Non sei connesso a internet.
Corporate logo
ArredamentoPuliziaRecensione 411

La rivoluzione della doccia. Oppure no?

Una doccia che riproduce musica e permette di effettuare telefonate. Aurel Stevens non è stato molto soddisfatto della doccia Bluetooth. Per dirla con un eufemismo, il prodotto suona strano anche a me. Ma voglio dare alla doccia un'altra opportunità e quindi metterla alla prova.

Una doccia per ascoltare musica ed effettuare telefonate? Nella mia vita non ne ho mai sentito la mancanza. Se faccio una doccia completa, impiego solo 15 minuti. Il più delle volte addirittura cinque. C'è tempo solo per un'intera canzone. Inoltre, non ho mai sentito il bisogno di fare una telefonata in questi cinque minuti. Tuttavia, vedo due ragioni per questo test: da un lato non posso semplicemente lasciare stare la critica di Aurel Stevens, dall'altro non voglio mostrare troppa ignoranza. Chissà, forse imparerò una lezione. La mia testa e il mio cuore sono aperti a nuove esperienze.

Un piccolo assaggio della doccia montata.

Inizio molto promettente

Strappo apro la scatola con cautela dopo averla trasportata a casa con i mezzi pubblici in tutta sicurezza. All'inizio tutto sembra poco appariscente. Dopo un esame più approfondito, tuttavia, noto la piccola scatola sul soffione. Dovrebbe fare la differenza e cambiare in modo permanente la sensazione di doccia. Ma prima dobbiamo installarla. Finora non è stato un problema. La maggior parte dei pezzi può essere assemblata senza problemi, per il resto c'è una guida pittorica. Per fissare la nuova doccia alla parete bisogna rimuovere prima quella vecchia, che normalmente si può fare con un cacciavite.

Tutto qua: tubo, sostegni, soffione, giunzioni.

Doccia appesa. Sopra il soffione a pioggia con la scatola, sotto la doccetta. Finora, l'unica cosa che si nota è la mancanza di calcare. Il piccolo box deve essere caricato via USB prima di poter riprodurre della musica. Il produttore ritiene che debba essere completamente carico prima del primo utilizzo. Non posso subordinarmi a questo perché non ho tempo. Ma tu probabilmente dovresti farlo. Una volta che la cosa è carica, tutto quello che devi fare è attivare il Bluetooth sullo smartphone. A quanto pare dovrebbe essere piuttosto difficile con i dispositivi Android. E in effetti, in un primo momento, il mio Huawei P10 non trova la doccia. Ma dopo circa dieci minuti e qualche accensione e spegnimento, il telefono e la doccia si trovano. Quindi non è impossibile.

Uno scatto prima del traforo.

Talento musicale

Iniziamo con la funzione musica: apri l'applicazione musicale sul cellulare, seleziona il brano, l’artista o la playlist desiderata e premi «Play». Se non ti piace la canzone, puoi semplicemente continuare a premere sul soffione. Se pensi che una canzone sia così bella da doverla sentire di nuovo, non c'è problema. Un piccolo consiglio prima di infilarti sotto la doccia: alza il volume quasi al massimo sul tuo smartphone. Sarà più facile che dal soffione, considerando la pressione dell'acqua. Una volta che avrai regolato tutto, vedrai che la doccia suonerà piuttosto bene e scorrerà perfettamente.

Qualche pecca nelle telefonate

Passiamo ora alla funzione più interessante: le telefonate. Interessante non perché ne abbia proprio bisogno, ma perché sono curiosa di sapere quanto sia buona questa funzione. La prima pecca: puoi ricevere telefonate, ma non puoi effettuarne. In nessun punto del manuale viene spiegato come rispondere correttamente alla chiamata. Grazie a Google ho scoperto che è necessario premere il pulsante di avanzamento rapido. Ma non ha funzionato. E l'ho provato ben 15 volte. Così sono uscita dalla doccia per premere il pulsante verde sul mio telefono, con le dita bagnate. Il telefono si è bagnato, il bagno anche, ho preso freddo e ho accettato il rischio di una caduta. Dopodiché, delusa più che mai, mi sono rinfilata sotto la doccia. Al telefono ho dovuto abbassare un po' il getto d'acqua per sentire davvero bene.

Conclusione

Anche a cuore aperto la doccia non mi ha convinta. Tuttavia, non è poi così inutile come pensava Aurel Stevens. Un espediente divertente in linea con il motto: «Puoi farlo ma non devi». La musica suona bene e senza interruzioni, ma non la userei mai per telefonare. Ed è per questo che non ne vale la pena. Le mie docce sono talmente brevi che posso benissimo intrattenermi in solitario sfruttando la mia voce angelica.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Uno sguardo all'armadietto del nostro bagno: <strong>prodotti di bellezza</strong> per Lei
Bellezza + Cura del corpoPresentazione di prodotti

Uno sguardo all'armadietto del nostro bagno: prodotti di bellezza per Lei

Multifunzionali brillanti o totalmente inutili?
SmartphoneNovità e trend

Multifunzionali brillanti o totalmente inutili?

6 accessori per <strong>un bagno da sogno</strong>
ArredamentoPresentazione di prodotti

6 accessori per un bagno da sogno

User

Carolin Teufelberger, Zurigo

  • Junior Editor
Ampliare i miei orizzonti: si riassume così la mia vita. Sono curiosa di conoscere e imparare cose nuove. Le nuove esperienze si nascondono ovunque: nei viaggi, nei libri, in cucina, nei film o nel fai da te.

4 Commenti

3000 / 3000 caratteri

User gozxmoney

Einfach ein UE Boom in den Shampoohalter stellen xD

06.07.2018
User Cremeschnitte

genau, einfach und gute Qualität....;-)

08.07.2018
Rispondi
User desion70

Es gibt mittlerweile so viele wasserdichte Bluetooth Lautsprecher, dass ich dieses Produkt irgendwie unnötig finde.
Ich verwende beim duschen meine jbl charge 3, die Kosten nur etwa die Hälfte, liefern einen wirklich guten Sound und kann man auch noch anderweitig verwenden.

09.07.2018
User taylorwilson591

this is good information about shower luckily i am a writer of DissertationPlus.co.uk/ and i will must share in my article.

31.07.2018