitore di attrezzature PlayerLayer saranno realizzate con fondi di caffè e plastica riciclata. Le maglie vogliono essere più leggere e più traspiranti del modello precedente. Non è una gag di marketing.

Naturalmente, tutto ciò che il club di punta affronta diventa oro anche sotto questo aspetto: attira l'attenzione sia sul club che sull'argomento. Le nuove maglie stanno facendo il giro del mondo come una prima nel calcio a pagamento. Eppure trovare resti di chicchi nel poliestere non è proprio una novità.

I fondi di caffè come materia prima tessile sono stati utilizzati da tempo da S.Café insieme a produttori come Vaude. Fondata nel 2009 dopo quattro anni di ricerca, l'azienda con il caffè nel nome ha sviluppato un processo per trasformare il prodotto naturale e la plastica usata in nuovo filato con benefici speciali. Cinque bottiglie di PET e tre cialde di caffè fanno una maglia.

Dopo il piacere un altro dovere: fondi di caffè come risorsa preziosa.
Dopo il piacere un altro dovere: fondi di caffè come risorsa preziosa.

Secondo Ecoworldonline, dei 25 miliardi di chilogrammi di fondi di caffè generati ogni anno, solo il quattro percento viene riciclato. La maggior parte finisce nella spazzatura, rilasciando metano e CO₂. Quindi ci sarebbero cose migliori da farci. S.Café combina il prodotto naturale con la plastica a basse temperature e alta pressione. Trasformati in filato, i fondi di caffè non solo sono ben conservati, ma assorbono gli odori, aumentano la protezione da raggi UV in maniera naturale e si asciugano rapidamente. La materia prima è anche usata in membrane come il Ceplex Green, per esempio in questa giacca da ciclismo.

Da un lato, questo processo non è nulla di nuovo, dall'altro è ancora relativamente sconosciuto. Finora, il mondo dello sport se n’è fregato. Ma non appena i Forest Green Rovers si infilano le loro maglie, la risposta dei media è notevole. Non c'è niente di male in questo. Attirare l’attenzione è nello spirito dell'associazione, che sta facendo tutto il possibile per ridurre la sua impronta ecologica e ispirare altri a fare lo stesso. La partnership con l'azienda tessile PlayerLayer di Nottingham, che sviluppa abbigliamento durevole e sostenibile con il motto «sport can drive change» (tradotto: «lo sport può guidare il cambiamento»), è in atto dalla stagione 2018/19. In primo luogo, il contenuto di bambù ha contribuito a dimezzare il fabbisogno di poliestere. Ora arriva il passo successivo con le maglie in caffè, che costituisce il 35% del materiale utilizzato.

Durante la partita in casa contro il Colchester United sabato scorso, è stato utilizzato un prototipo di maglietta per la prima volta, che sarà successivamente venduto e il cui ricavato sarà devoluto agli ospedali locali e a One Tree Planted. Nella partita finita 0:3, l'avversario ha potuto gioire almeno delle proprietà di assorbimento degli odori delle maglie. I Forest Green Rovers combinano il pensiero sostenibile con il successo sportivo: al momento sono secondi in League Two con due partite in meno e hanno gli occhi puntati sulla promozione.

L'uomo che ha guidato il Forest Green Rovers nel futuro è in grado di smuovere le cose, pur avendo un passato travagliato. A 15 anni, Dale Vince abbandona la scuola e vive una vita da drop-out prima di scoprire l'energia eolica, il suo acume negli affari e il tema della sua vita. Ecotricity lo ha reso ricco, la lotta contro il cambiamento climatico instancabile. Con il club di calcio verde dimostra cosa è possibile quando si ha volontà. In uno sport che ama vantarsi della sua presunta funzione di modello e ciononostante fa parlare di sé solo per eccessi finanziari e di altro tipo, il Forest Green Rovers è un'eccezione assoluta.

Tutto sul verde

Dal 2015, l’intero club è vegano come il capo. Niente più salsicce, niente più hamburger, niente più prodotti animali per gli accaniti amanti del calcio. Una scelta delicata, ma di successo. I tifosi stanno abbracciando il cambiamento radicale e il club sta trovando nuovi sostenitori in tutto il mondo. Nel 2017 è diventato il primo club a emissioni zero e nel 2018 ha ricevuto il «Momentum for Change Award» delle Nazioni Unite. Elettricità verde, un prato senza fertilizzanti chimici che viene falciato da un robot caricato a energia solare e annaffiato con acqua piovana, stazioni di ricarica e carburante biologico fatto con olio di frittura riciclato – il club dà l’esempio per il futuro.

Non sorprende che uno dei calciatori professionisti più interessanti, Héctor Bellerín dell'Arsenal FC, ha acquistato delle azioni. Uno che non ha paura di prendere posizione sulle questioni sociali e ha già sopportato diverse «shitstorm» per questo.

L’energia verde e le maglie di caffè sono lontane dall’essere il traguardo finale per il Forest Green Rovers. Il prossimo passo è quello di costruire un nuovo stadio in legno riciclato nel paradiso verde, progettato dallo studio dell'ormai defunta architetta di successo Zaha Hadid. E la decisione forse più discutibile negli ultimi anni al Forest Green Rovers è stata presa dai tifosi. In un sondaggio su Twitter sul nome del nuovo stadio, l’(esagerato) 81% ha scelto, per chissà quale motivo: Kevin. Per il resto, il piccolo club ha lasciato un’impronta sostenibile sul resto del mondo.

A 10 persone piace questo articolo


Michael Restin
Michael Restin
Editor, Zurigo
Scienziato sportivo, padre di alto livello e ufficiale di casa al servizio di Sua Maestà la Tartaruga.

Potrebbero interessarti anche questi articoli