Test del prodotto

Il mio prodotto più acquistato: adattatore da viaggio

Nel negozio Galaxus ci sono prodotti che non interessano a nessuno. E poi ci sono quelli che vengono acquistati di continuo, almeno da me.

Qualche settimana fa mi stavo preparando per il mio imminente volo in India. Il visto è stato confermato e persino stampato. Immodium, elettroliti e compresse per il mal di testa erano già pronti da tempo. L'unica cosa che non sono riuscita a trovare è l'adattatore da viaggio. Tanto per cambiare.

All'inizio dell'anno ne avevo comprato uno per il mio viaggio in Sudafrica. Lì ci sono prese così strane che su 309 prodotti del nostro negozio solo quattro si adattano, uno dei quali è molto scadente e due non sono affatto disponibili.

In ogni caso, ne ho ordinato uno e l'ho portato in Sudafrica. Dove l'ho anche lasciato, insieme al cellulare, al portafoglio e alla macchina fotografica. Se il cellulare l'ho dimenticato io, il portafoglio e la macchina fotografica mi sono stati sottratti con astuzia da alcuni uomini di Johannesburg.

L'anno precedente, in Turchia, la situazione era ben diversa. In quel caso non l'ho nemmeno portato. Così, ne ho acquistato uno in un centro commerciale di Malatya. Dato che il servizio non è stato dei migliori, il giorno dopo ci sono dovuta ritornare. Anche se i contatti erano parecchio allentati, sono riuscita a ricaricare il cellulare con l'adattatore numero due.

Tuttavia, non so che fine abbiano fatto questi esemplari. Forse in Turchia, forse in un armadio. Per l'India me ne serviva di nuovo uno. Un adattatore mondiale da poter utilizzare sempre e ovunque. Dopo le mie ultime esperienze non so se si tratta di ottimismo senza speranza o se ho perso il senso della realtà.

Ad ogni modo, l'adattatore è andato in India ed è anche tornato indietro. Tre giorni dopo, con molto orgoglio, ho fatto le valigie per un viaggio di lavoro a Belgrado in soli undici minuti. Cosa devo dire? L'adattatore non è nemmeno entrato in valigia. Ma questa volta non ce n'è stato bisogno, perché ho dimenticato anche il cavo del portatile.

È come se mancasse qualcosa ...
È come se mancasse qualcosa ...

Cosa mi fa più arrabbiare di tutta questa storia? Non i soldi sprecati. E nemmeno la fatica di dover trovare all'estero con conoscenze linguistiche limitate un adattatore compatibile con le spine protezionistiche svizzere. No, quello che mi infastidisce di più è che i miei colleghi di lavoro che erano con me a Belgrado sembrano non porsi problemi di questo tipo. Nessuno conosce il problema, nemmeno il disposofobico Simon Balissat, mi sono informata.

Ma forse tu. Spero. Almeno è quello che risulta dai dati di vendita dello shop Galaxus.

A 11 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Ampliare i miei orizzonti: si riassume così la mia vita. Sono curiosa di conoscere e imparare cose nuove. Le nuove esperienze si nascondono ovunque: nei viaggi, nei libri, in cucina, nei film o nel fai da te.


Per la casa
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

5 commenti

Avatar