Azione! Neo di Matrix non ha personalità
RetroscenaHome cinema

Azione! Neo di Matrix non ha personalità

Luca Fontana
Zurigo, il 28.02.2019
Traduzione: Leandra Amato
Nel thriller fantascientifico «The Matrix», Neo non è altro che un modello di supereroe senza personalità. Ma c'è una scena che lascia intravedere il suo passato, spiegando molte cose.

Filosofico, distopico e critico sociale. Travestito da film d'azione, «The Matrix» del 1999 pone domande fondamentali sugli sviluppi umani e tecnologici, guadagnandosi così il suo posto come uno dei migliori film di fantascienza di tutti i tempi.

Tuttavia, il protagonista Neo (Keanu Reeves) non ha paure, sogni o speranze. La maggior parte del tempo, agisce come richiesto dalla trama del film. Il massimo del carattere è una sola frase sulla sua precedente vita in Matrix quando passa davanti a un ristorante: «Lì ci ho mangiato. Degli spaghetti favolosi».

Neo, come viene ritratto nel film, è una maschera senza personalità, che in qualche modo è tutti e allo stesso tempo nessuno. Oppure no? Anche prima ancora che Neo sia a conoscenza della sua esistenza in Matrix, viene interrogato da Agenti. Impariamo di più sul personaggio Neo nei prossimi quattro minuti che nel resto del film.

Diamo un’occhiata.

Neo è un ribelle fin dall'infanzia e ama la letteratura

La scena inizia con l'interrogatorio da parte del capo degli Agenti: agente Smith (Hugo Weaving). Gli agenti sono programmi di tipo umano in Matrix la cui funzione primaria è quella di eliminare chiunque possa rivelare la verità su Matrix o danneggiare il suo sistema. Smith apre una cartella sul tavolo contenente tutta la vita di Neo. In cima c'è la sua fedina penale.

Restano solo poche frazioni di secondo per dare un'occhiata a questo registro – circa 13 secondi nel video sopra. Se fermi l'immagine al momento giusto e la ruoti di 180 gradi, ottieni questo:

Secondo i casellari giudiziari, Neo è nato come Thomas A. Anderson l'11 marzo 1962 nel Lower Downtown, Capital City. Ad ogni modo, in Matrix. Più tardi, Neo scoprirà che nel mondo reale è l'anno 2199 – non esiste più di una stima in questo mondo post-apocalittico. La simulazione in Matrix è impostata sul 1999 – circa 200 anni nel passato. Dunque, l'anno effettivo di nascita di Neo nel mondo reale non è il 1962, ma 2162.

I genitori di Neo sono Michelle McGahey, che prende il nome dal direttore artistico) di «The Matrix», e John Anderson. Neo ha frequentato la Central West Junior High e poi la Owen Paterson High, quest'ultima intitolata allo scenografo. All'età di 13-14 anni, durante la sua permanenza alla Central West Junior High, Neo ha avuto sempre più volte problemi disciplinari. Tuttavia, per il suo coinvolgimento nel calcio e nell'hockey, è diventato un membro rispettato della comunità scolastica.

Ti rendi conto di quanto siano ultragenerici tutti questi nomi?

Alla Owen Paterson High, Neo si è fatto un nome nel campo delle scienze naturali, della matematica e dell’informatica. Ha inoltre dimostrato grande interesse per la storia e la letteratura. Questo si riflette nei primi minuti del film, quando Neo nasconde dei floppy disk con malware illegali nel libro «Simulacra and Simulation». Spiegazione: si tratta probabilmente della più stravagante raccolta di saggi di sempre.

Il libro è stato scritto dal francese Jean Baudrillard nel 1981. Secondo IMDb-Trivia, i protagonisti dovevano aver letto i trattati filosofici di Baudrillard prima di ricevere la sceneggiatura per poter partecipare al film. Secondo i creatori, il libro era indispensabile per comprendere il concetto di Matrix. Ma ne parlerò dopo.

Torniamo a Neo. Nella sua legittima attività, Neo è un programmatore introverso per la rispettabile società di software MetaCortex. «Meta» è una parole di origini greche che significa «in mezzo, sopra o trascendere». «Cortex» indica la parte più esterna del cervello. MetaCortex attraversa, per così dire, i confini del cervello. Un assaggio di quello che Neo farà più tardi nel film.

Cosa significa questo per la personalità di Neo?

Neo si è opposto alle autorità fin da giovane, ribellandosi contro il sistema. Non c'è da stupirsi se più tardi si unirà alla ribellione contro il mondo delle macchine.

Prima che ciò accada, Neo abbandona la sua inclinazione a infrangere le regole nella sua «seconda vita», come la chiama l'agente Smith nella scena dell’interrogatorio. Lì, Neo è un hacker che penetra nei sistemi informatici per rubare e vendere informazioni sotto il nome da hacker «Neo». A proposito, Neo è l’anagramma della parola inglese «One». Quindi «il numero uno», oppure: «l’Eletto».

Nel film, Neo dice che per tutta la vita ha avuto la sensazione che qualcosa non andasse nel mondo: «Hai mai provato la sensazione di non sapere se sei sveglio o se stai ancora sognando?» Pertanto, ai suoi tempi da hacker, Neo cercava l'uomo che potesse dargli delle risposte: Morpheus (Laurence Fishburne). Da dove ha preso Neo questi dubbi sulla realtà?

Il suo interesse per la letteratura potrebbe fornire una risposta a questa domanda. Nel suo appartamento ci sono cumuli di libri. Tra questi si trova anche «Simulacra and Simulation» di Jean Baudrillard, il libro che gli attori dovevano leggere prima dell'inizio delle riprese. In sostanza, il francese sostiene che stiamo vivendo in una simulazione che nasconde una realtà scomparsa da tempo e diventata iperrealtà. L'iperrealtà è qualcosa come la copia della copia della copia (e così via) della realtà precedente.

Un esempio: Disneyland non è un posto reale. Il castello, il paesaggio, le persone che si vestono da Topolino, Paperino e compagnia bella – sappiamo tutti che sono solo finzione. Ma il carattere ovviamente artificiale del parco suggerisce che il mondo esterno è un mondo reale. Solo che, secondo Baudrillard, non esiste più perché è stato sostituito da innumerevoli copie. Ed è proprio questo che Disneyland dovrebbe nascondere ai suoi visitatori attraverso la sua artificialità esagerata.

Per facilitare la comprensione delle idee di Baudrillard, il suo lavoro viene spesso paragonato a Matrix, ma funziona solo fino a una certa misura. Infatti, nel film c'è ancora realtà al di fuori di Matrix, anche se non è bella. Chiunque prenda la pillola rossa può riconoscerla. Quindi, nel film, la gente ha una scelta, nel mondo di Baudrillard invece no.

Il simulacro non è mai ciò che nasconde la verità – è la verità che nasconde il fatto che non c'è alcuna verità. Il simulacro è vero.
Jean Baudrillard

I critici descrivono ripetutamente il pensiero di Baudrillard come masturbazione intellettuale. Ma a quanto pare Neo ne è stato molto coinvolto. Forse è stato questo a fargli capire che qualcosa non quadra nel mondo? Ciò spiegherebbe perché sta cercando risposte a una domanda che forse non conosce nemmeno, e perché nella sua paranoica illusione ha dato una falsa data di nascita quando ha rilasciato il passaporto.

È possibile vedere il passaggio nella scena dell’interrogatorio sopra, se si blocca l'immagine dopo circa 57 secondi e la si ruota di 180 gradi.

Resta da capire perché il tranquillo programmatore diventa improvvisamente un leader: Morpheus viene catturato perché crede in Neo e vuole salvarlo. Neo, che non crede in se stesso, non vuole che Morpheus faccia questo sacrificio. Così Neo esce e cerca di salvare Morpheus, anche se tutti gli dicono che è una missione suicida. Ma a Neo, il nostro eroe, non importa. Improvvisamente l'hacker che non crede in se stesso guida la resistenza.

[[small: Tank: «Allora, cosa ti serve? A parte un miracolo». Neo: «Armi. Tante armi».

Il suo cambiamento di carattere non ha alcun senso. Solo che il mondo del cinema lo richiede in fretta. Ed è l'archetipo dell'eroe generico che subisce una trasformazione e poi cresce andando oltre se stesso. Ma il coinvolgimento di Neo nella squadra di calcio e hockey dimostra che ha imparato presto ad essere rispettato o addirittura a diventare un leader. Nella squadra non solo viene riconosciuto, ma anche rispettato. Certo, il calcio e l'hockey non sono la stessa cosa di una rivoluzione meccanica. Ma in questo contesto il cambio di mentalità di Neo sembra un po' meno assurdo.

Neo non ha molti tratti caratteriali. Ma eccoli qui: è ostinato e contro la società. Se non apertamente, allora di nascosto. Non ha sbattuto la testa ed era bravo in materie che richiedevano un pensiero logico: matematica e informatica. Inoltre è un tipo molto colto. Questo lo rende aperto a nuove idee, ma anche sospettoso. A parte questo, Neo è perfettamente in grado di assumersi responsabilità per se stesso e per gli altri.

Allora perché i creatori di «The Matrix» si sono impegnati così tanto per nascondere tutte queste caratterizzazioni in così poche frazioni di secondo rendendole quasi impercepibili agli spettatori?

Neo è dannatamente generico – di proposito

Quello che all'inizio sembrava un copione pigro, era puramente intenzionale. Questo anche se l'attenzione di «The Matrix» è focalizzata su Neo. La storia vera e propria inizia secoli prima, e cioè quando l'uomo e la macchina hanno combattuto guerre l'uno contro l'altro e il cielo si è oscurato.

«Animatrix – The second Renaissance, Part 1». La parte 2 è anche su YouTube.

Ma dove molti film iniziano con l'esposizione di Adamo ed Eva, noi spettatori veniamo qui gettati direttamente nell'azione dai fratelli Wachowski, che hanno scritto e diretto il film.

Gli Agenti attaccano Trinity (Carrie-Anne Moss), che ha osservato qualcuno e scompare tramite un telefono pubblico. Non c'è tempo per spiegare.

Chi sono gli Agenti? Perché Trinity può rimanere sospesa in aria? E che cosa è quindi Matrix? Poco importante – almeno per il momento. Da spettatori lo scopriamo molto più tardi – insieme a Neo. Quando qualcosa viene spiegato a lui, in realtà viene spiegato a noi spettatori. Se si stupisce, ci stupiamo anche noi. E quando Neo sussurra «Wow!», allora lo facciamo anche noi.

Questo è più evidente nei primi 45 minuti del film. Secondo IMDb-Trivia Neo dice 80 frasi, di cui 44 – più della metà – sono domande. Quindi si tratta di una domanda al minuto. E non è una coincidenza. Noi spettatori dovremmo proiettarci su di lui come su uno schermo vuoto. Dovremmo sentirci come se anche noi avessimo preso la pillola rossa. Tuttavia, questo è possibile solo se il personaggio «Neo» ha poche caratteristiche, ma necessarie. Ecco perché è così generico – e questo è geniale.

Cioè: il suo cognome di nascita? Anderson. Solo Smith sarebbe stato più arbitrario, ma quello è il nome dell'agente. La sua scuola, la Central West Junior High, si trova nel «centro ovest». Luogo di nascita? Lower Downtown, Capital City. In altre parole, qualcosa come «sobborgo di una città» o anche «una comunità generalizzata», che assomiglia di più a New York, anche se le riprese si sono svolte a Sydney, Australia.

Una cosa è chiara: a Neo piacciono gli spaghetti. Anche a noi.


Luca Fontana
Luca Fontana
Editor, Zurigo
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Azione! Sylvester Stallone: dai film erotici a «Rocky»
RetroscenaHome cinema

Azione! Sylvester Stallone: dai film erotici a «Rocky»

Azione! Gli Incredibili: cosa si nasconde nella frase «India Golf Niner-Niner is buddy-spiked»?
RetroscenaHome cinema

Azione! Gli Incredibili: cosa si nasconde nella frase «India Golf Niner-Niner is buddy-spiked»?

Trailer Tuesday: Terminator 6, Star Trek e Westworld
Novità e trendHome cinema

Trailer Tuesday: Terminator 6, Star Trek e Westworld