Non sei connesso a internet.
Corporate logo
SportOutdoorCiclismoKnow-how sui prodotti 47

Garmin Edge 1030: il bike-computer per ciclisti ambiziosi

Pianifichi il tuo allenamento non solo in modo preciso, ma dai grossa importanza anche alle statistiche? Il bike-computer «Edge 1030» è proprio quello che fa per te. Ho testato personalmente il nuovo modello di Garmin.

Sinceramente, finora ho avuto poco a che fare con i bike-computer. In qualità di free rider non ho mai dato importanza a statistiche su velocità massime, lunghezza del percorso, dislivello e consumo di calorie. Per me conta solo divertirsi: là un salto, qui una fossa. Tuttavia, dallo scorso anno, dopo aver scambiato una Enduro per una Downhill, questi noiosi numeri sono diventati sempre più interessanti. Finora ho registrato tutto con il mio smartphone su Strava. Ma il mio telefono cellulare è molto impreciso e la batteria si scarica abbastanza velocemente. Era necessario un vero e proprio dispositivo. Allora, perché non il dispositivo professionale per eccellenza, il Garmin «Edge 1030»? Ho portato il super bike- computer con me per fare alcuni giri della casa.

Il computer

Il Garmin Edge 1030 è il successore del modello Edge 1000, che ha avuto grande successo. Tuttavia, il modello è stato modificato; da notare la cornice bianca e il grande display touch da 3,5 pollici. È possibile manovrare il dispositivo anche tramite tre tasti posti sul lato. La durata della batteria è di 20 ore e può essere raddoppiata fino a 40 ore grazie a un pacchetto batteria opzionale. Il dispositivo dispone di GPS, compatibile anche con il sistema satellitare russo GLONASS, altimetro barometrico, ANT+, Bluetooth, interfacce USB e WiFi. In questo modo si hanno i prerequisiti per la compatibilità con cinghie di trasmissione, misuratori di potenza, roller trainer e molto altro ancora. La memoria interna da 16 GB può essere espansa fino a 2 TB con una Micro SD o Micro SDC. Il dispositivo è impermeabile con IPX7 e pesa 123 grammi.

Preparazione

Se non hai esperienza con i bike-computer, come me, sarai un po’ sopraffatto. Approfondisco per circa un'ora prima di salire in bici. Faccio a meno delle istruzioni e studio il dispositivo secondo «Try and Error» e con Google. Il menu sembra essere molto ordinato a prima vista. Mi piace la presentazione pulita. Ma ciò che sembra buono in un primo momento, crea presto qualche problema. La guida ai menu non è così intuitiva come appare e quindi serve un certo tempo per ambientarsi. Garmin Edge 1030 è dotato di due set di montaggio: un normale attacco manubrio/telaio e un supporto aerodinamico. Ho scelto quello normale. Nonostante il diametro del manubrio di 35 millimetri, è estremamente resistente.

Display e servizio a portata di mano

Una volta indossato, Edge 1030 si presenta come un tablet. Il dispositivo è abbastanza grande con il suo display da 3,5 pollici. Le informazioni sono facili da leggere e il sensore di luminosità funziona bene. Non ho mai avuto problemi durante le mie corse e il passaggio alla modalità notturna funziona in tempo e senza intoppi. L'ampio display è facile da usare con i guanti. Durante la pedalata, tuttavia, capita spesso di commettere qualche errore di battitura. Ad esempio, se si scorre verso destra nell'applicazione principale, si passa dalla visualizzazione del computer della bicicletta alla modalità mappa. Viene visualizzato così il menu a tendina dall'alto. Fondamentalmente, però, il dispositivo è facile da usare e raramente devo togliere il guanto.

Tempi di durata della batteria

Secondo Garmin, la batteria del nuovo Edge 1030 dura fino a 20 ore. Durante il mio giro serale non posso sfruttare davvero questo tempo. Dal momento che non ho completamente caricato il dispositivo in anticipo, mi ritrovo in realtà a corto di batteria. Ho iniziato con circa il 25% di carica e ho pedalato per circa due ore. Poco prima della destinazione, l'apparecchio passa alla modalità di risparmio energetico e non può più essere utilizzato. I miei valori Strava sono spariti! Tuttavia, quando lo metto in carica, il dispositivo calcola il percorso e lo carica. Grazie al cielo!

Navigazione e mappe

Per testare la navigazione sul percorso, voglio scaricare alcuni file GPX e trasferirli sul dispositivo. Poiché il computer si sincronizza con l'applicazione Garmin Connect sullo smartphone tramite Bluetooth, penso sia un gioco da ragazzi. Immagino di poter scaricare i brani dal mio cellulare e sincronizzarli tramite l'app. Purtroppo, scopro che questo può essere fatto solo con delle deviazioni. Così scelgo un metodo classico: scaricare i file GPX sul computer portatile e trasferirli via dispositivo USB.

Verso il mio home trail: il Bachtel, nell’Oberland zurighese.

Il percorso più semplice porta intorno alla collina, perché è qui che la salita è più piacevole. Ma l’Edge 1030 in qualche modo non vuole ammetterlo. Vuole invece guidarmi lungo il percorso più diretto, più ripido e quindi più faticoso. Anche il ricalcolo del percorso funziona solo verso la fine della salita. Fortunatamente, nelle impostazioni di navigazione è possibile selezionare i possibili metodi di deviazione e routing. Se questo funziona, posso scoprirlo testando di più. La posizione, però, funziona perfettamente. La navigazione mostra sempre correttamente dove mi trovo. Ma questo non dovrebbe essere particolarmente difficile nell'Oberland zurighese. I segnali acustici, che segnalano curve strette, hanno attirato la mia attenzione in modo positivo. Non perderò quindi la deviazione sul sentiero. Ma mi interesserebbe molto sapere esattamente come funziona nelle Alpi.

La mappa di base installata è quella europea per biciclette. Ovviamente è possibile caricare sul dispositivo mappe topografiche alternative. In particolar modo per i ciclisti di mountain bike, la versione con mappe TOPO è ideale.

Garmin Connect: connesso con Strava

Bella la funzione Strava integrata. Non appena finisco un tour, i dati vengono caricati direttamente automaticamente sul conto personale Strava. Interessante soprattutto per i membri premium di Strava è la possibilità di ottenere Live segment. In questo modo è possibile competere anche con altri.

Conclusione

A chi serve esattamente il Garmin Edge 1030? Al ciclista serale medio o al fanatico di allenamento e tecnica? In qualità di ciclista medio, non ne ho bisogno. Per qualche giro nei dintorni e qualche registrazione su Strava mi bastano un activity tracker e/o uno smartphone. Le possibilità offerte dalla periferica Edge 1030 non sono esaurite. Il dispositivo è adatto al ciclista particolarmente ambizioso che vuole seguire molto da vicino il suo training. In combinazione con i sensori di potenza, la cintura di frequenza cardiaca e i piani di allenamento, rivela i suoi veri punti di forza. Il dispositivo è perfetto anche per coloro che vogliono misurarsi online dal vivo con i partner d’allenamento e soprattutto per gli avventurieri che sono sulla strada per diversi giorni e stanno pianificando grandi tour, come ad esempio attraversare le Alpi.

Edge 1030 (Europa)
CHF 565.–
Garmin Edge 1030 (Europa)
4

Disponibilità

Invio postale

  • Più di 10 pezzo(i)
    nel nostro magazzino

Ritiro

  • Basilea: domani alle 13:10
  • Berna: domani alle 12:15
  • Dietikon: domani alle 14:30
  • Genf: domani alle 13:30
  • Kriens: domani alle 12:00
  • Losanna: domani alle 15:40
  • San Gallo: domani alle 15:30
  • Winterthur: domani alle 13:30
  • Wohlen: oggi alle 18:00
  • Zurigo: oggi alle 17:30

PickMup

Solo se ordini immediatamente.
Tutte le informazioni senza garanzia.

Visualizza i dettagli

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Bici: ecco le <strong>novità più in voga del 2018</strong>
CiclismoNovità

Bici: ecco le novità più in voga del 2018

<strong>Urban Riding</strong> – rimani in forma con queste quattro tipologie di bici
CiclismoProdotti consigliati

Urban Riding – rimani in forma con queste quattro tipologie di bici

<strong>Sangue, sudore, lacrime</strong>: ciononostante, o proprio per questo, ami la tua bici da corsa
OutdoorProdotti consigliati

Sangue, sudore, lacrime: ciononostante, o proprio per questo, ami la tua bici da corsa

User
In Marokko einsame Pointbreaks surfen oder doch lieber den «Never End» im Laaxer Bikepark runterdonnern? In der Reuss surfen gehen oder doch lieber Backflips über Dirtjumps üben? Dank meiner beiden grossen Hobbys finde ich immer eine Alternative, auch wenn das Wetter einmal nicht mitspielt. Freeride- und Slopestyle-Contests überlasse ich heute lieber den jungen Wilden mit Knochen aus Gummi und organisiere mit meinem Verein Contests im Bikepark Rüti. Als Category Marketing Specialist im Bereich Bike kann ich meine Passion auch in meinem Job täglich ausleben.

4 Commenti

Per favore, effettua il login.

Devi effettuare il login per scrivere un nuovo commento.


User Shortnik

Hallo Herr Feucht, vielen Dank für Ihren Test! Haben Sie den "FallichaufdieFressegibtAlarm-Modus" auch angesehen oder sogar getestet? Ich bin mir nämlich am überlegen ob ich sowas brauche, da ich meist alleine mit dem Bike unterwegs bin. Gruess Chris

09.05.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

User Daniel Feucht

Hallo Shortnik! Nein, die Unfallbenachrichtigung habe ich noch nicht getestet.....ich stürze zum Glück äusserst selten ;-). Ich habe mir die Funktion jedoch angesehen und auch eine Notfallperson konfiguriert. Ich denke, gerade wenn man alleine unterwegs ist kann das Sinn machen. Wie oft dann aber eine Fehlmeldung verschickt wird kann ich nicht festhalten.

09.05.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

Effettua il login per poter rispondere al commento.

User Anonymous

GPS Daten kann man auf verschiedene Wege aufs Gerät bringen. 1. Über IQ Apps wie z.B. Komoot. Auf Komoot lassen sich Routen am PC/Mac sehr gut planen. Es sind auch Singletrails verzeichnet. 2. Über das Smartphone und die Garmin Connect Mobile App. Über den Smartphone Browser einfach die GPS Route herunterladen und in Garmin Connect importieren. Danach sind die Routen unter Strecke in der App zu finden und lassen sich einfach auf das Garmin Gerät übertragen.

Ich selber habe keinen Edge1030, jedoch einen Fenix 5x und einen Edge1000, da funktioniert der Import wie beschrieben.

11.05.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

Effettua il login per poter rispondere al commento.