Jean-Claude Frick è un fanatico di smartphone e anche un esperto di comunicazioni mobili presso il servizio di confronto Comparis.
Jean-Claude Frick è un fanatico di smartphone e anche un esperto di comunicazioni mobili presso il servizio di confronto Comparis.

Costi degli abbonamenti di telefonia mobile: «Con gli abbonamenti combinati si approfitta della comodità»

Martin Jungfer
Zurigo, il 21.08.2020
Traduzione: Leandra Amato
Il mercato degli abbonamenti di telefonia mobile è molto combattuto. Gli operatori di rete utilizzano strategie di prezzo aggressive per attirare nuovi clienti. Jean-Claude Frick, esperto di telecomunicazioni presso comparis.ch, si chiede in un'intervista perché molta gente ha ancora abbonamenti così terribilmente costosi.

Jean-Claude è già seduto al tavolino davanti allo Starbucks alla Europaallee di Zurigo all'ora stabilita. Davanti a lui c’è un grande bicchiere di caffè. Ne ha bisogno per iniziare la giornata, come so dal periodo che ho trascorso con lui a Comparis. Il suo iPad Pro con Magic Keyboard è il suo ufficio mobile. Interrompe il suo lavoro alla tastiera per salutarmi – tanto calorosamente quanto consentito dal Coronavirus. Con un leggero colpetto al gomito. Lo prendo in giro perché ha solo due telefoni davanti a sé. Lui mi racconta alcune novità sul team di Comparis e io gli dico come sto dopo le prime settimane da Digitec Galaxus. Poi iniziamo.

Perché sono così poche le persone che cambiano il loro contratto?
Jean-Claude Frick: Molti hanno paura: è complicato, può andare male, si perde il numero. È una questione di testa. Ma oggi cambiare un contratto è molto semplice. Funziona da ben 15 anni.

Non devi fare molto, vero?
Esatto. Quando spiego alle persone che il nuovo operatore si occuperà di tutto, rimangono sorprese: chiarisce il periodo di disdetta, si occupa del trasferimento del numero e informa quando deve essere inserita la nuova scheda SIM.

È il cambio della scheda SIM che spaventa alcune persone? Anche. Ricordiamo ancora quando i contatti venivano memorizzati sulla scheda SIM. O quando si dovevano trasferire manualmente tutti gli indirizzi e i numeri di telefono ogni volta che si cambiava cellulare. Per fortuna oggi è tutto nel cloud.

E tuttavia alla gente in Svizzera non piace cambiare...
Ad esempio, lo si può vedere anche nell'assicurazione sanitaria. Si possono risparmiare 100 franchi al mese e ancora molte persone non cambiano. In Germania è diverso: l’avaro tedesco cambia anche per risparmiare due euro. In Svizzera, risparmiare 10 o 20 franchi al mese non è una motivazione sufficiente. Si dice spesso: «Troppo complicato... non è poi così tanto...». Immagino che siamo troppo benestanti per questo.

Quando cambiamo il nostro comportamento?

A questo punto, una breve escursione nella teoria: è una domanda che interessa sia gli scienziati che gli esperti di marketing: perché i clienti in molte situazioni non cambiano il loro comportamento, anche se sarebbe razionalmente sensato? Sia perché risparmierebbero un sacco di soldi cambiando l'assicurazione. Sia perché vivrebbero più sani se mangiassero più frutta e verdura. Le risposte a tali domande sono fornite, tra l'altro, dalla disciplina dell'economia comportamentale. Un modello ampiamente utilizzato è il «Modello comportamentale» di B. J. Fogg, un economista comportamentale dell'Università di Stanford negli USA. Per lui è chiaro: occorrono tre componenti per sviluppare un determinato comportamento:

  1. La motivazione per farlo.
  2. La capacità o l'opportunità di farlo.
  3. Qualcosa che ti ricorda di farlo.

Se manca uno dei componenti, di solito una persona non cambia il suo comportamento. Pensa a quando hai cambiato il tuo comportamento l'ultima volta. Forse qualcuno del tuo gruppo ti ha spinto a fare jogging. Magari qualcuno ti ha fatto immaginare di correre 10 chilometri prima o poi. E siccome sei fisicamente capace, hai tempo e ti sei anche comprato delle belle scarpe da corsa, hai la possibilità di farlo. All'improvviso, ora fai jogging regolarmente.

Con gli abbonamenti di telefonia mobile, spesso non abbiamo la motivazione per cambiare. Inoltre, sottovalutiamo la nostra capacità di cambiare. E i provider sono anche piuttosto bravi a non fornirci trigger o qualcosa che ci ricordi di farlo. Un trucco, ad esempio, è quello di effettuare il pagamento mensile con addebito diretto. In questo modo spesso ci si dimentica persino di quanto sia costoso il proprio abbonamento. Questo significa che la pubblicità ti fa pensare di passare alla concorrenza. E dovresti essere motivato da un prezzo più basso.

Jean-Claude, sai quante persone hanno ancora un contratto vecchio e quindi terribilmente costoso?
Non si sa. Ma ad esempio da Swisscom, circa il 70% ha un abbonamento combinato in un unico contratto: rete fissa, Internet, TV e telefonia mobile. Una cosa del genere ha senso per molte persone. Le singole parti, invece, sono molto costose. Sunrise fa lo stesso: l'obiettivo è vendere pacchetti. L'azienda sfrutta anche la comodità dei clienti che preferiscono avere tutto da un unico fornitore. Spesso il prezzo viene quindi dimenticato.

Un Frick dove stipula il suo abbonamento di telefonia mobile?
Swisscom.

Oh!
Sì, per un motivo molto semplice: la tariffa flat. Telefono molto, a volte per ore al giorno. Sono un gruppo target speciale: voglio tre schede SIM, un Apple Watch autosufficiente e molti dati roaming all'estero. E anche il 5G. Pagherò di più per questo. Ma va bene, perché è il mio lavoro. Provo anche molti smartphone e voglio avere sempre lo stesso numero. Altrimenti nessuno può chiamarmi.

E cosa consiglieresti alle persone con un uso meno estremo del cellulare?
Non si dovrebbero pagare più di 40 o 50 franchi. Capisco chiunque voglia una tariffa flat. Anche se per la maggior parte delle persone due o tre gigabyte sono in realtà sufficienti. E se per un mese hai bisogno di qualche gigabyte in più, costa solo qualche franco in più. Nei mesi rimanenti non si paga.

Amore dubbio per la tariffa flat

Perché la tariffa flat è così apprezzata? O meglio: perché è così facile da commercializzare?
La maggior parte delle persone non vuole usare 14 gigabyte come gli utilizzatori frequenti. Ma hanno paura che diventi improvvisamente costoso se superano il loro limite. Ma non è più così. E di norma i contratti oggi hanno anche un tetto massimo di costi. È semplice matematica. Con una tariffa flat, paghi forse 55 franchi al mese. Che moltiplicato per dodici dà 660 franchi all'anno. Per un abbonamento da 3 gigabyte per 25 franchi al mese paghi 300 franchi all'anno. E anche se hai bisogno di più dati per due o tre mesi, risparmi comunque un sacco di soldi. Da stupidi. Ma evidentemente ancora troppo difficile per molti.

Quindi bisogna offrire alle persone un aiuto psicologico?
A quanto pare. Consiglio di misurare una volta il volume di dati utilizzato. Basta impostare il contatore a zero nelle impostazioni all'inizio del mese e poi guardare alla fine per vedere quanto è stato utilizzato. La maggior parte delle persone rimarrà sorpresa del risultato. Anche se hai bisogno di 5 gigabyte, puoi navigare in modo più economico senza tariffa flat.

E se qualcuno vuole per forza 5G?
In realtà, non è ancora un grosso problema, ma tra un anno o due al massimo sarà certamente diverso. Finora solo i grandi fornitori offrivano il 5G, ovvero Sunrise o Swisscom. E non quelli a buon mercato come Yallo o Wingo. Ma anche questo sta cambiando. Soprattutto perché i telefoni di fascia media dovrebbero essere presto in grado di gestire tutti il 5G e non solo la classe superiore come adesso.

Un'altra domanda tecnica: cosa mi dici dell’eSIM?
È pratica per uno smartwatch, ma soprattutto per gli utenti di iPhone. Gli iPhone più recenti – dalla generazione XS del 2018 in poi – sono tutti dotati di doppia SIM. Ma non hanno due slot per le schede. A questo serve l'eSIM. Ad esempio, posso usarla per impostare il mio abbonamento principale. E quando compro una SIM prepagata all'estero, la metto nello slot. Oppure pensa alle persone che hanno un cellulare privato e un cellulare aziendale – esistono ancora, incredibile! Ma per loro è naturalmente anche mega-pratico, perché devono portarsi dietro un solo dispositivo.

Finora abbiamo elegantemente evitato il discorso che anche digitec offra un abbonamento di telefonia mobile. Non c'è bisogno di lusingarci, ma cosa ne pensi?
Credo che digitec si stia concentrando sulla questione «Family». Anche Swisscom sta cercando di fare qualcosa di simile. È un approccio interessante: più persone partecipano, più economico diventa. E tengo sempre d'occhio quello che succede nella famiglia. Ma ora ho solo una moglie e due figli. Questo significa che siamo solo in quattro. Mi manca ancora una persona per approfittare della tariffa flat. Ma non è per questo che arriverà un altro bambino (ride).

Piccolo consiglio: possono essere anche i nonni, o un coinquilino o uno zio...
Ah, questo rende tutto più semplice. La persona deve solo essere abbastanza vicina da permettermi di raccogliere i soldi.

Esatto. Hai capito come funziona.
Grazie. Posso esprimere un altro desiderio?

Certo!
Vorrei avere più opzioni, anche con un sovrapprezzo. Ad esempio una SIM per il mio orologio. Oppure l’opzione 5G. Quasi un kit tutto incluso.

Grazie, sarò felice di inoltrare il tuo desiderio. E grazie per questa chiacchierata.
È stato un piacere.

Il team digitec connect esaudirà a settembre un desiderio di Jean-Claude Frick: arriva la MultiSIM.

A 46 persone piace questo articolo


Martin Jungfer
Martin Jungfer

Head of Content, Zurigo

Giornalista dal 1997 con sedi in Franconia, sul lago di Costanza, a Obvaldo e Nidvaldo e a Zurigo. Padre di famiglia dal 2014. Esperto in organizzazione editoriale e motivazione. Focus tematico sulla sostenibilità, strumenti per l'ufficio domestico, cose belle in casa, giocattoli creativi e articoli sportivi.

Smartphone

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli