Questo articolo è stato tradotto automaticamente.
Novità e trend

3 modi per farsi notare come professionista in Qatar

Michael Restin
17.11.2022

Il regolamento della Fifa regolamenta fino all'ultima etichetta il modo in cui i rappresentanti delle nazioni partecipanti devono vestirsi e come devono apparire. Chi vuole ancora difendere la tolleranza, la diversità e i diritti umani deve inventarsi qualcosa.

È la tragedia prevedibile. Poco prima dell'inizio della controversa Coppa del Mondo in Qatar, le varie nazioni partecipanti stanno lottando per dare un segno visibile di tolleranza e diversità senza alienarsi la Fifa. Questo è praticamente impossibile, perché la Fifa vuole presentare il suo prodotto in modo pulito e, in quanto custode dei regolamenti, ha il sopravvento.

"L'uso o l'utilizzo di qualsiasi parte (del kit da gioco o di altri indumenti o attrezzature e simili) nelle aree controllate è vietato se la FIFA ritiene che sia [...] sono pericolosi, offensivi o discutibili, contengono slogan, dichiarazioni o immagini di carattere politico, religioso o personale o non sono comunque conformi alle Regole del Gioco", afferma il sito Regolamento dell'equipaggiamento, che regolamenta tutto ciò che ha a che fare con l'aspetto visivo di giocatori e allenatori, fino alla perforazione di nomi e numeri (fori non più grandi di 2 mm). Tutto ciò che non è adatto, secondo l'opinione della Fifa, sarà bandito.

Diritti umani per tutti, ma non sulle maglie da allenamento

Poco tempo fa è stata respinta la richiesta della squadra danese di indossare lo slogan "diritti umani per tutti" sulle maglie da allenamento. Gli sponsor si sono schiariti le idee per questo. Ma "diritti umani per tutti" era troppo politico, secondo la Fifa, il cui statuto recita: "La FIFA si impegna a rispettare tutti i diritti umani riconosciuti a livello internazionale e si impegna a tutelarli".

Emozioni come questa sono positive perché l'organo di governo mondiale deve prendere una posizione in merito e questa è già una notizia. Sfortunatamente, solo nei paesi che stanno affrontando questa discussione. Sarà anche interessante vedere come verrà gestita la fascia di capitano che, oltre a Granit Xhaka per la Svizzera, anche i capitani di Inghilterra, Olanda, Belgio, Galles, Francia, Danimarca e Germania vogliono portare al braccio. È stampato con la scritta "One Love" e un cuore colorato.

Auch ein Bild der WM in Katar: Die Binde, die neben Granit Xhaka die Captains von England, der Niederlande, Belgien, Wales, Frankreich, Dänemark und Deutschland am Arm tragen werden. Norwegen und Schweden beteiligen sich ebenfalls an der Aktion, sind aber nicht qualifiziert.
Auch ein Bild der WM in Katar: Die Binde, die neben Granit Xhaka die Captains von England, der Niederlande, Belgien, Wales, Frankreich, Dänemark und Deutschland am Arm tragen werden. Norwegen und Schweden beteiligen sich ebenfalls an der Aktion, sind aber nicht qualifiziert.
Bild: Twitter/@nati\_sfv\_asf

La FIFA non ha ancora rilasciato una dichiarazione definitiva in merito, ma il regolamento è chiaro: "Nei tornei finali FIFA, il capitano di ogni squadra deve indossare la fascia da capitano fornita dalla FIFA. Se la FIFA fornisce diverse fasce da capitano, si dovrà indossare il modello che meglio contrasta con la manica su cui viene indossata". Di certo non forniranno la fascia "One Love". È più probabile che lo sanzionino con una multa. Quali sono le scappatoie nei regolamenti che i professionisti che protestano possono infilare senza che venga loro impedito di farlo prima di scendere in campo con l'argomento micidiale "troppo politico" ?

Possibilità 1: Messaggio in testa

Uno dei passatempi preferiti dei professionisti annoiati, come tutti sappiamo, è quello di volare dal parrucchiere per sorprendere il mondo con un nuovo look alla prossima occasione (e poi sorprendersi della loro scarsa comprensione di esso). Se nel suo bagaglio non ci fosse solo il biondo ma anche i colori dell'arcobaleno, una squadra eterogenea in tenuta impeccabile sarebbe in campo e la Fifa si troverebbe di fronte a una questione spinosa.

Naturalmente non vuole vedere una cosa del genere, ma le acconciature sono state il principale terreno di gioco per le libertà personali dei professionisti. Si poteva diventare campioni del mondo con qualsiasi cosa sulla testa che i barattoli di vernice o il rasoio fornivano. Inoltre, lo statuto della Fifa afferma chiaramente la tolleranza: "È vietata qualsiasi discriminazione nei confronti di qualsiasi paese, individuo o gruppo di individui per motivi di colore, origine etnica, nazionale o sociale, sesso, disabilità, lingua, religione, opinione politica o di altro tipo, proprietà, nascita o altro status, orientamento sessuale o qualsiasi altro motivo, pena la sospensione o l'espulsione".

Una squadra arcobaleno farebbe comunque scalpore e non potrebbe essere nascosta da nessun direttore. Le immagini sarebbero nel mondo. E il "problema" non poteva essere semplicemente confiscato, come è possibile fare con gli oggetti indesiderati: "Il commissario di gara è autorizzato a confiscare tutte le parti non autorizzate e a sottoporle alla FIFA insieme a un rapporto scritto."

Qualche giorno dopo, il commissario di gara avrebbe potuto confiscare tutte le parti non autorizzate e sottoporle alla FIFA insieme a un rapporto scritto.

Per qualche giorno, l'emozione è grande, poi si passa alla partita successiva. L'unico modo per coprire il simbolo indesiderato all'interno del regolamento è fare una concessione tollerante: i giocatori possono indossare "copricapi religiosi, come foulard, turbanti o indumenti simili". Questi devono essere "o il colore dominante della maglia del giocatore o il nero".

Possibilità 2: Messaggio negli occhi

. Mentre attrezzature come copricapi, maschere, ginocchiere e braccioli, occhiali e bende o stecche mediche devono essere approvate e accettate dagli ufficiali di gara prima della partita, almeno la scelta delle lenti a contatto non sembra essere ulteriormente regolamentata. Anche questi sono disponibili nei colori dell'arcobaleno, con segni di pace o, più sottilmente, con tagli sanguinosi che lasciano ampio spazio all'interpretazione. Le spiegazioni possono seguire in seguito. Per ora si tratta di creare immagini.

E i giocatori schierati per l'inno con un messaggio negli occhi sarebbero un'immagine che farebbe il giro del mondo. Queste lenti non sono adatte alla circolazione stradale, ma non contengono nulla sui quarti di finale. Se necessario, possono essere rimossi prima del calcio d'inizio con la stessa rapidità con cui vengono inseriti nello spogliatoio.

Opzione 3: Messaggio sulla pelle

Cosa non può essere rimosso ed è quasi più popolare tra i calciatori delle nuove acconciature? Nuovi tatuaggi. Per quanto ne so, solo il governo cinese ha proibito ai suoi giocatori di indossare gioielli, ma i cinesi non partecipano nemmeno al Qatar. Tutti gli altri sono liberi di punzecchiare, e la Fifa si assicura persino i diritti di utilizzo dei messaggi nel suoRegolamento Media e Marketing.

Dalle star mondiali agli assistenti di kit, ha mano libera per utilizzare praticamente tutto: "Per ciascun membro della delegazione, qualsiasi informazione o caratteristica identificativa in qualità di membro della delegazione, tra cui, tra l'altro. il nome, l'abbreviazione, il soprannome, il numero di maglia, le fotografie, le immagini (comprese le rappresentazioni fisse e in movimento), l'aspetto, l'animazione, i tatuaggi o altre arti corporee, la firma/autografo (comprese le relative copie), la voce, le dichiarazioni, i risultati, i registri, le statistiche, i dati biometrici, altri dati [...]" - e continua per un po'. Pertanto: volano per i tatuatori, i tatuaggi o "altre arti del corpo" sono un buon canale di comunicazione.

Oltre a messaggi piuttosto semplici come le parole "benedetto" (Neymar), un'immagine di se stesso (Leroy Sané) o gli slogan del calendario alla "dream big be unrealtistic" su David Beckham, che sta vivendo il grande sogno come volto della Coppa del Mondo in Qatar e ha un totale surreale di poco meno di 180 milioni di franchi svizzeri, ci sarà spazio su uno o due indici per un breve messaggio da alzare verso la telecamera mentre si esulta: "diritti umani per tutti".

Titelbild: Shutterstock/Sanjay JS

A 5 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Scienziato sportivo, padre di alto livello e ufficiale di casa al servizio di Sua Maestà la Tartaruga.


Sport
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

8 commenti

Avatar