RecensioneAudio

I LinkBuds di Sony convincono con un design particolare

Livia Gamper
Zurigo, il 28.02.2022

Ho testato i LinkBuds di Sony per dieci giorni. Il loro design è completamente nuovo. Gli in-ear aperti con un foro in mezzo sono tanto semplici quanto buoni, ma non sono adatti a tutti.

Una volta, mentre indossavo le mie cuffie con cancellazione attiva del rumore, non ho sentito il postino che ha suonato il campanello e sono dovuta andare direttamente alla filiale a ritirare un pacco. Con i LinkBuds nelle orecchie, questo errore non sarebbe successo. Infatti, con queste cuffie in-ear aperte, posso sentire l'ambiente circostante oltre alla musica; per esempio, il postino che suona il campanello, l'acqua che bolle in pentola, le macchine o i tram che si avvicinano.

LinkBuds (5.50 h)
136.–
Sony LinkBuds (5.50 h)
90
LinkBuds (5.50 h)
136.–
Sony LinkBuds (5.50 h)
90

I LinkBuds sono l'antitesi Sony delle cuffie con cancellazione del rumore. Il design è tanto semplice quanto sorprendente: c'è un buco al centro delle cuffie.

Le cuffie Sony sembrano due piccole ciambelle attaccate insieme – e queste ciambelle possono fare molto.
Le cuffie Sony sembrano due piccole ciambelle attaccate insieme – e queste ciambelle possono fare molto.

Sulla strada con le cuffie aperte

Metto subito alla prova i LinkBuds in bicicletta, nel traffico cittadino. Qui è di vitale importanza sentire le auto dietro di te e i bambini che giocano sul marciapiede. E guarda un po’, funziona. Con i LinkBuds, riesco a sentire abbastanza sulla mia bicicletta da non essere un pericolo per la sicurezza sulle strade di Zurigo. Ma prima imposto la musica a un terzo del volume – la sicurezza prima di tutto! Il volume può essere regolato toccando l'auricolare, così alzo il volume mentre aspetto al semaforo. Con il volume a tre quarti non riesco più a sentire il cinguettio degli uccelli sui rami, ma ancora abbastanza per pedalare in sicurezza.

Fortunatamente, a differenza di molte cuffie in modalità trasparente, il flusso d'aria non disturba il suono. I LinkBuds sono costruiti in modo tale che il vento non può soffiare direttamente attraverso.

Il vento non è un problema per i LinkBuds.
Il vento non è un problema per i LinkBuds.

Rispetto alle modalità Aware – quelle modalità in cui le cuffie chiuse raccolgono e trasmettono il rumore attraverso i microfoni – con Linkbuds senti il tuo ambiente così come è. Quindi non artificiale o troppo lontano. Poiché non possono avere la cancellazione del rumore a causa della loro costruzione, i LinkBuds sono naturalmente meno adatti per il pendolarismo mattutino in treno.

La stessa Sony afferma che le cuffie sono adatte anche per l'ufficio. Io la vedo diversamente. Se le chiacchiere dei colleghi d'ufficio insieme alla musica mi entrano nelle orecchie, non riesco più a concentrarmi sul mio lavoro. Solo in telelavoro, dove è più tranquillo, i LinkBuds hanno il loro pieno diritto di esistere.

Le cuffie sono inoltre adatte al jogging. Infatti, gli auricolari rimangono ben saldi nelle orecchie. Inoltre, dato che sono certificati IPX4 – cioè protetti contro gli spruzzi d'acqua – mi è permesso anche sudare o correre sotto la pioggia.

Confortevoli nelle orecchie

Oltre agli anelli di silicone già montati, che si mettono nell'orecchio, Sony fornisce anche quattro anelli aggiuntivi. Vale la pena provarli tutti. All'inizio ho pensato che Sony mi avesse mandato un auricolare scomodo, finché non ho capito che solo l'anello più piccolo si adatta al mio orecchio. Con l'anello giusto, le cuffie sono così comode che, senza musica, a volte mi dimentico di averle ancora nell'orecchio. Trovo che non avere attacchi in silicone o schiuma nel canale uditivo sia un cambiamento piacevole – anche se di solito mi piacciono molto gli in-ear. Il fatto che gli auricolari siano così comodi è dovuto anche al loro peso: un singolo auricolare pesa solo 4,1 grammi.

I LinkBuds si collocano nelle orecchie diversamente dal solito.
I LinkBuds si collocano nelle orecchie diversamente dal solito.

Inserire correttamente gli auricolari nelle orecchie richiede un po' di pratica, perché è insolito posizionare gli auricolari solo leggermente nel canale uditivo e non all'interno. All'inizio li ho spinti troppo dritti, poi non abbastanza lontani nel canale uditivo e il suono era distorto – ne sentivo solo la metà. Ma dopo aver fatto pratica una o due volte davanti allo specchio, l'inserimento corretto non è più un problema. Se posizionati correttamente nell'orecchio, i LinkBuds rimangono perfettamente in posizione.

I LinkBuds possono essere indossati senza problemi sotto un casco, un berretto o una fascia. Ma se un copricapo è troppo stretto, il sistema di controllo piuttosto sensibile può prendere decisioni proprie. Anche con un berretto sulle orecchie riesco a sentire ciò che mi circonda.

Tuttavia, anche l'ambiente circostante sente parte della mia musica, a seconda del volume di riproduzione. A causa del design aperto, con i LinkBuds esce un po' più di suono. In ufficio, tuttavia, nessuno dei miei colleghi si è lamentato del volume a tre quarti.

Il suono penetra di più verso l'esterno che con altri in-ear.
Il suono penetra di più verso l'esterno che con altri in-ear.

Il controllo da agente segreto

Sony ha dato ai LinkBuds un nuovo tipo di controllo: utilizzando l'opzione ad ampio raggio e i sensori integrati di Sony, è possibile controllare gli auricolari davanti all'orecchio, senza toccare direttamente l'auricolare. Per farlo, basta picchiettare la zona con un dito.

Se questo controllo è troppo strano per te: i LinkBuds possono anche essere controllati normalmente sull'auricolare stesso. In questo caso il controllo funziona in modo un po' più affidabile – ma trovo molto più piacevole non dover toccare gli auricolari nelle orecchie.

Puoi anche controllare i LinkBuds davanti al tuo orecchio.
Puoi anche controllare i LinkBuds davanti al tuo orecchio.

Nell'app, è possibile personalizzare il controllo e scegliere cosa succede quando si tocca. Tuttavia, Sony è piuttosto restrittiva quando si tratta di selezione. Quando voglio controllare la riproduzione avanti e indietro, non posso più mettere in pausa toccando. Se scelgo di mettere in pausa, non posso tornare indietro nella riproduzione. Posso impostare la riproduzione in modo che si fermi automaticamente quando tolgo l'auricolare dall'orecchio.

Mi piace il suono

Dal momento che i LinkBuds non si inseriscono direttamente nel canale uditivo come altri auricolari, il loro suono è un po' più delicato e meno conciso del solito – ma mi piace. Le persone che vogliono tanti bassi da far vacillare le orecchie non ameranno i LinkBuds. Il driver ad anello di Sony riproduce un suono naturale ed equilibrato.

Ascolto Now Or Never di Buvette alias Cédric Streuli. I LinkBuds riproducono l'intro in modo calmo, ma comunque accattivante. Poi entrano in gioco le voci; i LinkBuds hanno anche i medi sotto controllo. Solo i bassi potrebbero essere un po' più ricchi per le mie orecchie – questo è il problema dei bassi. Gli alti del sintetizzatore, invece, sono riprodotti in modo pulito, solo che in alcuni punti mi sembrano troppo chiari.

Se mi trovo in un luogo molto rumoroso, come una strada principale, il rumore affoga il suono dei LinkBuds. Oppure arriva solo una parte della musica.

Ascoltare la musica e sentire ancora i dintorni.
Ascoltare la musica e sentire ancora i dintorni.

Nell'app Sony Headphone (qui per Android e qui per iOS), puoi personalizzare il suono per mezzo di otto preset Sony o manualmente. Li ho provati tutti e alla fine sono tornata all'impostazione predefinita. Trovo i preset dell'equalizzatore esagerati; preferisco il suono naturale. Se si esagera con gli equalizzatori, anche il suono dei LinkBuds viene sopraffatto relativamente in fretta.

Nell'app è disponibile anche la funzione 360 Reality Audio di Sony. 360 Reality Audio è il formato di suono surround di Sony e la concorrenza di Dolby Atmos Music. Per utilizzare la funzione, però, bisogna prima fotografare le orecchie e analizzarle con l'app. L'app Headphone può essere utilizzata senza registrazione, ma Sony chiede costantemente un account.

Connessioni e batteria: no multipoint e batteria sufficiente

I LinkBuds supportano il Bluetooth 5.2 e i codec AAC e SBC. Mancano purtroppo il codec quasi lossless LDAC di Sony e AptX. Utilizzando il Fast Pair di Google, l'accoppiamento Bluetooth con un dispositivo Android viene stabilito in pochi secondi. Sotto iOS, l'accoppiamento deve essere fatto manualmente – nel mio caso funziona anche con un vecchio iPhone 7. Il processo richiede un momento, il pulsante deve essere premuto sul retro della custodia dei Linkbuds per circa otto secondi.

La connessione con Android e iOS rimane stabile e non ha drop-out – anche guardare video funziona senza latenze fastidiose. Ciò che richiede un po' di coraggio, tuttavia, è cambiare il dispositivo di riproduzione. Infatti, i LinkBuds non supportano il multipoint. Multipoint significa che un paio di cuffie può avere più connessioni Bluetooth attive – i Linkbuds non possono. Questo significa che devi rimetterli nella custodia per un breve periodo ogni volta che vuoi cambiare un dispositivo. Non c'è modo di ricollegare.

I piccoli auricolari devono tornare nella custodia per collegare più dispositivi.
I piccoli auricolari devono tornare nella custodia per collegare più dispositivi.

In termini di durata della batteria, i LinkBuds possono tenere il passo con la media della concorrenza nonostante le loro piccole dimensioni. Tuttavia, quando ascolto la musica ad alto volume, la durata della batteria non corrisponde alle cinque ore e mezza dichiarate da Sony, ma è di circa un'ora più breve. Nella custodia si ha un'autonomia aggiuntiva di dodici ore e una funzione di ricarica rapida: con 10 minuti di ricarica, si ottengono 90 minuti di autonomia. L'unica cosa che non si può fare con la piccola custodia è caricarla senza fili.

Qualità di chiamata convincente

I LinkBuds si comportano bene durante le chiamate. Rispetto a molte cuffie true wireless, che hanno una scarsa qualità di chiamata, la persona con cui parlo mi capisce chiaramente.

Puoi vedere la qualità della chiamata nel video qui sotto. Ho registrato una chiamata con il collega Luca Fontana tramite Microsoft Teams. Era abbastanza rumoroso in sottofondo, diverse persone stavano conversando a circa cinque metri di distanza.

A proposito: fare una telefonata vicino a una strada trafficata non è affatto una buona idea. Ma non lo farei comunque con nessuna cuffia aperta.

Conclusione: buone caratteristiche, ma non adatti a tutti

Sony ha dato alle cuffie LinkBuds un design completamente nuovo. Mi piace. Le cuffie sono perfette per fare jogging, andare in bicicletta o camminare: posso ascoltare la musica e non sono un pericolo per gli altri né per me stessa perché posso sentire tutto ciò che mi circonda. Hanno anche il loro posto a casa, ad esempio in telelavoro.

Tuttavia, i LinkBuds non sono adatti a chi fa spesso il pendolare e vuole pace e tranquillità. E anche le persone a cui piacciono molto i bassi, probabilmente, non ne saranno soddisfatte. Allo stesso modo, non posso raccomandare il loro uso in ufficio. C'è troppo rumore e quando la musica si aggiunge al mix, il sovraccarico cognitivo incombe.

A parte il nuovo design, i LinkBuds si distinguono rispetto ad altre cuffie true wireless in termini di buona qualità delle chiamate. E il controllo speciale è una bella caratteristica. In termini di prezzo, si collocano nella fascia media rispetto alla concorrenza. Inoltre, il design aperto rende i LinkBuds estremamente pratici.

A 37 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Le mie passioni: sperimentare e scoprire cose nuove. A volte qualcosa non va come dovrebbe andare o nel peggiore dei casi, qualcosa si rompe.
Sono dipendente dalle serie tv, quindi non posso fare a meno di Netflix. D'estate mi trovate fuori, sotto il
sole, al lago o a un festival musicale. 


Audio
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader