Non sei connesso a internet.
Corporate logo
SportIspirazione 114

Viviane Obenauf: pugni volanti per il fitness

Viviane Obenauf è una pugile professionista impegnata in competizioni internazionali a cui piace mantenersi in forma nel tempo libero. Ma siccome non riesce proprio a separarsi dal suo sport preferito, Viviane arriva anche sul ring di Berna: ecco dove si allena con la fit boxe.

Viviane Obenauf non sa stare ferma.

La 31enne dovrebbe essere seduta su uno sgabello nel ring di Boxen Bern per fare la nostra intervista. Invece non riesce a rimanere seduta: tira pugni nell’aria e oscilla avanti e indietro con la parte superiore del corpo, come se stesse eludendo un avversario. Viviane Obenauf è una pugile.

Vivane Obenauf vive e si allena a Interlaken, dove ha la sua palestra.

«Oggi non sono in formissima», dice. Si lamenta che a Natale ha preso qualche chilo. Parla veloce, con un accento brasiliano e un grande sorriso sul volto. Ci dice che non ha molto tempo, perché l’allenamento inizia tra 15 minuti. Vivane si riscalda prima di salire sul ring per l'allenamento vero e proprio.

Non riesce proprio a stare ferma.

Pugni contro i chili di troppo

Quando non combatte contro un avversario sul ring, la pugile, che ha studiato pedagogia del gioco e che oggi indossa un paio di leggins grigi e gialli che sfoggiano il suo logo, si dedica sempre al suo sport preferito. Insegna boxe e lezioni di combattimento nella sua palestra a Interlaken e a Berna.

«Tutto è iniziato dopo la gravidanza», dice. Rivolge uno sguardo veloce a suo figlio, che è impegnato nell'allenamento di playboxing, uno sport inventato da Viviane, e aggiunge: «La classica boxe è troppo noiosa per un bambino». Poi torna a noi e ci racconta che voleva rimettersi in forma.

«E per me si poteva fare solo con la boxe», dice, mentre abbozza un sorriso e alza le spalle, lasciando cadere i pugni verso il basso. Con gli altri sport, infatti, le mancava la motivazione o la volontà.

«È come se la boxe avesse fatto scattare qualcosa in me. O avesse premuto un interruttore. Insomma, qualcosa del genere.»

Perciò Viviane ha accolto lo sport a braccia aperte e ha detto addio ai chili di troppo. Senza danni e senza dolore, ma dopo decine di migliaia di pugni su sacchi pieni di sabbia e sui guantoni dei suoi compagni di allenamento. Dopo tutto, la fit boxe è uno sport ispirato alla boxe, in cui tiri jab, ganci e uppercut, ma solo su pungiball e contro le altre persone che si allenano con te. Nella fit boxe non si vedono nasi rotti od occhi neri, ma braccia toniche, glutei ben definiti, pancia piatta e un’energia infinita.

In effetti, Viviane inizia il riscaldamento insieme alla classe di circa 20 persone in questa palestra di boxe qui a Berna, che dal 1935 è rimasta invariata nelle sue caratteristiche di base, senza troppi sforzi. Tanto che fa una battuta dopo l’altra mentre gli altri faticano a respirare, tiene il ritmo mentre gli altri rallentano e fa anche due chiacchiere con il video producer Stephanie Tresch, che è dietro la telecamera. Le riprese sono finite, ma a Viviane non importa: è nel suo elemento. La criniera riccia legata dietro la testa oscilla insieme a lei.

Pugni? C’è molto di più

Già durante il riscaldamento, una cosa è chiara: Viviane dà il tutto per tutto. Il coach colpisce forte, lei reagisce allo stesso modo. O ancora più duramente. Push-up, pugni con i pesi, jogging sul posto... Piano piano, Viviane inizia a sentire lo sforzo. Non è affannata: respira in modo scandito e controllato. Inala attraverso il naso, espira dalla bocca. Non perde mai il controllo. È difficile capire se stia sferrando il suo primo o ultimo pugno, perché li esegue tutti allo stesso modo. Con il cross – un pugno diretto incrociato – la gamba posteriore gira e rigira sempre esattamente nello stesso modo.

Pugno dopo pugno, Viviane è tornata di nuovo in forma dopo la nascita di suo figlio e si è spianata la strada per diventare una pugile professionista

Il riscaldamento è finito. Viviane indossa un paio di guantoni neri del marchio Hammer. La sua avversaria/compagna di allenamento un paio di Leones nero/rosa. Si sfidano a suon di jab. Attacchi brevi, che in un vero e proprio match di boxe vengono utilizzati per confondere l'avversario con l’obiettivo di mantenerlo a distanza. Fai quattro colpi, fai quattro passi avanti. Li schivi quattro volte, fai quattro passi indietro. Viviane commette un errore, ride, lascia cadere i pugni.

«La boxe non è solo uno sport per ragazzi», dice Viviane. «Anche le ragazze sono molto brave».

E sicuramente ne sa qualcosa, visto che sale sul ring per combattere in match internazionali. A volte vince, a volte no. A dicembre ha incassato un duro colpo (e ha perso il match): a Leicester, in Inghilterra, ha combattuto contro Chantelle Cameron, che ha vinto il titolo mondiale femminile di pugilato pesi leggeri dell'International Boxing Organization. Ha dovuto arrendersi tra il quarto e il quinto round. Il giorno seguente ha postato un video su Facebook per ringraziare i suoi fan, sfoggiando un occhio e un labbro gonfio.

«Non è stato il mio combattimento migliore», dice Viviane. Distoglie brevemente lo sguardo da Stephanie, dietro la telecamera, e guarda a terra. Ma solo per un attimo: poi alza gli occhi, ricomincia a muoversi e fissa di nuovo l’obiettivo. Poi via di body shot, cioè uppercut, che vengono inferti sul lato dell’avversario nel caso in cui non si sia coperto dai colpi o non li abbia schivati. Nei pugni che tira non mette tutta la sua forza, perché qui nessuno vuole ferire l’avversario; nella fit boxe non si è mai l’uno contro l’altro, ma, al contrario, si lavora insieme. Naturalmente ci si concentra sul perfezionare la tecnica, ma solo per ridurre il rischio di causare o subire lesioni.

Prima dell'allenamento Viviane ha esattamente la stessa energia che ha anche dopo.

Non capita spesso di vederla con entrambi i piedi a terra ed entrambi i pugni lungo il corpo! Che si tratti di fit boxe o boxe sul ring, Viviane Obenauf non sa davvero stare ferma.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Sabrina Kriesi. Professione: <strong>insegnante di yoga</strong>
video
SaluteIspirazione

Sabrina Kriesi. Professione: insegnante di yoga

Crea il tuo <strong>angolo di paradiso</strong>
ArredamentoProdotti consigliati

Crea il tuo angolo di paradiso

<strong>Novità sportive</strong> da Galaxus
OutdoorProdotti consigliati

Novità sportive da Galaxus

User
Giornalista. Autore. Hacker. I miei temi hanno a che fare principalmente con Android o Apple iOS. Anche la sicurezza informatica è molto importante per me, poiché oggi la privacy non è più una questione secondaria bensì una strategia di sopravvivenza.

1 commento

Per favore, effettua il login.

Devi effettuare il login per scrivere un nuovo commento.


User danmaster333

Cooler Artikel und coole Frau. Irgendwie ist es immer so, dass die ganz guten Trainer mit Akzent sprechen (auch meiner). Ist wohl ein Master Yoda Dings.

01.02.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

Effettua il login per poter rispondere al commento.